Tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli

Tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli
Commenti: 0 - Stampa

Piatto speciale? Tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli

Le tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli amabili e speciali sotto ogni punto di vista. Si presentano come un piatto che possiamo sempre portare in tavola con grande soddisfazione. Infatti, si tratta di una ricetta che comunica eleganza e che, allo stesso tempo, regala un coinvolgente e prelibato intreccio di sapori ad ogni ospite presente alla vostra tavola.

La seppia aggiunge a questo piatto un valore e una squisitezza inestimabile, che si amalgama perfettamente al gusto e alla consistenza dei pomodorini rossi e gialli. Se amate questi ingredienti, il suggerimento è di provare al più presto queste deliziose tagliatelle… A questo proposito, ecco tutto quello che dovreste sapere prima di assaporare questa pietanza!

Tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli: dovete provarle

La seppia è tendenzialmente la protagonista di questo piatto, in quanto è proprio questo alimento a offrire un sapore davvero unico. Si tratta di un mollusco di mare molto utilizzato nelle cucine di tutto il mondo che, una volta pulito a dovere, si trasforma in un alimento gustoso e capace di regalarci una buona dose di proteine, potassio, calcio e fosforo. La sua carne magra e povera di colesterolo rende questo cibo estremamente ipocalorico e adatto anche per coloro che stanno seguendo un regime alimentare dietetico.

Portando in tavola le tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli, possiamo quindi assaporare un pasto gustoso, leggero e dotato di un buon valore nutrizionale. Grazie a questo mollusco, questa pietanza si rivelerà anche molto saziante e non comporterà un elevato apporto di calorie. Tuttavia, per preparare un pasto delizioso sotto ogni punto di vista, è sempre necessario scegliere delle seppie di qualità.

Per selezionare quelle migliori, possiamo considerare le dimensioni e prediligere quelle più grandi, ma è consigliabile basarsi principalmente su tre fattori: la freschezza, la conservazione e il luogo di provenienza. Infatti, è ovvio che più sono fresche e più sono buone, ma bisogna anche pensare che quelle congelate hanno un sapore letteralmente diverso da quelle comprate al banco frigo o alla pescheria.

Inoltre, dovremmo sempre prediligere le seppie del Mar Mediterraneo che, secondo gli esperti, sono dotate di carni più consistenti e di qualità organolettiche decisamente superiori rispetto a quelle presentate dalle seppie pescate nell’Oceano Atlantico.

Gli ortaggi protagonisti delle tagliatelle

Come avrete capito, la seppia è un alimento particolare e molto buono. Ad ogni modo, bisogna anche dire che se amerete questo piatto di pasta… il merito sarà anche dei pomodorini! Scegliendo dei prodotti biologici e di elevata qualità, potrete aggiungere a questo primo delle notevoli sfumature di sapore, nonché una buona quantità di minerali, vitamine e antiossidanti.

In pratica, le tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli potranno soddisfarvi sotto ogni punto di vista. Una volta pronte le adorerete e quando le assaggerete non potrete più farne a meno: il vostro palato gioirà e il vostro organismo vi ringrazierà!

Ecco la ricetta delle tagliatelle di seppia con pomodorini rossi e gialli

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr seppie
  • 400 gr di pomodorini gialli e rossi
  • 50 gr di pesto
  • q.b. sale e pepe
  • q.b. qualche fogliolins di basilico fresca
  • 4 cucchiai di succo di lime
  • 5 cucchiai di olio extravergine oliva

Preparazione

Prendete la seppia fra le mani ed estraete l’osso, spingendolo con le dita, fuori dall’apertura che si trova fra i tentacoli e la sacca. Separate il corpo dai tentacoli, tenendo la sacca con una mano e afferrando con l’altra la testa, appena sotto gli occhi.

Staccando i tentacoli uscirà anche la sacca intestinale con la vescichetta. Adagiate i tentacoli sul tagliere e, con un taglio sopra gli occhi, separateli dalle viscere. Eliminate gli occhi e il becco.

Terminate queste operazioni potete spellare la sacca svuotata. Sollevate un lembo di pelle nella parte alta della sacca e staccatela dalla carne. Afferratela bene in modo da toglierla, in un sol colpo, intera.

Cuocete in acqua bollente e salata. Scolatele al dente e tagliate a striscioline come fossero delle tagliatelle.

Versate le tagliatelle in una terrina e aggiungete il pesto di basilico, sale, pepe, olio e il succo di lime. Mescolate accuratamente e lasciate marinare per circa 1 ora.

Lavate e tagliate i pomodorini a spicchi. Conditeli con olio e sale Impiattate versando prima le seppie marinate, poi gli spicchi di pomodorini. Terminate con qualche foglia di basilico e un filo di olio.

2.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-05-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti