Risotto alle cime di rapa, un primo di colore e gusto!

Risotto alle cime di rapa
Commenti: 0 - Stampa

Risotto alle cime di rapa, una coraggiosa scelta di ingredienti

Il risotto alle cime di rapa, crudo di tonno e limone candito non è il classico risotto. Certo, la procedura non differisce granché, d’altronde si tratta di tostare il riso, aggiungere il brodo e mantecare. A segnare una differenza rispetto ai risotti tradizionale è la scelta degli ingredienti, che a prima vista possono sembrare fuori luogo, ma alla fine si riveleranno davvero azzeccati. A spiccare su tutti è il tonno crudo, ingrediente di per sé estraneo a molte cucine regionali italiane e comunque rarissimo nei risotti.

Anche il limone candito costituisce un elemento di differenziazione importante, e aggiunge sentori particolari e niente affatto scontati persino per i palati più raffinati. Va detto, però, che la scelta degli ingredienti non è fatta solo per stupire, ma è frutto della volontà di armonizzare sapori molti diversi tra di loro.

Partiamo con i valori nutrizionali delle cime di rapa

Le cime di rapa, quando sono originali (ovvero appartenenti alla rapa sylvestris) non sono solo squisite, ma anche preziose dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è in primis allo straordinario contenuto di vitamine e sali minerali. Infatti abbondano di potassio, fosforo, calcio, magnesio e ferro. Dunque sono un toccasana per l’organismo e in particolare per la circolazione, la composizione sanguigna e le funzioni cognitive. Le cime di rapa contengono discrete dosi di vitamina C, che rafforza il sistema immunitario, e dosi ancora maggiori di vitamina A, che fa bene alla funzione visiva. Non mancano poi le vitamina J e K, e quelle del gruppo B. Le cime di rapa apportano anche alcuni antiossidanti, come la luteina e il beta carotene, sostanze che contrastano i radicali liberi e agiscono in funzione anticancro.

Le cime di rapa sono ricche sia di fibre che di acqua, ciò significa che aiutano la digestione e, allo stesso tempo, esercitano una funzione depurativa. L’apporto calorico, infine, è davvero ridotto, pari a circa 30 kcal per 100 grammi. Non trascurabile è anche l’apporto di proteine (il 3% circa),  e quasi nullo quello dei grassi.

Alcuni utili consigli sul tonno crudo

In linea di massima il tonno crudo è un alimento sicuro se si seguono alcune specifiche accortezze. Tra queste, il congelamento: le basse temperature, infatti, abbattono la carica batterica e uccidono i parassiti. Il consiglio principale, comunque, consiste nell’acquistare il tonno nella propria pescheria di fiducia, ovvero da persone che si conoscono e di cui ci si fida.

Risotto alle cime di rapa

Ad ogni modo, il tonno è uno dei pesci che più di ogni altro si prestano al consumo a crudo. Il motivo è semplice: contiene pochissimi grassi, dunque vanta un gusto piacevole anche se non viene cotto o viene leggermente marinato. Il tonno crudo, poi, si caratterizza per il valore nutrizionale, che è superiore alla variante cotta. Gli acidi grassi omega 3, come tanti altri preziosi nutrienti, si deteriorano parzialmente in seguito alla cottura.

Il ruolo speciale dello zucchero

Uno dei punti di forza del risotto alle cime di rapa e tonno crudo è proprio il limone candito. Un ingrediente che certamente non viene considerato “da risotto” ma che in questo caso è capace di offrire molto in termini di gusto e, perché no, di estetica. Per limone candito si intende la scorza di limone fatta bollire in acqua e zucchero. Proprio questo procedimento garantisce sì l’acre del limone, ma rielaborato in termini più gradevoli e meno forti.

In linea di massima questa rivisitazione del risotto alle cime di rapa propone una delicata sinfonia di sapori, e rappresenta un’occasione per provare una variante sui generis del classico risotto. Insomma, è una ricetta da prendere in considerazione e magari sfruttare per le grandi occasioni.

Ecco la ricetta del risotto alle cime di rapa, crudo di tonno e limone candito

Ingredienti per 6 persone:

  • 480 gr. di riso Carnaroli
  • 80 gr. di scalogno
  • 1 lt di brodo vegetale
  • 400 gr. di cime di rapa
  • 30 gr. di acciughe dissalate
  • 300 gr. di filetto di tonno
  • 2 limoni
  • 3 dl di acqua
  • 20 gr. di zucchero semolato
  • 70 gr. di pecorino grattugiato
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Iniziate la preparazione del risotto alle cime di rapa partendo dallo scalogno, sbucciatelo, tagliatelo a julienne ed adagiatelo in una casseruola. Coprite poi con l’olio e fatelo cuocere per 20 minuti a fiamma bassa. Infine lasciatelo raffreddare, filtrate l’olio e conservatelo. A questo punto cuocete le cime di rapa in acqua salata, poi fatele raffreddare in acqua e ghiaccio. Scolate ora le cime di rapa e frullatele insieme alle acciughe. Passate poi alle scorze di limone, tagliatele a julienne e cuocetele con zucchero e acqua fino a completa evaporazione.

Tagliate infine il tonno a piccole fette e conditelo con olio, sale e pepe. Adesso occupatevi del riso: semplicemente tostatelo con l’olio dello scalogno, copritelo con il brodo e cuocete il tutto per 10 minuti. Aggiungete poi la purea di cime di rapa, un po’ di sale, pepe e continuate la cottura mescolando. Terminata la cottura mantecate con un po’ di olio e del pecorino. Impiattate aggiungendo il tonno e le scorze di limone.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti