Il roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero

roast beef al fieno con salsa di mele
Commenti: 0 - Stampa

Cuciniamo il roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero, e verdure in agrodolce

Oggi prepariamo il gustoso roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero, e verdure in agrodolce. Si tratta di un secondo piatto fuori dalle righe, che sazia e conquista. In generale, devo dire che il roast beef è una pietanza molto amata a ogni età. Tuttavia, in questo caso, lo diventa ancora di più. Per quale motivo? È molto semplice: il merito va agli ingredienti in grado di fare la differenza, che ci consentono di assaporare un piatto diverso dal solito.

In secondo luogo, non dobbiamo sottovalutare l’importanza del condimento delle verdure e la modalità di cottura utilizzata… Vedrete che il contorno del roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero vi travolgerà, valorizzando ulteriormente il sapore della carne. La tecnica di cottura, invece, vi permetterà di superare voi stessi e le aspettative dei vostri ospiti. Andiamo subito a scoprire il perché.

Le potenzialità della cottura sottovuoto e i positivi effetti sulla nostra ricetta

Come ben sapete, esistono alcune modalità di cottura diverse e in grado di salvaguardare le proprietà nutrizionali e organolettiche degli alimenti. Una di queste è proprio la cottura sottovuoto a bassa temperatura (massimo 84 gradi centigradi). In quanto a risultati, è simile alla vasocottura: mantiene i sapori e i succhi all’interno dell’alimento e del contenitore usato per la cottura. Tuttavia, cuoce i cibi più lentamente e ve ne accorgerete preparando il roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero… Ma vi assicuro che il sapore vi farà dimenticare l’attesa!

Per quanto riguarda invece gli strumenti usati e i metodi da usare, non abbiamo a che fare con un “barattolo” come nel caso della vasocottura. Per la cottura sottovuoto si usa un sacchetto apposito e un sistema per la cottura a bagnomaria. Perciò, il vostro roast beef al fieno verrà cotto pian piano, all’interno di un sacchetto chiuso e condizionato sottovuoto. Il risultato ve l’ho già accennato: porterete in tavola un incrocio di sapori quasi esplosivo. Ne rimarrete piacevolmente stupiti!

roast beef al fieno con salsa di mele

Un nutriente piatto di roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero, e verdure in agrodolce

Oltre al sapore, potrete usufruire di un valido apporto di proteine, fibre, minerali, vitamine e antiossidanti. Questo è dovuto chiaramente al fatto che gli ingredienti della ricetta del roast beef al fieno sono ricchi di sostanze nutritive e la cottura sottovuoto vi aiuterà a preservarne le quantità. Insomma, questa modalità di preparazione potrà fare la differenza in tutti i sensi e potrà permettervi di realizzare un piatto perfetto sotto ogni punto di vista.

Potrete inserire il roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero, accompagnato dalle verdure in agrodolce, in qualunque menu. In estate, in inverno, in primavera e in autunno, a pranzo oppure a cena… In ogni caso, si rivelerà un successo! Con queste premesse, vi chiedo: siete pronti per mettervi al lavoro? Vi è già venuta l’acquolina in bocca? Sicuramente sì. Quindi, diamoci subito da fare!

Ed ecco la ricetta del roast beef al fieno con salsa di mele e zenzero, e verdure in agrodolce

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di controfiletto di manzo
  • 1 mazzo di fieno
  • 400 gr. di mele verdi
  • 50 gr di zenzero
  • 200 gr. di peperoni rossi e gialli e 200 gr. di cavolfiore
  • 200 gr. di carote e 200 gr. di sedano
  • un lt. di acqua
  • 1 dl. di vino bianco e 1 dl. di aceto di vino bianco
  • una foglia di alloro
  • 3 gr. di pepe in grani
  • 40 gr. di zucchero semolato
  • q.b. sale

Preparazione

Portate a bollore l’acqua con il vino, l’aceto, l’alloro, il pepe in grani e lo zucchero. Poi lasciate raffreddare.

Pulite le verdure; tagliate a bastoncino i peperoni, le carote e il sedano; e sfogliate il cavolfiore.

Condizionate le verdure sottovuoto con l’acqua e aceto, cuocetele nel bagno termostatato a 85°C per 20 minuti e lasciate raffreddare.

Sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a cubetti. Condizionatele sottovuoto con lo zenzero grattugiato e fatele cuocere a 82°C per 15 minuti. Lasciate raffreddare. In seguito, toglietele dal sacchetto e frullatele.

Salate e pepate la carne, avvolgetela nel fieno, condizionatela sottovuoto e fatela cuocere nel bagno termostatato a 54°C per 2 ore. Fatela raffreddare e lasciatela in frigorifero per un giorno.

Togliete la carne dal sacchetto, eliminate il fieno, tagliate a fette molto sottili e servite con la giardiniera e con la salsa di mele.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta concia

Polenta concia, una versione cremosa e nutriente

Polenta concia, la tradizione a portata di mano La polenta concia è un modo diverso di intendere la polenta, nonché un piatto facile da preparare. La ricetta fa comunque parte della tradizione...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Frittata di cipolle al forno

Frittata di cipolle al forno, una variante squisita

Frittata di cipolle al forno, un contorno gustoso La frittata di cipolle al forno è una variante della classica frittata di uova, nonché un ottimo secondo piatto. Le differenze rispetto alla...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Cutizza alla comasca

Cutizza alla comasca, una merenda tradizionale

Cutizza alla comasca, una ricetta semplice e gustosa Oggi vi presento una ricetta cui sono molto legata, ossia la cutizza alla comasca. Si tratta di una preparazione tradizionale, e per la...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


31-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti