L’ ananas all’anice stellato cotto con purea di lamponi

ananas all anice stellato
Commenti: 0 - Stampa

Un dessert sfizioso? Ananas all’anice stellato

Se siete alla ricerca di un dessert senza glutine, fresco e genuino, l’ananas all’anice stellato, cotto con purea di lamponi, è la risposta che stavate cercando. Infatti, si tratta di una pietanza che potrete preparare in poco tempo, grazie alla cottura sottovuoto, per poi ottenere un dolce diverso dal solito e dotato di un sapore unico. Porterete in tavola un gusto particolare, dato dall’unione degli ingredienti principali della ricetta.

Ognuno di essi ha caratteristiche organolettiche speciali e, insieme, vi permetteranno di riscuotere un gran successo! Vi suggerisco di preparare questo dessert per le occasioni più importanti e tutte le volte in cui desiderate stupire ogni ospite e ogni vostro familiare. Con questi presupposti, andiamo a conoscere meglio l’ananas all’anice stellato: la bontà è al primo posto, ma c’è ben altro da scoprire!

L’anice stellato è considerato un grande alleato per il corpo umano. Molti infatti lo considerano la spezia della salute. Il motivo? I suoi benefici sono così tanti che per molti è un vero e proprio antibiotico naturale. Con il suo olio essenziale si preparano, infatti, sia in ambito farmaceutico che erboristico, diversi farmaci e rimedi naturali. Frutto decisamente calorico, l’anice stellato si distingue per contenere molte proteine e percentuali di colesterolo quasi nulle, è inoltre ricco di ferro e calcio.

Anice stellato

Tanti sono gli ambiti in cui l’anice stellato viene usato per calmare dolori e sintoni non piacevoli. Tra le proprietà più apprezzate quelle digestiveantinausea e calmante contro i dolori addominali. Basta unire una goccia di olio essenziale di anice e un cucchiaio di miele per aiutare la digestione. È inoltre un potente antinfiammatorio e antibatterico, tanto che riduce in modo efficace disturbi gastrointestinali. L’anice stellato è in più un buon antivirale, utile per sconfiggere i virus delle influenze e dell’herpes. È, infine, anche un ottimo alleato contro la tosse perché se usato insieme allo sciroppo aiuta ad eliminare più facilmente il muco.

L’ananas in cucina e nella nostra alimentazione, non solo a Natale

Sì, vi parlerei volentieri di tutti gli ingredienti che ci permettono di portare in tavola l’ananas all’anice stellato, cotto con purea di lamponi ma tuttavia, mi limiterò a condividere con voi le informazioni che reputo più importanti. In particolare, voglio parlarvi dell’ananas, un frutto che ormai mangiamo in tutte le stagioni, anche durante il periodo delle feste di Natale. È un alimento sensazionale, proprio perché è delizioso sia da cotto che da crudo. Ci permette di realizzare tante pietanze: dalle torte al gelato, dalle mousse ai succhi, dagli antipasti ai secondi…

L’ananas è il frutto dell’Ananas sativus, albero originario dell’America tropicale, ora coltivato in tutte le regioni del globo a temperatura calda e umidità elevata. Le migliori piantagioni sono a Singapore, in Indostan, nelle Isole Hawaii, in Giamaica, a Portorico e nel Sud Africa. L’ananas non è un vero frutto ma piuttosto la riunione di tanti piccoli frutti che prendono il nome di “occhi”.

Il frutto composto (sincarpio) ha forma di pigna, risultante da singole bacche agglomerate, contenenti una polpa giallognola zuccherina, di gusto e aroma caratteristici. Il suo peso può variare da 400 g a 5 kg, con valori medi intorno ai 3 kg. Gli ananassi si possono mettere in commercio freschi oppure se ne possono preparare conserve (facendoli bollire nel loro stesso succo) o composte (tagliandoli a fette e immergendoli in sciroppi a base di zucchero). L’ananas si trova tutto l’anno, con la massima disponibilità da aprile a giugno.

Scegliete frutti compatti, pesanti per il loro volume, con una corona di foglie fresche, un aroma fragrante, un bel colore arancio carico e una leggerissima separazione degli “occhi”. Evitate i frutti con “occhi” affossati o appuntiti, la pelle scorticata o foglie imbrunite.

Una corona di foglie, che può essere rimossa facilmente, non indica affatto che il frutto sia sicuramente maturo. Sebbene l’esterno diventi giallo con il passare del tempo, gli ananassi non maturano dopo la raccolta. Se lo acquistate molto maturo conservatelo in frigo.

Non ci delude neanche a livello nutrizionale, e di questo ve ne accorgerete persino portando in tavola un dessert come quello dell’ananas all’anice stellato, che potrete cuocere nel bagno termostatato a 82°C. Grazie a questo frutto, gioirete in particolare di un notevole apporto di vitamina C, magnesio e potassio. Secondo le ricerche, abbiamo a che fare con un alimento perfetto per promuovere la salute del sistema nervoso e delle ossa.

Inoltre, può rafforzare le difese immunitarie e aiutarci a tenere sotto controllo la linea, ottimizzando il metabolismo dei grassi. Tutto qui? Ma certo che no!

ananas all'anice stellato

Ecco le innumerevoli potenzialità dell’ananas all’anice stellato

Questo dolce gluten-free è rinfrescante e altamente nutriente, soprattutto grazie all’ananas. Riguardo a questo fantastico frutto, dovreste sapere anche che i ricercatori confermano le sue notevoli azioni benefiche nei confronti della pelle. Nello specifico, principalmente grazie alla vitamina C, favorisce la produzione del collagene, rendendo l’epidermide più giovane e sana (se chiaramente riusciamo a consumarlo con frequenza). Come anticipato, una gustosa porzione di ananas all’anice stellato ci propone altresì una buona dose di potassio.

Questo minerale è ottimo per regolare la pressione arteriosa e per promuovere il corretto svolgimento di differenti processi fisiologici. E che dire della bromelina? Sicuramente ne avrete sentito parlare più volte. È una sostanza capace di stimolare il metabolismo e, secondo numerosi studi, potrebbe avere delle interessanti proprietà antitumorali.

Grazie alla cottura sottovuoto a bassa temperatura, non perderemo tutti questi benefici, né tantomeno le elevate percentuali di nutrienti presenti in una bella porzione di ananas all’anice stellato, cotto con purea di lamponi. Perciò, cosa stiamo aspettando? Prepariamo questo dessert!

Ed ecco la ricetta dell’ananas all’anice stellato cotto con purea di lamponi

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr. di ananas
  • 300 gr. di lamponi
  • 120 gr. di zucchero semolato
  • 1 dl. di rum
  • 3 anice stellato
  • 400 gr. di ricotta di pecora
  • 100 gr. di zucchero a velo
  • 1 limone
  • 1 mazzetto di erba cedrina
  • 200 gr. di frutti di bosco misti

Preparazione

Frullate i lamponi con lo zucchero semolato e il rum.

Sbucciate l’ananas, inseritelo in un sacchetto da cottura con la purea di lamponi e l’anice stellato. Condizionate sottovuoto e lasciate cuocere nel bagno termostatato a 82°C per 40 minuti. Fate raffreddare e conservate in frigorifero per 24 ore.

Lavorate la ricotta con lo zucchero a velo e la scorza del limone grattugiato, fino a renderla cremosa.

Tagliate l’ananas a fette sottili e servitelo con la crema di ricotta, l’erba cedrina e i frutti di bosco.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti