Caffè turco, una versione davvero squisita

Caffe turco
Commenti: 0 - Stampa

Cosa ha di speciale il caffè turco?

Il caffè turco è uno dei caffè più apprezzati del mondo. A dispetto del suo nome, è consumato anche in Grecia e nei Balcani. E’ un caffè diverso dal nostro, un po’ più forte ma più lungo. Di norma è anche speziato, ma molti lo apprezzano al naturale, con il solo zucchero ad arricchire la bevanda. Il caffè turco deve essere preparato con un’apposita caffettiera, la cezve o ibrik che dir si voglia. Si tratta di una caffettiera che per certi versi assomiglia alla nostra moka, ma che spicca per un profilo più snello. E’ più potente delle caffettiere nostrane, dunque occorre fare attenzione in quanto l’acqua bolle con una rapidità maggiore.

Particolare è anche la fase finale, ossia quella che precede il consumo del caffè. Infatti, una volta versato nelle tazzine, occorre aspettare qualche secondo, ovvero il tempo necessario affinché la polvere di caffè si depositi sul fondo. A proposito del caffè, esistono miscele ad hoc, ma in linea di massima è possibile utilizzare qualsiasi tipologia di caffè. L’unico accorgimento, da questo punto di vista, riguarda la macinazione, che deve essere “completa” in quanto il caffè deve trasformarsi in una polvere sottilissima, quasi impalpabile.

E’ una preparazione che risale all’antichià  che affonda le sue radici in tempi davvero remoti. Si racconta, infatti, che uno dei primi caffè alla turca fu quello preparato da Allah e offerto dall’Arcangelo Gabriele a Maometto, il quale stremato dal caldo del deserto riuscì a riprendersi e a sconfiggere 40 cavalieri.

Una leggenda, che si tramanda da secoli. Che racconta del valore immenso che questa bevanda ha per la cultura di cui porta il nome, Paese che ha simboleggiato un po’ le “porte dell’Occidente” per questa misteriosa e profumata miscela nera. A metà del 1500 ad Istanbul veniva aperta la prima ca etteria, molto prima che in Europa, luogo di incontro di personaggi.I turchi lo considerano un vero e propriorituale e lo ritengono immancabile in momenti importanti della loro vita  come i matrimoni, le cerimonie religiose, ma anche quando arrivano degli ospiti a casa.

Al caffè turco è legata anche la caffeomanzia, l’arte di leggere i fondi del caffè. È proprio consumando e quindi rovesciando una tazzina di caffè turco che, in passato, si leggeva il futuro nelle figure che risultavano dalla miscela rimasta sul fondo. Oggi quest’arte è quasi del tutto caduta in disuso. L’amore per il caffè invece resiste. Nei millenni.

Come speziare il caffè turco?

Una delle differenze tra il caffè turco è il nostro caffè riguarda la possibilità di aggiungere delle spezie. In effetti, vista la grande tradizionale speziale che il Medioriente vanta, molti bevono il caffè speziato. A tal proposito, quali spezie utilizzare? Da questo punto di vista è garantito il massimo margine di discrezione, ma alcune soluzioni sono più frequenti di altre. Di norma si opta per la cannella e il cardamomo. La cannella è una delle spezie più dolcificanti in assoluto, d’altronde viene impiegata soprattutto per le produzioni dolciarie. In questo caso sostituisce o potenzia lo zucchero, pur garantendo un aroma specifico, capace di aumentare la profondità organolettica della bevanda.

Caffe turco

Discorso diverso per il cardamomo, che si caratterizza per un sapore “fresco” e di tipo floreale. Alcune varianti, poi, rievocano il sapore acre del limone. Il cardamomo va quindi impiegato quando si desidera avere un caffè turco con un sentore più forte e acidulo. Quando vanno aggiunte le spezie? Di norma dopo la polvere di caffè e lo zucchero, comunque poco prima di rimettere la caffettiera sul fuoco. In questo modo si favorisce un’amalgama completa e un’efficace commistione di sapori.

Alcuni accorgimenti da seguire

Rispetto al nostro caffè, quello turco pone in essere alcune problematiche. La questione riguarda soprattutto la temperatura dell’acqua. Di norma l’acqua della moka nostrana deve bollire, o in qualche modo arrivarci vicino. Il processo in questo caso è diverso, in quanto è il calore stesso a favorire la commistione dei sapori e le dinamiche di infusione che caratterizzano il caffè turco. Tuttavia, se si esagera e si arriva all’ebollizione, tutti gli ingredienti vanno incontro a una carbonizzazione. Insomma la bevanda perde il suo aroma e acquisisce uno sgradevole sentore amaro.

Fate attenzione anche alle dosi. In genere quando si utilizza una caffettiera italiana, la classica moka, è semplice rispettare le proporzioni: l’acqua deve raggiungere la valvola (o almeno sfiorarla), il caffè, invece, deve riempire la cialda. In questo caso è diverso e occorre “avere occhio”. Per non sbagliare, calcolate 50 ml. di acqua e un cucchiaino di polvere di caffè a persona.

Ecco la ricetta del caffè turco:

Ingredienti per 1 persone:

  • 1 cucchiaino di caffè in grani,
  • 50 ml. di acqua,
  • q. b. di zucchero.

Preparazione:

Per la preparazione del caffè turco iniziate macinando il caffè o, in alternativa, utilizzare direttamente il caffè macinato finissimo “alla turca”. Portate l’acqua ad uno stadio immediatamente precedente all’ebollizione, mettendola nel cezve (una tradizionale caffettiera mediorientale). A fuoco spento aggiungete il caffè e lo zucchero, mescolate e accendete di nuovo la fiamma. In questa fase, se lo desiderate, potete aggiungere anche le spezie.

Continuate così fino a quando la soluzione non aumenta di volume, formando la schiuma. Ora spegnete il fuoco e versate il caffè nelle tazzine, attendendo fino a quando la polvere di caffè non ha raggiunto il fondo. Se si desidera un caffè più corposo si può lasciare raffreddare per qualche secondo per poi rimetterlo sul fuoco per altre due volte, senza far raggiungere l’ebollizione.

5/5 (533 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti