Composta di fragole e timo: un dolce salutare

Tempo di preparazione:

Cos’è la composta di fragole e timo

Oggi prepariamo insieme la composta di fragole e timo. Nella quotidianità non si sente spesso il termine “composta”. Questa particolare preparazione, infatti, è un (delizioso) residuato della cucina medievale, ed è stata soppiantata nell’immaginario collettivo dalle marmellate. In realtà, con queste ha molto a che vedere, per esempio gli ingredienti. Anche nelle composte si trovano infatti frutta e zucchero, o alimenti altrettanto dolcificanti.

La composta, tuttavia, ha una particolarità: vanta una quantità di frutta decisamente più alta. Se nelle marmellate non raggiunge il 40%, nelle composte raggiunge con facilità l’80%. Tecnicamente, benché meno dolci, sono quindi più salutari. Ovviamente, in passato la composta si realizzava con miele o sciroppo di acero, oggi si tende a utilizzare lo zucchero.

I benefici delle fragole

Il protagonista della composta è, ovviamente, la fragola. E’ un frutto tra i più apprezzati da adulti e bambini. Allo stesso tempo, confuta la credenza popolare secondo cui “se è buono fa male o fa ingrassare”. Le fragole sono tendenzialmente ipocaloriche e, soprattutto, recano parecchi benefici all’organismo.

In primo luogo, sono una fonte eccellente di vitamina C e, in rapporto al peso, contengono più vitamina C delle arance. Secondariamente, esercitano una funzione regolatrice dei livelli di zuccheri nel sangue, contribuendo a scongiurare i picchi glicemici. Le fragole vantano inoltre proprietà antinfiammatorie e contribuiscono alla salute dei denti; contengono infatti lo xilitolo (ingrediente di molti dentifrici). Alcuni studi, infine, hanno dimostrato una correlazione tra consumo abituale di fragole e riduzione del rischio di contrarre il cancro.

composta di fragole e timo

Le proprietà del timo

Una particolarità della composta di fragole consiste nella presenza del timo. Questa pianta, infatti, viene lasciata in infusione, in modo che la composta possa assorbirne il sapore e le proprietà benefiche. I benefici del timo sono conosciuti fin dall’antichità, a tal punto da essere considerata una pianta officinale, piuttosto che destinata al consumo alimentare.

Ad ogni modo, il timo sortisce effetti antivirali e antisettici. In breve, contribuisce a prevenire o addirittura a risolvere i classici malesseri stagionali, quali febbre, raffreddore e mal di gola. Non a caso è uno degli ingredienti di molti prodotti da erboristeria, nonché base di efficaci oli essenziali. Ovviamente, è anche molto buono, aromatico e leggermente amarognolo, esercitando sulla composta di fragole una funzione riequilibrante.

Ecco la ricetta della composta di fragole e timo

Ingredienti:

  • 500 gr. di fragole fresche
  • 50 gr. di zucchero bruno di canna
  • q. b. di lime grattugiato
  • 1 rametto di timo fresco

Preparazione:

Adagiate in una pentola le fragole tagliate a pezzi uniformi e lo sciroppo di agave. Fate cuocere per pochi minuti a fiamma bassa. Spegnete il fuoco, inserite il timo e lasciate in infusione fino a quando il composto non avrà raggiunto la temperatura ambiente.

Grattugiate un po’ di scorza di limone e fate riposare in frigo. Consumate entro due giorni.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *