Spaghetti con speck e fiocchi di latte, golosi

Spaghetti con speck e fiocchi di latte
Commenti: 0 - Stampa

Spaghetti con speck e fiocchi di latte, un’idea semplice ma geniale

Gli spaghetti con speck e fiocchi di latte Exquisa interpretano in modo insolito il concetto di primo piatto. Coniugano, infatti, la velocità di preparazione tipica delle paste fredde (anche se un passaggio in padella c’è anche in questo caso) con la complessità organolettica delle paste con salsa elaborata. Il condimento, infatti, è molto particolare e basato sullo speck e su alcune verdure ben rosolate. Dello speck parlerò in un prossimo paragrafo, in questo vorrei soffermarmi sui capperi, un ingrediente consumato da sempre in Italia e forse dato troppo per scontato.

I capperi sono ortaggi capaci di impreziosire le preparazioni più svariate (pizza, pasta, carne ecc..) e si impongono per un valore nutrizionale elevato. Contengono molta vitamina C, più delle arance, ma anche dosi davvero elevate di potassio. Inoltre, i capperi sono ricchi di antiossidanti, che impattano in modo benefico sull’organismo aiutando il cuore, i meccanismi di rigenerazione cellulare e prevenendo il cancro. Il tutto è valorizzato da un apporto calorico basso, pari a 22 kcal per 100 grammi. In questa ricetta, prima di essere passati in padella con gli altri ingredienti, i capperi vanno essiccati al forno per una trentina di minuti.

Il valore aggiunto degli spaghetti con speck e fiocchi di latte

In questa ricetta c’è un ingrediente che spicca sugli altri e che permette a questi spaghetti con speck di fare il salto di qualità, mi riferisco ai fiocchi di latte Exquisa senza lattosio. Questo prodotto è la dimostrazione di come Exquisa sia in grado di offrire una scelta ampia, proponendo interessanti varianti del formaggio fresco. Come tutti i prodotti di Exquisa, si caratterizza per un sapore eccezionale, per una leggerezza superiore alla media e per la qualità delle materie prime. La caratteristica principale, però, è l’assenza del lattosio, ottenuta per mezzo di un procedimento naturale, che replica la reazione che avviene nell’intestino di chi non soffre di intolleranza.

Il latte viene esposto all’enzima lattasi, il quale scinde il lattosio in glucosio e galattosio, sostanze assorbibili anche dagli intolleranti. Tra l’altro, questo procedimento non impatta in alcun modo sul gusto, sicché questi fiocchi di latte sono buoni proprio come i fiocchi di latte con lattosio. Ad ogni modo, in questa ricetta i fiocchi di latte intervengono alla fine, a mo’ di condimento finale da integrare al momento del servizio. Come potete vedere dalla foto, oltre ad impreziosire il piatto dal punto di vista organolettico, i fiocchi di latte creano un bel gioco di colori con lo speck.

Spaghetti con speck e fiocchi di latte

Le particolari caratteristiche nutrizionali dello speck

Come suggerisce il nome, il condimento principale degli spaghetti con fiocchi di latte Exquisa è proprio lo speck. E’ un salume pregiato, simbolo della tradizione italiana e in particolare di quella del Trentino Alto Adige. Tuttavia, la vera origine dello speck è sconosciuta e si perde nei meandri del medioevo, anche se per alcuni le sue origini sono ancora più antiche. Note storiche a parte, siamo di fronte ad un salume davvero buono, che porta il concetto di affumicatura alla sua massima espressione.

Lo speck non è nemmeno molto grasso, in quanto l’apporto calorico non è mai superiore alle 300 kcal per 100 grammi. Ricco è invece il contenuto di proteine, che si aggira sui 28 grammi ogni 100. Insomma meno del parmigiano reggiano, ma molto più di una semplice carne rossa. In questa ricetta lo speck viene trattato leggermente, ossia viene passato brevemente in padella con lo scalogno, in modo che diventi un po’ croccante e dunque adatto a formare il condimento principale della pasta.

Ecco la ricetta degli spaghetti con speck e fiocchi di latte Exquisa:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di spaghetti consentiti,
  • 160 gr. di speck,
  • 300 gr. di fiocchi di latte Senza Lattosio Exquisa,
  • 1 scalogno,
  • 20 gr. di capperi,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione degli spaghetti con speck e fiocchi di latte iniziate realizzando un trito con i capperi, poi essiccateli in forno per 30 minuti a 120 gradi.

Mondate lo scalogno e ricavatene delle fette molto sottili, invece lo speck riducetelo a listarelle.

Ora scaldate un po’ di olio extravergine d’oliva e soffriggeteci i capperi, lo scalogno e lo speck. Infine aggiungete un po’ di pepe.

Poi fate lessare la pasta in acqua un po’ salata e scolatela quando è ancora al dente.

Ora saltate gli spaghetti nella padella con gli altri ingredienti già rosolati e, se necessario, integrate con un po’ di acqua di cottura.

Servite e concludete mettendo sulla pasta i fiocchi di latte e i capperi essiccati.

5/5 (347 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti