logo_print

Tisana alla lavanda, una bevanda squisita e salutare

Tisana alla lavanda
Stampa

Le proprietà della tisana alla lavanda

La tisana alla lavanda è una bevanda molto gradevole, facile da preparare e rilassante. Non è esattamente una bevanda tipica, tuttavia può essere associata alla cultura provenzale, dal momento che in quella parte di Francia la lavanda ricopre un’importanza significativa, sia dal punto di vista gastronomico che botanico. Ad ogni modo, ci tengo a precisare che questa non è la solita tisana, infatti i fiori di lavanda, in questo caso, sono parte integrante della preparazione.

Questo rende la bevanda ancora più saporita e decisamente più genuina. Ne risulta una tisana in grado di regalare preziosi momenti di relax, da sorseggiare magari la sera per conciliare meglio il sonno. Tra le tante proprietà la lavanda ha un’azione di contrasto nei confronti dell’insonnia. Nonostante il procedimento sia diverso dalle classiche tisane acquistate al supermercato (banalmente manca la bustina con l’infuso), è comunque molto semplice da mettere in pratica. Ad ogni modo, seguite le poche indicazioni che vi darò tra poco.

Perché il miele fa bene?

In genere le tisane sono estremamente leggere, proprio come la tisana alla lavanda. Basta mettere a riscaldare un po’ di acqua e procedere con l’infusione. In questo caso, c’è un passaggio in più, che arricchisce la bevanda senza appesantirla. Sto parlando dell’aggiunta del miele, ne basta un solo cucchiaino per trasformare questa bevanda donando sapore e consistenza. Tra l’altro, il miele sostituisce più che degnamente lo zucchero, che molti integrano per rendere più dolci le tisane.

Tisana alla lavanda

Il miele, come tutti sanno, è un elemento salutare. Dolcifica anche più dello zucchero senza causare effetti collaterali, anzi recando benefici per l’organismo. Il miele, innanzitutto, è una fonte inesauribile di sali minerali, e in particolare di manganese e ferro, dunque può essere considerato una sorta di “rivitalizzante” naturale. Sono note, poi, le proprietà antinfiammatorie e disinfettanti del miele, tali per cui è attestato come “rimedio della nonna” per la tosse e il mal di gola. E poi è semplicemente buono!

I pregi della tisana ai fiori di lavanda

I fiori di lavanda sono molto versatili, vengono utilizzati innanzitutto a scopo decorativo, visto il loro gradevolissimo profumo, la forma aggraziata e il colore suggestivo (un lilla insolitamente brillante). Tuttavia possono avere un ruolo anche dal punto di vista gastronomico, che si riscontra soprattutto nelle ricette tipiche di alcune zone della Francia, come per esempio la Provenza. E’ per questo motivo che potremmo definire la tisana a base di lavanda come una “bevanda provenzale”.

I fiori di lavanda, oltre ad aggiungere un aroma delicato e un profumo suggestivo, recano molti benefici all’organismo. Sono infatti ricchi di antiossidanti, e in particolare di flavonoidi, i quali agiscono per contrastare i radicali liberi e contribuiscono alla prevenzione del cancro. I fiori di lavanda, poi, si caratterizzano per l’azione sedativa, tale per cui rappresentano l’ideale per arricchire una tisana da bere prima di andare a dormire. Tra l’altro, i fiori di lavanda alleviano il mal di testa, lo stress e la tensione muscolare. In questa ricetta i fiori i lavanda vengono “bolliti” nell’acqua della tisana per qualche minuto, in modo da cedere aromi, profumi e proprietà nutritive in maniera pressoché completa.

Ecco la ricetta della tisana alla lavanda

Ingredienti per 1 tazza:

  • acqua naturale,
  • 1 cucchiaino di fiori di lavanda,
  • 1 cucchiaio di miele.

Preparazione:

Per la preparazione della tisana alla lavanda iniziate inserendo i fiori nel colino da tè, poi bolliteli in pentolino con dell’acqua per 5 minuti circa. Poi fate riposare la tisana per 5 minuti e zuccheratela a piacere con un po’ di miele (in genere basta un cucchiaio). La tisana andrebbe gustata una mezz’oretta prima di andare a dormire in quanto concilia il sonno ed ha un effetto rilassante liberandoci dallo stress.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


27-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti