Trota all’arancia, la buona cucina conquista tutti

Trota all arancia
Stampa

Trota all’arancia, una ghiotta occasione per San Valentino

Trota all’arancia, la buona cucina conquista tutti. Febbraio è arrivato e alcuni non vedono l’ora che arrivi la festa degli innamorati, San Valentino. Sarà, come sempre, una delle occasioni per mettersi ai fornelli e forse sperimentare qualcosa di nuovo. Volete organizzare una bella serata con l’intenzione di conquistare il tuo lui o la tua lei, oppure semplicemente rafforzare un vecchio legame? Non è obbligatorio andare al ristorante per San Valentino. Molte coppie, soprattutto quelle più adulte e con famiglia, potranno decidere di passare la loro festa degli innamorati proprio a casa. La cena è un elemento essenziale della serata, per questo vi suggerisco alcuni utili consigli. Non preparate piatti troppo elaborati o piccanti e bandite l’aglio dal menù in quanto potrebbe rovinare la digestione. Inoltre, cercate di capire quali sono i suoi piatti preferiti e se ha delle intolleranze o allergie.

Non preoccupatevi se non siete abilissimi in cucina. Scegliete piatti semplici e andrete sul sicuro. Organizzatevi prima, così da non dover passare troppo tempo in cucina tra una portata e l’altra. Preparate due bottiglie di vino in frigo e curate nei dettagli la tavola. A tal proposito, vi consiglio una tovaglia bianca abbastanza elegante e posate e bicchieri raffinati. Non fatevi mancare due o tre rose rosse e delle candele profumate. Concludete il tutto con una musica adatta (magari le vostre canzoni preferite) e con un abito elegante e sciccoso. In questo modo la vostra cena romantica a lume di candela sarà perfetta ed adatta al vostro partner. Fatemi sapere com’è andata ;)

Qualche info sulla trota all’arancia

La trota all’arancia è un’idea per una cena a lume di candela. In effetti, è facile da preparare e non richiede troppo impegno nella gestione della cottura. E’ anche leggera, quindi proprio ideale per la cena di San Valentino. Si tratta di cuocere la trota al forno in una pirofila unta di burro, e aggiungere a fine cottura del succo di arancia. Il risultato è straordinario nella sua semplicità, e capace di esaltare il significato stesso di “agrodolce”.

Trota all arancia

La trota, poi, è una specie ittica tra le più apprezzabili, sia per il sapore che per le proprietà nutrizionali. E’ una buona fonte di proteine, e da questo punto di vista non ha nulla da invidiare alle carni più sostanziose. Da segnalare è soprattutto la presenza della vitamina D, estremamente abbondante. Questa sostanza esercita una formidabile azione antiossidante e rafforza il sistema immunitario. La trota, inoltre, è povera di grassi e i pochi grassi che contiene sono per giunta buoni, come i famosi acidi grassi omega tre, che fanno bene al cuore e all’apparato cardiovascolare. Infine, si caratterizza per un apporto calorico equilibrato, pari a 140 kcal per 100 grammi.

Perché sono presenti panna e burro in un secondo agrodolce?

Alcuni di voi potrebbero storcere il naso alla presenza del burro e della panna nella lista degli ingredienti della trota all’arancia. D’altronde, cosa ci fanno due latticini in un secondo agrodolce? In realtà, la loro partecipazione a questa ricetta è più che giustificata. Un tocco dolciastro è anzi d’uopo, vista la resa organolettica della trota al forno, che punta decisamente sul delicato. La panna, va detto, non viene sottoposta al calore, ma funge da “letto” per la pietanza, ponendo in essere una suggestiva combinazione di sapori.

Per quanto concerne il burro, esso interviene in due fasi: durante la farcitura della trota (minima a dire il vero) e nella preparazione della cottura. Nello specifico, viene utilizzato per ungere la teglia in sostituzione del classico olio. Vi consiglio di optare per il burro chiarificato, che resiste meglio alle elevate temperature ed è del tutto privo di caseina.

Ecco al ricetta della trota all’arancia:

Ingredienti per 4 persone: 

  • 1 trota salmonata del peso di circa 1 kg,
  • 2 arance rosse,
  • 3 cucchiai di panna consentita,
  • 1 cucchiaio di timo tritato,
  • 20 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale.

Preparazione: 

Per la preparazione della trota all’arancia iniziate pulendo la trota, poi lavatela, asciugatela e mettete nell’interno un pochino di burro (una grossa noce) mescolato al timo tritato. Ungete di burro una pirofila, accomodatevi sopra la trota, salatela, e mettetela a cuocere in forno caldo a 180 gradi. Durante la cottura muovete ogni tanto la pirofila senza rigirare il pesce e irroratelo con il liquido raccolto sul fondo.

Versate il succo di un’arancia sulla trota e fatela cuocere ancora per qualche minuto. Sfornatela e accomodatela sul piatto da portata. Ora versate nel fondo di cottura la panna, quindi mescolate, aggiustate di sale, scaldate un’ poco il sughetto a fiamma bassissima e versatelo sulla trota prima di portare il piatto in tavola. Infine, guarnite con la rimanente arancia privata della buccia e tagliata a fettine molto sottili.

CONDIVIDI SU

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-02-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela!

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti