Raffinato controfiletto di manzo con patate al cartoccio

controfiletto di manzo con patate al cartoccio
Commenti: 0 - Stampa

Bontà da leccarsi i baffi col controfiletto di manzo

Raffinato controfiletto di manzo con patate al cartoccio. Il controfiletto di manzo è indubbiamente uno dei tagli più pregiati, costosi e succosi. Potendolo cuocere sulla brace, dopo una paziente marinatura, possiamo assistere alla sua massima valorizzazione. A nostro avviso, questo modo di cuocere il controfiletto ne esalta ancora di più le caratteristiche, raggiungendo picchi di tenerezza e sapore inediti. Certo, anche le preparazioni per il roastbeef sono particolarmente tenere e gustose, ma dobbiamo dire che questa variante con le patate al cartoccio e la cottura alla brace è tra le nostre ricette preferite.

C’è poco da fare, quando ci vuole, ci vuole! Ed ecco che il burro alle erbe, preparato sapientemente in casa, può tornare utile anche in questa occasione, per rafforzare il sapore delle patate d’accompagnamento. Non preoccupatevi che il burro sia eccessivamente grasso o che faccia male, gli esperti assicurano che faccia addirittura bene!

Il sapore delle patate esaltato alla brace

Come accompagnamento per questo delizioso controfiletto di manzo abbiamo predisposto delle patate semplicissime da preparare ma con un sapore davvero strabiliante. Le patate sono un tubero meraviglioso, versatilissimo e sempre delizioso, in qualsiasi modo si decida di cucinarle. I grassi sono quasi del tutto assenti in questo vegetale, quindi possono essere più o meno salutari a seconda del condimento e delle modalità di preparazione. Carboidrati, fibre ed elementi nutritivi essenziali sono invece particolarmente presenti.

controfiletto di manzo con patate al cartoccio

La cottura in un cartoccio, da apporre direttamente nella brace, è uno dei modi più tradizionali per cuocere le patate ed ottenere il massimo in termini di sapore e proprietà. Il cartoccio protegge all’interno tutti i profumi e concentra ancor di più il sapore della patata. Per esaltarlo ulteriormente, basterebbero anche semplicemente olio, sale e pepe. Ma noi non vogliamo accontentarci! Aggiungiamo dunque il tocco decisivo del burro alle erbe!

La stragrande maggioranza delle cuoche utilizza la carta da forno che, in cottura, assume anche un leggero colore dorato. Ma attenzione: potrebbe bruciare e, perciò, non è adatta a cotture lunghe. Non vale il trucco, che si usa in altri frangenti (per esempio per rivestire placche e teglie), di bagnarla e strizzarla poiché inumidita rischia di rompersi.

Per sigillarla, si possono usare diverse tecniche. La più semplice è accartocciarla sul lembo lungo e fissare i lati a caramella, chiudendoli con pezzetti di spago. Oppure, si può disporre il cibo su un largo foglio, coprirlo con un secondo e accartocciare i bordi: il cartoccio così costruito si aprirà in tavola tagliando il foglio superiore con le forbici, con due incisioni a X. Fate molta attenzione alla chiusura pergetta del cartoccio, per evitare sia la perdita del vapore che dei liquidi.

Se non avete carta da forno o non potete usare la stagnola sul mercato ci sono delle alternative moderne e inedite. Come la carta fata, una sorta di cellophane trasparente che, in fogli, si acquista nei casalinghi forniti e nei negozi di attrezzature professionali, mentre al supermercato si trova in versione sacchetto. La particolarità è quella di lasciar intravedere il contenuto e si può persino usare in padella, per esempio per piccoli cartocci di verdurine miste.

Un’altra alternativa interessante potrebbe essere le foglie, fresche o surgelate, come quelle di banano o di loto, con cui realizzare cartocci sorprendenti. L’unico neo è che non è consigliato mangiarle. Le trovate nei negozi di specialità etniche

Un’idea brillante potrebbe essere l’utilizzo di grandi foglie esterne di verza o larghe guaine di porro, da tenere chiuse con un giro di spago da cucina.

Una cena che lascia il segno

Volete organizzare una cena romantica o far bella figura con parenti o amici? Il controfiletto di manzo con le patate al cartoccio e burro alle erbe è una delizia che vi farà centrare l’obbiettivo.  Nonostante i tanti sapori e il fatto che sia un piatto completo sotto tutti i punti di vista, mangiando questa pietanza a cena non ci si sente particolarmente appesantiti.

Come secondo o anche, volendoci tenere light con un piatto unico, questo controfiletto con le patate sa soddisfare anche i palati più esigenti. Una vera leccornia che vi potrebbe tornare in mente anche come pietanza per le festività. 

Ed ecco la ricetta del controfiletto di manzo con patate al cartoccio e burro alle erbe:

Ingredienti per 6 persone:

  • 900 gr. di controfiletto di manzo
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche (rosmarino, salvia e timo)
  • 1 mazzo di fieno
  • 2 dl di birra doppio malto Daura Marzen
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Per le patate:

  • 6 patate medie
  • 120 gr. di burro aromatizzato alle erbe
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Tritate le erbe aromatiche. Mettete il controfiletto in una coppetta e versateci sopra la birra e le erbe tritate. Lasciate il tutto a marinare in frigorifero per almeno 4 ore. Preparate nel frattempo il burro aromatizzato alle erbe, seguendo la ricetta presente sempre sul nostro sito. Lavate le patate ed avvolgetele, una per una, nella carta stagnola. Mettete dunque le patate a cuocere nella brace. Rimuovetele dalla cottura non appena si saranno ammorbidite.

Riprendete la carne dal frigo, trascorso il tempo di marinatura. Insaporite il controfiletto con sale e pepe a piacere e mettete la carne sulla brace, avvolgendola nel fieno. Date fuoco al fieno e lasciate la carne affumicare leggermente. Aprite il cartoccio di patate e conditele con sale, pepe ed una fettina sottile di burro alle erbette. Tagliate la carne a fette e componete il piatto con un paio di fette di controfiletto ed un contorno di patate. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti