Orologio al salmone: delizia per gli occhi e il palato

Orologio al salmone: un delicato equilibrio da gusto ed estetica

Basta dare un’occhiata alla foto per capire che l’orologio al salmone non è un piatto come gli altri. A colpire, in prima battuta, è l’impatto estetico, che certamente richiama i piatti di alta classe. Creatività, senso del colore, raffinatezza sono tutte caratteristiche che l’orologio al salmone può vantare. Sia chiaro, la speciale disposizione degli ingredienti non è un vezzo estetico, bensì uno strumento attraverso cui veicolare un’esperienza. Il detto “anche l’occhio vuole la sua parte”, d’altronde, vale pure in cucina.

Nondimeno, l’orologio al salmone è un piatto gustoso. Il salmone si sposa alla perfezione con le verdure, inoltre le metodologie di cottura consentono agli alimenti di valorizzarsi a vicenda. Il tutto in una prospettiva che premia la leggerezza. Sono pochissime le calorie che possono essere attribuite a questo piatto, mentre elevati sono i valori nutrizionali.

Un’azzeccata scelta di ingredienti

Alla base dell’impatto estetico e delle qualità nutrizionali dell’orologio al salmone c’è la scelta degli ingredienti. Questa scelta si rivela più che azzeccata, e procede appunto dalla volontà di conferire al piatto un impatto estetico significativo, soprattutto lato colore, e un gusto eccellente. Il rosa del salmone, il verde brillante dei cavoletti, il giallo luminoso dei pomodorini pongono in essere una delicata sinfonia di colori, messa in scena ottimamente dalla “creativa” disposizione degli ingredienti.

Sullo sfondo, una completezza di valori nutrizionali che esclude solo e unicamente i carboidrati. L’ orologio al salmone fornisce una elevata quantità delle proteine e di acidi grassi omega 3, entrambi forniti dal salmone, ma fornisce anche fibre, vitamine, antiossidanti.

Non dimentichiamoci della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica!

Visto che siamo in tema di sostanze benefiche, sempre ricercate nelle nostre ricette, vi invito e prendere nota di un evento che si terrà dal 14 al 22 marzo, ossia la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica promossa dalla Lega Italiana per la lotta contro i Tumori. Una splendida iniziativa che ha come scopo primario la sensibilizzazione per la prevenzione oncologica perseguendo corretti stili di vita (lontani dallo stress e dalla sedentarietà di tutti i giorni) ed una sana alimentazione.  Proprio per questo, il simbolo dell’evento non poteva non essere il nostro caro olio extravergine di oliva, 100% italiano!

Proprio per questo, vi propongo di seguire la campagna social #previenimangiando che vede coinvolte importanti realtà del settore come ristoratori, cuochi, scuole di cina e food blogger. Nulla di complicato, basta pubblicare (durante questa settimana) una foto di ciò che hai cucinato dando le tue motivazioni sul perchè reputi il tuo piatto sano e nutriente. Non dimenticare di accompagnare la tua foto con i seguenti hashtag: ‪#‎previenimangiando e #liltgenova.  In questo modo diffonderemo una cultura sana e attenta all’alimentazione, nostra prima alleata in termini di prevenzione oncologica. Aiutaci a diffondere la notizia condividendo sui social la nobile iniziativa promossa da LILT:  #previenimangiando.

Orologio al salmone

Perché i pomodorini ciliegini gialli

A prima vista i pomodorini ciliegini gialli potrebbero non risultare così invitanti. Il giallo nel pomodoro, viene spesso considerato sinonimo di scarsa maturazione. Ovviamente, i pomodorini ciliegini gialli non sono acerbi, non quelli assegnati alla ricetta dell’orologio di salmone almeno. E’ una qualità particolare, che per altro si avvicina all’origine del frutto (esatto, il pomodoro è un frutto!), che prima dell’intervento umano era di colore giallo e di piccole dimensioni.

Il pomodorino ciliegino giallo è molto apprezzato per preparazioni di questo tipo perché molto gustoso e praticamente privo di succo. La presenza di liquidi in questa ricetta ovviamente produrrebbe alcuni inconvenienti e rischierebbe di “sporcare” il piatto, che invece appare pulito, asciutto e deciso nel suo approccio “artistico”. In conclusione, la presenza del pomodoro ciliegino giallo è giustificato dalle esigenze estetiche (che in questo piatto sono elevate) ma anche dall’offerta in termini di gusto.

Ecco la ricetta dell’orologio al salmone

Ingredienti:

  • 800 gr di salmone
  • 18 cavolini di Bruxelles
  • 16 pomodorini ciliegini gialli
  • 1 zucchina piccola
  • 2 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Mondate e lavate i cavolini. Mettete nel cestello per la cottura al vapore, Riempiamo la pentola sotto con sufficiente acqua. Il livello dovrà essere di circa 2cm più basso rispetto al cestellino che contiene le verdure.

Mettete il coperchio e portate ad ebollizione. Da quando l’acqua bolle calcolate circa 10 minuti. Punzecchiamoli con i rebbi della forchetta per verificare se sono teneri.

Dividete i due cavoletti in due parti, conservatene una e tagliate finemente l’altra, infine conditela con olio e sale. Soffriggete dolcemente in olio extra-vergine d’oliva sedici pomodorini dopo averli accuratamente lavati e aver applicato loro una incisione a croce. Tagliate il salmone a cubetti da 50 gr ciascuno (ne dovreste ricavare sedici), poi fatelo rosolare nell’olio già riscaldato fino a completa doratura.

Tagliate infine una fetta dalla zucchina e ricavate 4 bastoncini lunghi circa 10 cm e altri 4 lunghi circa 5 cm. Adesso componete il piatto. Disponete un pomodorino crudo tagliato a metà al centro, intorno al piatto disponete gli ingredienti assemblati come vedete in foto e formate la composizione con il pezzo di cavoletto (quello non condito) come base, sormontato dai cubetti di salmone, dal resto dei cavoletti e dai pomodorini alternando il tutto. Infine, disponete a mo’ di lancette i bastoncini di zucchina.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *