bg header
logo_print

Zuppa di carote con finocchi e piselli, un piatto salutare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Zuppa di carote finocchi e piselli
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (4 Recensioni)

Una calda zuppa di carote per le stagioni fredde

Zuppa di carote con finocchi e piselli alla curcuma , un ottimo primo piatto . Ok, dobbiamo ammetterlo: scordiamoci pure di far mangiare a dei bambini una zuppa di carote!

Questa pietanza è pensata per deliziare palati più adulti e desiderosi di piatti altamente salutari.  Per i bambini, abbiamo senz’altro altre ricette più accattivanti per gusto e modalità di presentazione.  Tuttavia, con questo piatto siamo in presenza di un mix davvero eccezionale di sapori e benessere.

La zuppa di carote con finocchi e piselli alla curcuma è una pietanza ricca di elementi nutritivi. Verdure e spezie concorrono, ognuno col proprio contributo, ad arricchire il patrimonio di elementi nutritivi utili per la nostra salute.

Potrete apprezzare sempre un piatto così salutare ma l’autunno e l’inverno si conciliano meglio con una pietanza da gustare calda e brodosa. Potremmo dire, perfetta proprio per riscaldarci ed allontanare influenza e raffreddore. Se avete voglia di una buona zuppa, calda e salutare prendete appunti!

Ricetta zuppa di carote con finocchi e piselli alla curcuma

Preparazione zuppa di carote

  • Sbucciate e affettate la cipolla . Lavate i finocchi, eliminate le foglie esterne più dure e tagliateli a piccoli cubetti. Grattate le carote, lavatele e riducetele a listarelle.
  • In una pentola dai bordi alti, ponete un fondo di olio extravergine di oliva e mettete la cipolla a rosolare. Quando la cipolla sarà appassita, aggiungete finocchi, carote e pisellini.
  • Versate nella pentola i semi di finocchio e ricoprire il tutto con del brodo bollente fino a ricoprire le verdure. Man mano che avanza la cottura, aggiungete il brodo evitando che evapori del tutto.
  • Cuocete per almeno 20 minuti, poi aggiungete la curcuma e mescolate per un paio di minuti circa. La zuppa sarà quindi pronta per essere impiattata. Mio figlio la preferisce tipo vellutata e a fine cottura la passa con un frullatore a immersione fino ad ottenere una crema e aggiunge 2 cucchiai di yogurt greco.
  • Servite la zuppa ben calda con una spolverata di semi di finocchio e del pepe rosa e accompagnarla con dei crostini di pane.

Ingredienti zuppa di carote

  • 3 finocchi di medie dimensioni
  • 1 cipolla
  • 6 carote
  • 8 cucchiai di pisellini
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 1 cucchiaio di semi di finocchio
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di brodo vegetale
  • un cucchiaino di bacche di pepe rosa

Un piatto pieno di salute

Questa zuppa di carote è riconoscibilissima per il suo ricco colore giallastro intenso. Come è facilmente intuibile, il colore giallo deriva dalla curcuma, ma non è certo solo nei tratti cromatici che riconosciamo la presenza di questa spezia eccezionale.

curcuma offre proprietà nutrizionali e vantaggi sensazionali. Per esempio, si riconosce alla curcuma un potere antiossidante, antitumorale e depurativo; in particolar modo, fegato e colecisti pare siano influenzati in modo positivo dall’assunzione della curcuma.

Questa spezia ha particolari proprietà antinfiammatorie ed analgesiche, infatti viene utilizzata spesso come ingrediente di rimedi casalinghi contro raffreddori ed influenze.

Non a caso, la zuppa di carote, finocchi e piselli alla curcuma che vi proponiamo è un piatto eccezionali per le stagioni fredde, perfetto per rimetterci in forze anche dopo i malanni di stagione!

Zuppa di carote, finocchi e piselli

La ricchezza dell’orto nella zuppa di finocchi e carote

Spesso in questa sede mettiamo in evidenza gli aspetti nutrizionali delle pietanze, per conoscere gli alimenti che introduciamo nel nostro corpo e sfruttarli per vivere meglio. Nel caso di questa zuppa di carote e finocchi con piselli alla curcuma, gli elementi positivi da sottolineare sono talmente tanti che facciamo fatica ad evidenziarli tutti.

In primo piano le carote che sono ricchissime di flavonoidi e vitamine. Con il consumo di carote garantiamo al nostro organismo salute per l’intestino e per gli occhi. Le carote garantiscono una ricca dose di elementi antiossidanti che aiutano la salute del sistema cardiovascolare. Il finocchio, altro importante protagonista della nostra zuppa, contribuisce con minerali e vitamine a garantire all’organismo importanti proprietà depurative e digestive. I piselli infine riescono, con pochissime calorie, ad essere ricchi di fosforo, calcio, potassio, ferro e vitamine. Il consumo è , in particolare , consigliato per alleviare i fastidi della menopausa ed in caso di stitichezza.

I piselli sono, insieme alle lenticchie, i legumi di cui si hanno notizie pili antiche: oltre che negli scavi di Halicat in Turchia (5500 a. C.) sono stati ritrovati nelle tombe dei Faraoni e nelle rovine di Troia. Erano anche alimenti familiari nel- 1′ antica Roma, nonostante non fossero tenuti in gran conto. I piselli secchi sono disponibili nelle varietà lisce o rugose, gialle o verdi (quest’ultime più frequenti in Italia), e si trovano in commercio interi o sgusciati e spezzati. Il loro consumo nel nostro Paese è piuttosto limitato (come purè), mentre è più diffuso nei Paesi anglosassoni (come zuppa, pudding) e ancora di più in India.

Il consumo maggiore di piselli si ha sotto forma di semi allo stato immaturo, freschi o surgelati, un tipo di alimento che, per la sua composizione (elevato contenuto in acqua), rientra nel gruppo degli ortaggi. E’ una ricetta facile e veloce alla portata di tutti. E’ una ricetta senza glutine, senza lattosio e idonea per una dieta vegetariana. I piselli non contengono lattosio.

Come valorizzare questa zuppa di carote

La zuppa di carote è buona così com’è, anche perché chiama in causa un bel po’ di ingredienti. Tuttavia, si può pensare di arricchirla, magari andando oltre la curcuma e aggiungendo altre spezie.

Per esempio, potreste aggiungere il cumino, che ha un sapore dolce e vagamente balsamico, dunque è perfetto per una zuppa di carote fuori dal comune, che possa sorprendere ad ogni cucchiaiata.

Stesso discorso per lo zenzero, che però è molto pungente, quindi va aggiunto solo se gradite un tocco estremamente vivace per la vostra zuppa. Un effetto simile è garantito dalla noce moscata, che esprime però una maggiore delicatezza. Infine, potete andare sul sicuro optando per un po’ di timo. Questa erba aromatica aggiunge freschezza, una nota leggermente amara e un richiamo agrumato, che ricorda vagamente il limone.

Altre soluzioni più canoniche e  meno esotiche prevedono l’alloro e il prezzemolo. L’alloro conferisce un sapore vagamente dolce, mentre il prezzemolo garantisce una nota leggermente amara, ma molto aromatica.

Come preparare un buon brodo vegetale

Il brodo vegetale gioca un ruolo di primo piano nella ricetta della zuppa di carote, in quanto funge da liquido di cottura per gli ingredienti. Il segreto sta nel trasformare il brodo da elemento di supporto ad elemento essenziale. Come fare? Semplice, basta preparare un buon brodo, escludendo il dado pronto. Insomma, rimboccatevi le mani e preparatelo in casa.

Per fare un brodo con i fiocchi iniziate scegliendo le verdure più fresche, poi tagliatele a pezzettoni e immergetele in una pentola piena d’acqua ancora fredda. Ora accendete la fiamma al massimo, attendete il bollore e riportatela al minimo. Fate andare per un tempo lungo, se possibile superiore a un’ora. In questo modo il brodo acquisirà tutte le note aromatiche delle verdure, e potrà emergere anche al cospetto degli altri ingredienti della zuppa di carote.

Ovviamente, se soffrite di allergia o sensibilità al nichel, prestate molta attenzione alla scelta delle verdure. Infatti, molte di quelle impiegate per il brodo contengono la sostanza incriminata.

Come trasformare la zuppa di carote in una crema di carote

La zuppa di carote è molto brodosa nella sua forma originale, tuttavia potreste avvertire il desiderio di un piatto cremoso, simile ad una sorta di vellutata. Ebbene, le soluzioni per raggiungere questo tipo di piatti non mancano.

Il metodo più intuitivo consiste nel frullare il tutto poco prima del servizio, ma fate attenzione in quanto correte il rischio di creare una sorta di purea poco amalgamata. Le altre soluzioni prevedono tutte l’aggiunta di ingredienti, per esempio un po’ di panna o un po’ di latte, giusto per addensare il brodo.

Potreste aggiungere anche una patata bianca ad inizio cottura. La patata bianca è ricca di amido, che è un ottimo addensante. Il consiglio, in questo caso, è di schiacciare la patata non appena diventa molto morbida.

FAQ sulla zuppa di carote

Come rendere più cremosa la zuppa?

Esistono molti modi per rendere più cremosa la zuppa. Si può tagliare la tesa al toro, aggiungendo direttamente un elemento cremoso come la panna. In alternativa si può aggiungere in fase di cottura un alimento pieno di amido, come le patate bianche e molto altro ancora.

Come dare sapore alla zuppa?

Per dare sapore alla zuppa è possibile aromatizzarla con qualche erba o spezia. La curcuma va più che bene quando si parla di carote, ma lo stesso si può dire della noce moscata, del prezzemolo etc. Inoltre, si può abbondare con gli ingredienti, integrando una patata o qualche legume.

Cosa si abbina alle carote?

Le carote si abbinano con tanti ingredienti. Il loro sapore è caratteristico, ma anche delicato, dunque difficilmente crea contrasti sgradevoli. Di base vanno bene tutti gli alimenti di origine vegetale, ma non sono da escludere nemmeno sulla la carne e sul pesce se il sapore è delicato.

Quante calorie ci sono nelle carote?

Un etto di carote viaggia sulle 40 kcal, sono dunque molto leggere e sazianti.

Ricette zuppe ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gnocchi con fave e prosciutto

Gnocchi con fave e prosciutto, un primo dal...

Le mille proprietà delle fave Le fave sono dunque tra i protagonisti di questa ricetta a base di gnocchi. Il loro impiego è creativo e va oltre quelli che sono i canoni tradizionali, infatti non...

Timballo di crespelle con ricotta

Timballo di crespelle con ricotta, un primo piatto...

Timballo di crespelle: una sfiziosa ricetta a base di crespelle classiche Tra le peculiarità di questo timballo di crespelle, o timballo di crepes che dir si voglia, spiccano proprio le crespelle....

Pasta al pesto di bruscandoli (

Pasta al pesto di bruscandoli, un primo dall’aroma...

Parliamo del pesto di bruscandoli Vale la pena parlare dei bruscandoli, che sono l’elemento principale di questa pasta al pesto. A differenza di tante tipologie di pesto, i bruscandoli...