Sformatini di verdure con tomini: un pasto nutriente

Sformatini di verdure con tomini: una scelta di ingredienti azzeccatissima

Gli sformatini di verdure con tomini sono una ricetta facile e veloce, ma anche un pasto completo in grado, a costo di un ridotto apporto calorico, di offrire tutti i macronutrienti necessari per una dieta bilanciata. E’ necessaria appena una mezz’ora per realizzarli, e pochi ingredienti, per giunta di facile reperibilità: broccoli, patate, piselli, burro, pane. Tutti alimenti all’apparenza semplici ma che in questa ricetta si valorizzano l’un l’altro dando vita a una variante del classico sformato davvero gustosa.

Il tocco finale, poi, è dato dal tomino, un formaggio che dà il meglio di sè in questo genere di preparazioni, vista anche la sua consistenza. In questo caso “sostitusce” la provola, e lo fa in modo egregio. Personalmente trovo questi sformatini la ricetta perfetta per valorizzare verdure e ortaggi, e allietare i commensali con un pasto sfizioso e sano.

Il tomino, un formaggio sottovalutato

L’unica variazione sul tema della “semplicità” è data dal tomino. Si tratta di un formaggio particolare, originario del Piemonte e poco conosciuto nel resto d’Italia. In un certo senso, il suo essere confinato a livello regionale l’ha protetto dalle inevitabili contaminazioni che subiscono alcuni prodotti tipici quando diventano, per così dire, mainstream. Il tomino, in tutte le sue varietà (ce ne sono tante altre), conserva anche le proprietà organolettiche di una volta.

Sformatini di verdure con tomini

E’ un formaggio a stagionatura breve, la quale nella maggior parte dei casi non supera il mese. Ciononostante non è molto calorico, certamente lo è meno della provola e della ricotta. Data la sua consistenza, è perfetto per le composizioni che prevedono un passaggio al forno. Il tomino, infatti, si scioglie senza creare fastidiosi filamenti (cosa che invece fa la provola).

Il ruolo fondamentale dei broccoli e delle patate

Tomini a parte, che ricoprono un ruolo importante in questi sformatini, sono le patate e i broccoli a salire in cattedra. Non è solo una questione di gusto, elemento su cui questi due ortaggi comunque incidono. Le patate e i broccoli, infatti, contribuiscono a dare consistenza a questo sformatino di verdure, mantenendone la struttura grazie anche all’abbondante dose di pane grattugiato tostato.

Importante è anche l’impatto che esercitano al punto di vista organolettico e nutritivo. Le patate sono un’ottima fonte di energia, mentre i broccoli si caratterizzano per l’abbondante presenza di vitamina B, calcio, ferro, fosforo, potassio e sulforafano. Quest’ultima sostanza, in particolare, esercita una funzione antitumorale.

Ecco la ricetta dei sformatini di verdure con tomini

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 gr. di pisellini fini
  • 150 gr. di broccoli
  • 2 patate
  • 2 tomini
  • 2/3 fette di pane consentito
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 60 gr. di parmigiano reggiano
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Bollite separatamente i pisellini, i broccoli e le patate. Scolate i broccoli e le patate, poi, una volta intiepiditi, tagliateli a tocchetti. Rimuovete la crosta dal pane e macinatelo nel mixer, successivamente tostatelo in padella con pochissimo olio d’oliva per due o tre minuti. Condite poi le verdure aggiungendo un po’ di sale, pepe ed olio extravergine di oliva (senza esagerate).

Passate del burro sulle cocottine da forno in modo da ungerle per bene e spolverate uno strato di parmigiano grattugiato. Versate poi le verdure lessate in precedenza, compattandole con il dorso del cucchiaio. Infine coprite con un paio di fette di tomino e una cucchiaiata abbondante di pane tostato. Cuocete in forno a 180 gradi per un quarto d’ora.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *