Mafalde con pomodorini e fagiolini, un primo leggero

Mafalde con pomodorini e fagiolini
Commenti: 0 - Stampa

Mafalde con pomodorini, leggera e gustosa

La mafalde con pomodorini, fagiolini e scaglie di mandorle sono un primo sfizioso, che concede molto anche all’aspetto visivo. Gli ingredienti generano un grazioso caleidoscopio di colori, il tutto in una prospettiva che risalta comunque il gusto e le esigenze nutrizionali. Il riferimento, in questo caso, è ai fagiolini, ortaggi spesso sottovalutati ma in grado di offrire molto da questo punto di vista. In primis, sono davvero ricchi di fibre, dunque contribuiscono all’efficienza del processo digestivo. Inoltre sono ricchi di vitamine, e in particolare di quelle del gruppo B e di vitamina C. Stesso discorso per i sali minerali, con il potassio e il calcio su tutti.

Il tutto al costo di un apporto calorico molto basso, che si aggira intorno alle 25 kcal. Rispetto ai normali fagioli, infatti, sono molto più ricchi di acqua. In questa ricetta, i fagiolini vengono semplicemente lessati in abbondante acqua (non salatela troppo mi raccomando) e uniti successivamente ai pomodorini e alla cipolla imbiondita. Questo abbinamento, tra l’altro, conferisce al piatto un sapore delicato ma comunque interessate e capace di farsi apprezzare da tutti.

Le peculiarità nutrizionali dei pomodorini verdi

Il condimento delle mafalde è composto dai fagiolini e dai pomodorini. Di questi, una metà è rappresentata dai pomodorini verdi, questo colore è associato a un grado di maturazione basso. Nella fattispecie, però, il verde è da ricondurre alla presenza della tomatina, una sostanza che fa bene al tessuto muscolare e, stando a recenti studi, riuscirebbe addirittura a prevenire l’atrofia muscolare. Per il resto, i pomodorini verdi vantano le medesime caratteristiche nutrizionali dei pomodorini classici. Per esempio, sono ricchi di licopene, un potente antiossidante che agisce in funzione antitumorale, oltre a recare benefici all’apparato cardiovascolare.

Mafalde con pomodorini e fagiolini

Sono anche ricchi di sali minerali, tra cui il potassio, che contribuisce all’equilibrio della pressione sanguigna, e il fosforo, che interviene nei processi di rigenerazione cellulare. Per quanto riguarda le vitamine, si segnala una significativa concentrazione di vitamina C, che come tutti sanno rafforza e sostiene il sistema immunitario. Infine, va menzionata la presenza della luteina e della zeaxantina, due carotenoidi che impattano in modo benefico sulla funzione visiva. In questa ricetta, i pomodorini (tanto i rossi quanto i verdi) vengono brevemente cotti in padella insieme allo scalogno imbiondito.

E’ meglio lo scalogno o la cipolla?

Quando si tratta di realizzare una salsa o un sugo, o semplicemente di creare un soffritto leggero, la domanda sorge spontanea: è meglio lo scalogno e la cipolla? Per le nostre mafalde con pomodorini e fagiolini vanno bene entrambi, è una questione di gusti. Ciò non significa ignorare le differenze tra i due “bulbi”, che infatti esistono e sono oggettive.

Nello specifico, lo scalogno ha un sapore molto più delicato, per quanto si caratterizzi per un aroma inconfondibile. Il sapore della cipolla è invece molto più forte e pungente. Inoltre, lo scalogno tende a bruciare di meno, dunque raramente necessita di una integrazione con l’acqua. Altre differenze, meno importanti, riguardano la forma e le dimensioni: lo scalogno è mediamente più piccolo della cipolla e ha una forma più allungata, simile a un pallone da rugby. Per quanto riguarda le caratteristiche nutrizionali, lo scalogno eccelle per la presenza di sali minerali, e in particolare di iodio, zinco e selenio. Quest’ultimo, va detto, agisce con funzione di antiossidante. Lo scalogno è anche ricco di vitamina A, C e di quelle del gruppo B.

Ecco la ricetta delle mafalde con pomodorini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di mafalde consentite;
  • 200 gr. di fagiolini;
  • 8 pomodorini gialli;
  • 8 pomodorini verdi;
  • 30 ml. di passata di pomodoro;
  • 1 scalogno;
  • qualche fogliolina di rigano fresco;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q.b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle mafalde con pomodorini e fagiolini iniziate versando l’acqua in una pentola e portatela a bollore. Immergeteci i fagiolini in modo che siano completamente coperti dall’acqua. Quando l’acqua riprende il bollore, moderate la fiamma e fate cuocere così per 5 minuti, o almeno fino a quando non saranno morbidi e croccanti. Nel frattempo pelate e tagliate a fette lo scalogno, poi pulite i pomodorini e tagliateli a spicchi. In una pentola a parte fate bollire l’acqua, salatela leggermente e metteteci la pasta a lessare. Poi prendete una padella antiaderente, riscaldate un po’ d’olio e imbionditeci lo scalogno, infine aggiungete la passata di pomodoro e i pomodorini tagliati a spicchi. Aggiustate di sale e cuocete per 4 minuti circa, mescolando di tanto in tanto.

Ora scolate i fagiolini, tagliateli e versateli nella padella dove si stanno cuocendo i pomodorini. Scolate la pasta, possibilmente abbastanza al dente, e versate anch’essa nella padella. Aumentate la fiamma e saltate la pasta per un minuto mescolando spesso. Infine, servite: distribuite la pasta ben condita su quattro piatti e concludete con una bella guarnizione di mandorle a scaglie e un po’ di origano fresco sbriciolato.

5/5 (404 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti