bg header
logo_print

Stuzzicando il palato: ostriche con wasabi e zenzero

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

ostriche con wasabi e zenzero
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Note piccanti con le ostriche con il wasabi

Vi piace il piccante? Se la risposta è sì, con il wasabi avrete di che divertirvi. Questa salsa giapponese si riconosce dal tipico colore verde e da un sapore particolarmente intenso ed una piccantezza persistente. La crema si ottiene con la pianta di wasabi nota anche come ravanello giapponese. Sicuramente avrete conosciuto questa preparazione visitando i ristoranti giapponesi, in quanto essa viene servita in accompagnamento del sushi e del sashimi.

Nel caso del sushi, una piccola quantità di wasabi è talvolta posta tra pesce e riso, mentre per il sashimi viene diluita nella salsa di soia ed usata poi per intingere i bocconcini di pesce crudo. Oltre che come crema, il wasabi può essere servito come radice ed essere grattato direttamente nel piatto pochi minuti prima di consumare il pasto. Il suo sapore si adatta bene a carne, pesce e riso, indistintamente. Se si ha il coraggio di mangiare una spezia così ricca di sapore, il vantaggio è evidente. Il wasabi, infatti, è ricco di proprietà naturali: antisettico, antitumorale, antibatterico e balsamico.

Ricetta ostriche con wasabi

Preparazione ostriche con wasabi

Pulite, lavate e spazzolate le ostriche. Apritele con il coltellino. Tritate il ghiaccio e riponetelo in un piatto, appoggiandovi sopra tutte le ostriche già aperte.

Disponete sulle ostriche un paio di fette di beni shoga ed una punta di zenzero. Servite il tutto prima che il ghiaccio si sciolga.

Ingredienti ostriche con wasabi

  • 12 ostriche
  • 20 gr. di beni shoga (zenzero rosso in salamoia)
  • q. b. di wasabi in crema
  • q. b. di ghiaccio

Ostriche con wasabi e zenzero: un antipasto afrodisiaco

Ci ricaschiamo. Ogni volta che pensiamo alle ostriche ed ai loro possibili abbinamenti, non c’è niente da fare, a ben vedere, tutto sembra essere afrodisiaco. Il wasabi che abbiamo deciso di usare per queste nostre ostriche con wasabi e zenzero rosso è anch’esso ricco di proprietà afrodisiache (fatto spesso riconducibile a tanti ingredienti dal sapore piccante). Inoltre, il wasabi offre considerevoli quantità di vitamine e sali minerali tra cui anche lo zinco.

Una porzione di wasabi è portatrice di vitamina A e molte vitamine del gruppo B, in più sono presenti ferro, potassio, magnesio e sodio, in abbondanti quantità. La saggezza popolare giapponese e della medicina orientale, si riconferma anche in questo caso nelle preparazioni culinarie.

Uno zenzero rosso come un corallo

Si compone di oli essenziali: limonene, citronella, canfene e il gingerolo quello che dona il sapore speziato. E ‘anche un tubero ricco di vitamine come la vitamina B e vitamina C, e di sali minerali come calcio, fosforo, alluminio e cromo.

Non dimentichiamo poi la lunga lista degli amminoacidi: acido aspartico, linoleico, oleico e ascorbico, metionina, niacina, istidina, arginina, triptofano, leucina e altri.

tsukemono

Consumarlo durante i pasti è il modo migliore per godere di tutte le proprietà dello zenzero. Si può usare per condire insalate o carne. Oppure si possono provare le ricette della cucina asiatica nella quale lo zenzero è un ingrediente abbastanza comune.

Ci sono però molti altri modi per consumarlo, ad esempio attraverso infusioni, uno dei più semplici. Immergere per circa 3 o 4 minuti una radice di zenzero in un litro di acqua bollente. In seguito, se lo si desidera, si può mettere un po’di miele per addolcire oppure limone, arancio o anche un po’ di camomilla per “ammorbidire” il gusto. Un’altra modo per assumere lo zenzero è attraverso oli essenziali, succhi di frutta e capsule.

Non avete mai sentito parlare del beni shoga? Siamo di fronte ad una specialità giapponese che ha come protagonista lo zenzero tsukemono. Lo zenzero viene tagliato a strisce sottili o tritato e marinato nell’umezu, stessa soluzione usata per le prugne e l’umeboshi.

Questo particolare preparato di zenzero viene conservato in barattolo ed utilizzato per insaporire diverse pietanze, ponendolo direttamente a crudo nei piatti. Oltre al fresco del ghiaccio ed al wasabi, questo tipo di zenzero è il tocco vincente per le nostre ostriche

Ricette con ostriche ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

zuppa di salsicce di maiale

Le salsicce di maiale all’irlandese: vi presento il...

Una cottura particolare per la zuppa di salsicce di maiale Il coddle, ossia la zuppa di salsicce di maiale, è molto semplice da preparare. Certo, la ricetta è molto diversa dai nostri primi e...

kangaroo pie

Il pasticcio di carne che non ti aspetti:...

Cosa sapere sulla carne di canguro Giunti a questo punto è utile parlare della carne di canguro. Tanto per cominciare di cosa sa la carne di canguro? Se pensate a qualche sapore forte e sui...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...