Prepariamo gli Spiedini di GustoQui con pollo e rapanelli

spiedini gustoqui
Commenti: 0 - Stampa

Oggi prepariamo gli Spiedini di GustoQui con pollo e rapanelli.Chissà se capita anche a voi: perché qualsiasi pasto a forma di spiedino diventa irresistibile? È proprio questo pensiero che mi ha ispirato la ricetta degli spiedini, realizzati utilizzando come base la torta ricotta e spinaci GustoQui.

Una ricetta leggera e sfiziosa

Gli spiedini li potete immaginare sia come antipasto che come secondo a base di carne. Gli ingredienti l’ho scelti al fine di darti qualcosa di più del “solito spiedino di pollo”: ho mescolato infatti i sapori dolci della mela, con l’acidità e piccantezza del rapanello che ben si sposa con il pollo.

Insomma se vorrai stupire a tavola con un piatto fresco e pronto in poco più di 20 minuti, questa ricetta fa per te!

Inoltre con questo piatto farai anche il peno di salute: il pollo ti assicurerà un ottimo apporto di proteine, sali minerali, calcio e selenio. Questi benefici vengono amplificati dalla presenza della ricotta, dei rapanelli e delle questa ricetta fa al caso tuo anche se vuoi farti del bene.

Prepariamo insieme gli Spiedini di GustoQui !

procedimento spiedini gustoqui

Ed ecco la ricetta degli Spiedini di GustoQui con pollo e rapanelli

Ingredienti per 4 persone

  • 1 GustoQui Ricotta e Spinaci
  • 200 gr di petto di pollo
  • 4 rapanelli
  • 1 mela Golden
  • 1 rametto di salvia
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. pepe

Preparazione

Tagliate la Gusto Più a cubetti dal lato di circa 1 cm. Posizionate i cubi su una placca da forno e fate scaldare seguendo le istruzioni presenti sulla confezione.

Eliminate le fogliee le radici dei rapanelli, sciacquate e tagliateli a fettine non troppo spesse. Trasferite le rondelle di rapanello in una terrina con acqua e ghiaccio.

Tagliate il pollo a cubetti non troppo piccoli, tenete conto che la carne si restringerà un po’ durante la cottura.

Lavate accuratamente la mela, tagliatela in quarti senza sbucciarla, levate il torsolo e fate ricavate dei cubi anche dal frutto.

In una padella antiaderente versate l’olio e unite la salvia. Scaldate fino a quando l’erba aromatica sprigionerà il proprio profumo.

A questo punto versate il pollo e fate rosolare fino a quando la carne non sarà completamente bianca in superficie.

Unite le mele e fate cuocere il tutto per una decina di minuti. Sia la frutta che la carne dovrà essere ben colorata , e la mela dovrà ammorbidirsi pur rimanendo consistente.

Al termine salate e pepate secondo il vostro gusto. Scolate i rapanelli dall’acqua e ghiaccio e tamponateli con carta da cucina, in modo da eliminare eventuale acqua in eccesso.

Componete gli spiedini alternando tutti gli ingredienti. Scaldate leggermente in forno a 100° gli spiedini prima di servirli, così che si possano gustare ben caldi.

4/5 (311 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

19-05-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti