bg header
logo_print

Un saporito risotto con asparagi che conquista il palato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

risotto con asparagi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 17 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Il risotto con asparagi preparato con amore

Per un giorno particolare (e non solo) si può puntare su un menu tutto particolare, afrodisiaco e piccante per risvegliare il desiderio. Il risotto con asparagi ha un gusto molto delicato e singolare, inoltre è un piatto che incanta il palato ed i sensi proprio per la sua semplicità,

Per tutte queste ragioni, ho deciso di prepararlo e di condividere con voi la ricetta. Pronti per portare in tavola un’esplosione di sapori coinvolgenti e tanto nutrimento per l’organismo? Penso proprio di sì… Ecco tutto quello che dovreste sapere a riguardo.

Ricetta Risotto con asparagi

Preparazione Risotto con asparagi

Per la preparazione del risotto con asparagi partiamo dalla pulizia di questo ortaggio. Lavate e pulite gli asparagi e rimuovetene la buccia aiutandovi con un pelapatate, poi fateli cuocere per una decina di minuti. Togliete dall’acqua e tagliate le punte che tenete da parte. Ributtate i gambi e proseguite la cottura aggiungendo il sale. Sarà il brodo vegetale che utilizzerete per il risotto. I gambi li userete nel risotto a tocchettini.

Tagliare finemente la cipolla ed il prosciutto, metterli in una casseruola con un cucchiaio di burro e a fuoco basso per un paio di minuti, quindi aggiungere il vino.

Quando inizia a bollire unire il riso e rimestare finché tutto il vino sarà asciugato. Aggiungere i gambi degli asparagi e il resto al riso. Continuare la cottura con il brodo, un mestolo per volta, senza smettere di rigirare con un cucchiaio (evitate di usare il cucchiaio di legno se avete ospiti celiaci).

Unire nuovo brodo solo quando il quantitativo precedente è tutto assorbito. Verso la fine della cottura unire le punte degli asparagi, salando se occorre. Togliere dal fuoco ed incorporare al riso la panna, assieme ad una manciata di formaggio grattugiato e ad un pizzico di pepe.

Con il risotto agli asparagi possiamo consigliare un vino bianco secco, come un Fiano d’Avellino

Ingredienti Risotto con asparagi

  • 350 gr riso Carnaroli Riserva San Massimo
  • 300 gr asparagi
  • una cipolla
  • 1 fetta prosciutto crudo
  • 1 lt di brodo
  • q.b. Parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • una noce burro chiarificato
  • 1 bicchiere vino bianco secco
  • 1 di panna da cucina consentita
  • un pizzico di sale e pepe bianco

Gli asparagi, un ingrediente davvero speciale

Gli asparagi sono ortaggi buoni sotto ogni punto di vista. Ricchi di acqua e capaci di offrire un piccolo apporto di fibre e proteine vegetali, regalano inoltre delle notevoli quantità di potassio, magnesio, fosforo, ferro, selenio, zinco, calcio, rame e manganese. Per quanto riguarda l’apporto vitaminico non sono da meno: presentano elevati livelli di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J.

Gli asparagi (Asparagus officinalis) li conosciamo bene. Hanno un sapore unico e anche una forma inconfondibile. Appartengono alla famiglia delle Liliacee e sono noti per le loro notevoli proprietà benefiche e per il valore nutrizionale. Con le loro foglie aghiformi e l’aspetto sempre verde, sono molto diffusi nella parte centro-meridionale dell’Europa fin dai tempi antichi. Vengono coltivati, ma crescono anche spontanei… e quelli selvatici sono ancor più ricchi di nutrienti!

Esistono diverse varietà di asparagi e, oltre a quelli nel tradizionale colore verde, ci sono anche bianchi e viola, e vengono portati in tavola soprattutto in primavera. Ogni specie, con le sue differenze cromatiche, ha un sapore leggermente diverso, ma le proprietà nutrizionali non cambiano e, in ogni caso, sono a dir poco notevoli!

Scopriamo insieme quali sono…

Per tutti questi motivi, garantiscono proprietà ed effetti benefici unici: si rivelano fantastici diuretici; aiutano a depurare l’organismo (favorendo l’eliminazione delle tossine accumulate) e a regolare la pressione (in particolare grazie al potassio), e si presentano come validi alleati della digestione. Il consumo di asparagi influisce positivamente sulle funzioni intestinali e sullo stato di salute della pelle, proponendo un buon supporto anche nella lotta contro i radicali liberi.

Il notevole contenuto di vitamine del gruppo B si rivela ottimale per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e, per questo, molti esperti consigliano questi ortaggi ai diabetici e a tutti coloro che desiderano spendere una maggiore attenzione nei confronti della prevenzione del diabete. Gli asparagi presentano inoltre interessanti dosi di carotenoidi, ovvero i precursori della vitamina A, che regalano potenti effetti antiossidanti e protettivi all’epidermide e alle mucose, e stimolano le funzioni del fegato.

Di fronte a tutte queste caratteristiche, non possiamo fare a meno di dire che il risotto con asparagi è certamente molto nutriente e ricco di proprietà interessanti come quelle diuretiche, antiossidanti, idratanti, depurative, digestive e antitumorali.

Secondo gli esperti, l’ortaggio protagonista di questa ricetta è ottimo per favorire il corretto funzionamento del sistema nervoso e cardiovascolare, e la salute delle ossa. Può anche aiutare a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue.

risotto con asparagi

Tutti questi benefici, caratteristiche e proprietà non sono da sottovalutare e bisogna considerare che non possiamo dimenticare neanche le potenzialità e il valore nutrizionale del riso e degli altri ingredienti… stiamo portando in tavola un pasto magnifico! A questo proposito, andiamo subito a scoprire altre peculiarità riguardanti questo delizioso primo primo piatto.

Gli altri ingredienti del risotto con asparagi

Per la preparazione di questa ricetta andremo ad usare ingredienti sfiziosi e capaci di portare energia e altro nutrimento al corpo. Qualche esempio?

Potrete gustare il prosciutto crudo con il suo utile apporto proteico,  la panna vegetale priva di lattosio (ma ricca di sostanze nutritive) e altri alimenti saporiti come il parmigiano reggiano, la cipolla e il burro chiarificato. E che dire del riso? Un mix di fibre, amidi, vitamine e minerali importantissimi per il nostro organismo.

Si tratta di un cereale privo di glutine, che rende ogni piatto più sostanzioso, digeribile e saziante allo stesso tempo, rivelandosi adatto persino per coloro che non vogliono mettere a rischio il proprio peso forma.

Certamente, si tratta di una lista di ingredienti capace di risvegliare l’appetito in qualunque momento… Non siete d’accordo? Perciò, diamoci da dare e andiamo a preparare il nostro risotto con asparagi. Non ve ne pentirete!

Consigli per un ottimo risotto!

Il viaggio verso un risotto impeccabile inizia con la selezione dei giusti ingredienti. Il riso gioca, naturalmente, il ruolo principale. Varietà come Arborio, Carnaroli o Vialone Nano sono i protagonisti indiscussi, grazie al loro alto contenuto di amido che si traduce in cremosità durante la cottura. Non meno importante è la scelta degli asparagi, che devono essere freschi e croccanti, pronti a rivelare tutto il loro sapore primaverile.

Il brodo, caldo e ricco di sapore, è l’accompagnamento silenzioso ma essenziale che bagna gradualmente il riso, portandolo lentamente alla cottura perfetta. E qui entra in gioco il primo trucco: l’aggiunta del brodo gradualmente. Questo non solo aiuta a rilasciare l’amido del riso ma assicura anche che ogni chicco sia avvolto e cotto uniformemente.

Poi, c’è il momento magico della tostatura: un breve salto in padella con un velo di burro o olio per sigillare i chicchi, una pratica che mette le basi per quella consistenza al dente tanto ricercata. Segue il rituale dell’aggiunta del brodo, un mestolo dopo l’altro, in un processo quasi meditativo che richiede pazienza e attenzione.

E non dimentichiamto la mantecatura

Ma un risotto non può considerarsi completo senza la mantecatura, quel gesto finale di aggiungere burro freddo e parmigiano grattugiato fuori dal fuoco, mescolando vigorosamente per creare quella sublime emulsione che avvolge amorosamente ogni chicco di riso.

Non dimentichiamo, però, il ruolo cruciale del tempismo nell’aggiungere gli asparagi, che devono emergere nel piatto non solo per il loro sapore ma anche per la loro consistenza e colore. Aggiunti verso la fine, mantengono la loro integrità e arricchiscono il risotto con una freschezza che parla della stagione.

Infine, un tocco di acidità – magari un spruzzo di succo di limone o un goccio di vino bianco – può fare miracoli nel bilanciare i sapori, aggiungendo quella nota di vivacità che risveglia il palato.

In questo percorso culinario, ogni passo, da non lavare il riso a mantenere una consistenza al dente, contribuisce a creare non solo un piatto ma un’esperienza. Il risotto con asparagi non è solo un tributo alla cucina italiana ma un invito a celebrare con ogni cucchiaio la bellezza e la semplicità della natura che si risveglia.

Ricette con asparagi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...