Arrosticini di pecora, un classico abruzzese

Arrosticini di pecora
Commenti: 0 - Stampa

Arrosticini di pecora, una tradizione secolare

Gli arrosticini di pecora sono una pietanza tipica dell’Abruzzo, per quanto vengano preparati e apprezzati un po’ in tutto l’Appennino centrale. Al di fuori di queste zone, però, non sono molto conosciuti ed è davvero un peccato in quanto stiamo parlando di un secondo semplice ma dal gusto speciale, che valorizza al cento per cento la carne ovina. Una carne anch’essa posta in secondo piano rispetto alle più famose carni di manzo, di suino e di pollo, ma che può dare molto sia dal punto di vista organolettico che sotto il profilo nutrizionale.

Per quanto la ricetta degli arrosticini  abruzzesi getti le sue radici nel medioevo, o addirittura in epoche più antiche, essa è rimasta più o meno intatta nel corso dei secoli, senza subire grossi sconvolgimenti. Infatti, non si segnalano altre varietà di arrosticini nel vero senso della parola. Tuttavia, ci si riserva un certo margine di discrezione nella forma dei cubetti, infatti alcuni optano per cubetti irregolari, o per un’alternanza tra cubetti molto grassi e cubetti molto magri. Più raramente, poi, alla carne di pecora si sostituisce quella di montone castrato.

L’apporto nutrizionale della carne di pecora

Uno dei punti di forza degli arrosticini di pecora, o meglio della carne di pecora, è il suo importante apporto nutrizionale. Infatti un etto di carne di pecora contiene ben 18 grammi di proteine e 33 grammi di lipidi. E’ anche ricca di sali minerali come il potassio, il fosforo e il calcio.L’apporto di vitamine è sopra la media, soprattutto in riferimento alle vitamine B1 e B2. L’apporto calorico è paragonabile a quella della carne di maiale, e si attesta sulle 360 kcal per 100 grammi. Formalmente, però, è una carne rossa e il grasso è uno dei componenti più presenti in questo tipo di carne.

Arrosticini di pecora

Questo può essere un problema per la linea, è vero, ma reputo che uno strappo possa essere fatto di tanto in tanto, soprattutto se a favore di una ricetta così squisita come quella degli arrosticini. Anzi, essa prevede proprio un ruolo centrale per il grasso, che aggiunge sapore alla pietanza e si unisce con gli altri “lipidi” chiamati in causa nella preparazione (principalmente quelli forniti dall’olio extravergine di oliva). Anzi, gli arrosticini di pecora non sono tali se non contengono almeno il 25% di grassi.

Il delicato impatto del rosmarino

Uno dei punti di forza degli arrosticini di pecora è la semplicità, infatti troviamo pochi ingredienti per un secondo che valorizza appieno il gusto della carne, grasso compreso. La lista degli ingredienti, d’altronde, prevede una sola spezia: il rosmarino. In particolare, ad esso viene assegnato un ruolo importante, per quanto abbastanza “sui generis”, infatti va bagnato nell’olio e usato per spennellare la carne. In questo modo, essa assorbe allo stesso tempo il sapore del rosmarino e quello dell’olio. Ovviamente, si parla di olio extravergine di oliva, che è da sempre la scelta migliore quando c’è da condire la carne.

A prescindere da questo impiego “non comune”, il rosmarino è una spezia preziosa. Una delle poche che cresce rigogliosa anche nella fascia del mediterraneo, e che non proviene dall’Oriente. Oltre al sapore, e alla sua capacità di valorizzare i secondi piatti, del rosmarino si apprezzano le proprietà antisettiche, soprattutto in caso di patologie all’apparato respiratorio (tosse, mal di gola etc.). Come quasi tutte le spezie conosciute, presenta proprietà nutrizionali al limite del “terapeutico”.

Il ruolo del limone nei nostri arrosticini di pecora

Oltre alla carne di pecora, gli arrosticini prevedono l’uso dei già citati olio e rosmarino, oltre al sale, al pepe e al limone. In particolare quest’ultimo ricopre un ruolo importante. Di base, il limone è impiegato per condire le carni bianche, più che le carni rosse. In questo caso, però, il suo apporto risulta determinante.

Nello specifico, il suo ruolo è rendere più equilibrato il sapore, che altrimenti potrebbe risultare un po’ troppo forte. La carne di pecora, infatti, è estremamente corposa e inoltre contiene molto grasso. Il limone consente di giungere a un compromesso dal punto di vista organolettico, rendendo gli arrosticini adatti a tutti i palati.

Un’altra favolosa ricetta della tradizione abruzzese la ritrovate nel Parrozzo. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli albori del Novecento, frutto dell’ingegno del pasticciere pescarese Luigi D’Amico. Il parrozzo ha conquistato una certa notorietà già nei primi anni dalla sua nascita, dal momento che è stato promosso da Gabriele D’Annunzio, vate culinario e affezionato allo stesso D’Amico.

Ecco la ricetta degli arrosticini di pecora:

Ingredienti per 6 persone:

  • 800 gr. di carne di pecora,
  • 2 rametti di rosmarino,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e pepe,
  • succo di ½ limone.

Preparazione:

Per la preparazione degli arrosticini di pecora iniziate tagliando con un coltello ben affilato la carne a dadini di circa 1 centimetro. Non rimuovete il grasso in quanto gioca un ruolo importante nella cottura. Anzi, la parte grassa deve rappresentare un quarto del totale in termini di peso. Dopo aver ricavato i dadini, infilateli negli spiedini di legno.

Ora preparate la piastra o la fornacella al carbone. Ad ogni modo, la superficie di cottura deve essere ben calda. Cuocete gli arrosticini girandoli spesso e ungendoli con un rametto di rosmarino ben inumidito nell’olio d’oliva.

Disponete gli spiedini di carne nei piatti di portata e innaffiateli abbondantemente con l’olio d’oliva e il succo di limone. Poi salate e pepate come meglio gradite (gli intolleranti al nichel dovrebbero omettere il pepe).

Servite immediatamete appena cotti e accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso. Buon appetito! Se dovessero avanzare, gli arrosticin si possono conservare in frigorifero all’interno di un contenitore coperti per un massimo 2 giorni. Non vi consiglio di congelarli una volta cotti.

5/5 (412 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti