Passione in cucina: ostriche con granita di mela e tè

ostriche con granita di mela
Commenti: 0 - Stampa

Ostriche con granita di mela e tè matcha: un fresco assaggio per accendere il desiderio

E’ risaputo che le ostriche siano afrodisiache anche se è una credenza dibattuta e non pienamente accettata dalla comunità scientifica. Eppure, da quanto possiamo apprendere, questa credenza ha origini antiche nella storia. Pare, infatti, che addirittura i romani fossero soliti consumare ostriche crude con del limone con la speranza di “riscaldare” i propri incontri amorosi. Addirittura negli scritti di Casanova ci sono riferimenti piuttosto espliciti e seducenti sul consumo dell’ostrica. Al giorno d’oggi, razionalizzando, sembrerebbe che lo zinco contenuto nel mollusco sia particolarmente abbondante così da stimolare la produzione di ormoni e testosterone.

Possiamo pensare che, infondo, questo non sia poi così determinante per accendere la passione. Tuttavia, pur nel dubbio dell’attendibilità di questa proprietà afrodisiaca, ci piace mangiare le ostriche ed utilizzarle all’occasione nelle nostre ricette. Che male c’è d’altronde a scherzarci un po’ su e talvolta a non prendersi troppo sul serio? Con queste fresche ostriche con granita di mela e tè matcha presentiamo alle nostre papille gustative un’esperienza di puro piacere culinario. Ed anche se le sostanze nutritive dell’ostrica non siano sufficienti ad animare i bollenti spiriti, di sicuro questa preparazione – di suo – è parecchio stuzzicante.

Ostriche fresche ed un calice di bollicine

Pur non credendo al potente effetto afrodisiaco di questi molluschi, è innegabile che il loro consumo abbia un che di sensuale e romantico. Immaginate un aperitivo per due a base di ostriche con granita di mela e tè matcha, servite con un paio di calici di vino bianco ghiacciato.

ostriche con granita di mela

Eleganza, attenzione per i dettagli e qualità, sapranno fare la differenza e colpire l’attenzione del vostro partner. Che si tratti di un primo incontro o di una coppia consolidata, questo è un antipasto che può fare davvero la differenza!

Mangiare le ostriche fa bene?

Mettiamo dunque da parte la frivolezza che ci scatenano le ostriche e concentriamoci sulle loro proprietà nutrizionali. Le ostriche sono mitili di grande pregio e dall’elevato valore commerciale. Si consiglia un consumo piuttosto moderato di questo mitile in quanto, pur essendo poco calorico, può porre problemi di digeribilità. Sottolineiamo, inoltre, che le ostriche possono potenzialmente essere un alimento allergizzante.

È una buona norma igienica evitarne il consumo in gravidanza, allattamento e prima infanzia. Essendo nate e cresciute nell’acqua di mare, le ostriche contengono molto sodio e sono quindi poco adatte all’alimentazione di soggetti ipertesi. Inoltre, le ostriche sono anche ricche di colesterolo. Ferro, calcio e vitamine sono gli elementi positivi che, oltre a sapore e consistenza, caratterizzano gli aspetti di questo alimento. 

Ed ecco la ricetta delle ostriche con granita di mela verde al the matcha:

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 ostriche
  • una ciotola di ghiaccio
  • 2 mele verdi
  • 1 cucchiaino di tè matcha
  • 1 rametto di timo

Preparazione:

Spazzolate le ostriche e lavatele con cura. Una volta pulite, apritele e conservatele nella loro acqua, dopo averla filtrata almeno due volte. Prendete le mele e lavatele con tutta la buccia, poi riducetele a tocchetti. Tritate il ghiaccio con le mele ed aggiungete il tè matcha.

Nell’ostrica aggiungete un cucchiaio di trito di ghiaccio, mela verde e tè matcha. Infine profumate ogni ostrica con un rametto di timo.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti