Anice stellato: alla scoperta della spezia della salute

Anice stellato
Commenti: 0 - Stampa

Dall’Oriente alla conquista del mondo

L’anice stellato si fa riconoscere al primo colpo per la sua forma a stella dalle otto alle dodici punte legnose che proteggono all’interno i semi. È inconfondibile, una spezia dai tanti benefici per la salute che altro non è che il frutto dell’Illicium verdume, pianta sempreverde tipica del sud est dell’Asia e alta oltre 10 metri, usato come insaporitore di cibi e bevande. Un vero must per la cucina tradizionale orientale.

Un sapore molto deciso, simile a quello della liquirizia, contraddistingue l’anice stellato, motivo per il quale ne basta usare veramente piccole quantità. In cucina, ma non solo, viene usato soprattutto l’olio essenziale che si ricava dai semi contenuti nel frutto a forma di stella, già di per sé molto oleosi. Ingrediente molto diffuso, inoltre, per preparare tisane con decotti e infusi ma anche in polvere. L’olio di anice stellato è molto usato come ingrediente cosmetico come base di profumi, sapori, ma anche tutti i prodotti per l’igiene orale.

Ecco tutte le proprietà benefiche dell’anice stellato

Come dicevano l’anice stellato è considerato un grande alleato per il corpo umano. Molti infatti lo considerano la spezia della salute. Il motivo? I suoi benefici sono così tanti che per molti è un vero e proprio antibiotico naturale. Con il suo olio essenziale si preparano, infatti, sia in ambito farmaceutico che erboristico, diversi farmaci e rimedi naturali. Frutto decisamente calorico, l’anice stellato si distingue per contenere molte proteine e percentuali di colesterolo quasi nulle, è inoltre ricco di ferro e calcio.

Anice stellato

Tanti sono gli ambiti in cui l’anice stellato viene usato per calmare dolori e sintoni non piacevoli. Tra le proprietà più apprezzate quelle digestive, antinausea e calmante contro i dolori addominali. Basta unire una goccia di olio essenziale di anice e un cucchiaio di miele per aiutare la digestione. È inoltre un potente antinfiammatorio e antibatterico, tanto che riduce in modo efficace disturbi gastrointestinali. L’anice stellato è in più un buon antivirale, utile per sconfiggere i virus delle influenze e dell’herpes. È, infine, anche un ottimo alleato contro la tosse perché se usato insieme allo sciroppo aiuta ad eliminare più facilmente il muco.

Anice stellato, tutti gli usi in cucina

Mettiamo da parte gli usi benefici dell’anice stellato e pensiamo un po’ ai suoi gustosi usi. Anche in cucina si presta a molte preparazioni soprattutto per insaporire. Il frutto può essere acquistato già seccato e poi a seconda dell’uso può essere utilizzato intero oppure macinato. La spezia della salute viene molto usata nella preparazione dei liquori come i più famosi sambuca e assenzio ma anche per il mistrà, un liquore tipico marchigiano. L’anice stellato è anche l’ingrediente principale del “Pastis”, bevanda tipica francese ideata agli inizi del Novecento in seguito all’abolizione dell’uso dell’assenzio.

Allo stesso modo come per liquori e bevande, è un ottimo componente per la preparazione di gustose ed efficaci tisane, da unire insieme ad altri ingredienti naturali come zenzero, limone e miele. Per via del suo sapore deciso è indicato anche per arricchire le verdure stufate o come ingrediente principale del mix di spezie “polvere tradizionale a cinque spezie”, un must della cucina cinese.

Una spezia originaria della Cina

Si tratta del frutto a forma di stella di una piccola pianta sempreverde della famiglia delle magnolie, originaria della Cina. I frutti si colgono e si fanno seccare prima che siano maturi; hanno un forte aroma, abbastanza simile a quello dell’anice, però più amaro e pungente. Contengono lo stesso olio essenziale, l’anetolo.

L’anice stellato si coltiva nella Cina meridionale e in Indocina e pare sia stato portato per la prima volta in Europa da un marinaio inglese verso la fine del XVI secolo.

In Oriente si adopera tra le spezie. L’olio, estratto per distillazione, trova largo impiego nelle bevande all’anice e in prodotti commerciali, al posto dell’anice europeo.

L’anice stellato si può trovare in qualunque buon negozio di spezie e va tenuto in casa se ci si interessa di cucina cinese, dove viene usato soprattutto nelle ricette a base di maiale e di anatra: per esempio Chiang Jou (maiale fragrante), Hsiang Su Ya (anatra succolenta), « ragu di maiale alla cinese» e cosi via.

 

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

limone

Limone: usi nell’alimentazione e nella pulizia

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...

18-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti