bg header
logo_print

Nidi di tagliatelle con funghi, un primo rustico e gustoso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Nidi di tagliatelle con funghi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 15 min
cottura
Cottura: 00 ore 25 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Nidi di tagliatelle con funghi e fontina, un primo rustico ed elegante

I nidi di tagliatelle con funghi e fontina sono un primo piatto fuori dal comune. Questo piatto riesce a coniugare un carattere sostanzialmente rustico, che rientra nella tradizione dei primi all’italiana, con una spiccata eleganza, che deriva dall’impiattamento. Un elemento di diversità è dato anche dalla tipologia di tagliatelle utilizzate, che in questo caso sono aromatizzate alle erbe. Il particolare tipo di tagliatelle è uno spunto ulteriore per differenziare la ricetta e garantire sentori straordinari, che emergono nonostante un condimento tutto sommato ricco. Nello specifico, il condimento è realizzato con funghi e passata di pomodoro, arricchiti dalla fontina in cubetti. Quest’ultime è destinata a sciogliersi, visto che l’ultimo passaggio della ricetta avviene al forno.

Per quanto concerne la compatibilità di questo piatto con chi soffre di intolleranze alimentari e disturbi dell’assorbimento occorre fare un distinguo. Per gli intolleranti al lattosio non vi è alcun problema, in quanto la fontina, benché non sia stagionata, è priva di questa sostanza. I celiaci invece non potrebbero consumare questo piatto, ma basta sostituire le tagliatelle con delle varianti gluten-free per sopperire al problema.

Ricetta nidi di tagliatelle con funghi

Preparazione nidi di tagliatelle con funghi

Per preparare i nidi di tagliatelle con funghi e fontina iniziate dal condimento. Pulite con attenzione i funghi e riduceteli a cubetti. Poi pulite e lavate le verdure per il soffritto, infine riducetele a trito. Soffriggete le verdure in una padella con l’olio extravergine di oliva e qualche minuto dopo incorporate i funghi. Proseguite la cottura per 6 minuti, poi versate il vino bianco e sfumate a fiamma alta. Infine abbassate la fiamma, unite la passata di pomodoro e regolate con un po’ di sale e di pepe.

Intanto cuocete in acqua salata le tagliatelle, lasciandole però al dente. Poi saltate le tagliatelle nella padella con il condimento, infine trasferitele in una teglia unta di olio, creando dei nidi con un forchettone. Coprite con il sugo rimasto in padella e con la fontina tagliata a dadini. Date una bella spolverata di formaggio grattugiato e cuocete al forno per 10 minuti a 180 gradi, gli ultimi 5 impostate il forno in modalità grill. Servite e buon appetito.

Ingredienti nidi di tagliatelle con funghi

  • 360 gr. di tagliatelle alle erbe
  • 600 gr. di passata di pomodoro
  • 400 gr. di champignon freschi
  • 1 bicchiere vino bianco
  • 150 gr. di mix di verdure per soffritto (sedano; carota; cipolla)
  • 200 gr. di fontina
  • 80 gr. di parmigiano reggiano grattugiato
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale e pepe.

Quali funghi scegliere?

I funghi ricoprono una grande importanza in questi nidi di tagliatelle, infatti conferiscono loro un taglio rustico. Ma quali funghi utilizzare? Di base andrebbero bene tutti i tipi di funghi, ma per l’occasione consiglio di andare sul sicuro e di utilizzare gli champignon. Questa varietà, infatti, si differenzia per un sapore lineare ma intenso, tale da emergere anche al cospetto della passata di pomodoro e di interagire facilmente con i formaggi. Tra l’altro, gli champignon sono anche facili da pulire e da cuocere. Spesso, come in questo caso, basta una spadellata a cui poi si aggiunge la salsa.

Gli champignon sono anche validi dal punto di vista nutrizionale. Contengono le vitamine del gruppo B, che fanno bene alla tiroide e ottimizzano il metabolismo. Contengono persino la vitamina D, che è rara in natura ma essenziale per il sistema immunitario. Troviamo inoltre un discreto carico di sali minerali, come il magnesio, il calcio, il potassio e lo zinco. Come tutti i funghi, sono poveri sia di carboidrati che di proteine. I grassi sono quasi assenti, infatti un etto di champignon si attesta sulle 22 kcal per 100 grammi.

Le interessanti proprietà della fontina

Anche la fontina gioca un discreto ruolo per questi nidi di tagliatelle con funghi. Viene posta sulla pasta poco prima di essere infornata, dunque va incontro a completo scioglimento, formando una specie di cremina che si abbina al meglio con il resto dei condimenti. La fontina è uno dei formaggi più conosciuti, anche perché viene utilizzata spesso come companatico per panini e piadine, proprio in virtù per la sua capacità di sciogliersi in fretta. Questo tipo  di formaggio ha un sapore leggermente dolce che mantiene intatti i sentori del latte.

Nidi di tagliatelle con funghi

La fontina può dire la sua anche sul piano nutrizionale. Come tutti i formaggi poco stagionati presenta una quota di grassi non irrilevante ed è piuttosto calorica: 390 kcal per 100 grammi. In compenso contiene dosi abbondanti di vitamina D, una quantità non trascurabile di proteine e tanto calcio, che fa bene alle ossa e ai denti. Come già accennato, la fontina non contiene lattosio, per quanto la stagionatura sia di soli tre mesi, dunque è adatto agli intolleranti a questa sostanza.

Come impiattare i nidi di tagliatelle?

L’aspetto più sorprendente dei nidi di tagliatelle con funghi e fontina è il modo con cui sono impiattati e rifiniti. Lo scopo è di creare proprio dei nidi, ovvero disporre le tagliatelle in modo circolare. Per farlo è necessario utilizzare un forchettone, che garantisce una presa più salda sulle tagliatelle. I nidi così formati vanno sistemati su una teglia leggermente unta di olio e completati con la salsa rimasta in padella e con la fontina tagliata a cubetti. A quel punto non rimane che il passaggio al forno.

La cottura al forno consta di due fasi di durata uguale. Nella prima avviene la cottura “normale”, mentre nella seconda si effettua una leggera gratinatura, impostando il forno va impostato in modalità grill. A questo punto non rimane che attendere qualche secondo, affinché la pasta si raffreddi un po’, giusto per rendere più comodo il consumo et voilà, i nidi di tagliatelle con funghi e fontina sono pronti.

Ricette con i funghi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...