Fondue bourguignonne, per un pasto informale

Fondue bourguignonne
Commenti: 0 - Stampa

La fondue bourguignonne: carne e salse a volontà!

Avete mai sentito parlare della fondue bourguignonne? Si tratta di una pietanza tradizionale svizzera che si basa su piccoli cubetti di carne da friggere in una particolare padella messa su un fornelletto e accompagnata da diverse salse. Questa pietanza è diffusa anche in altri paesi e in alcune zone del nord Italia. È, senza dubbio, un’ottima modalità per una cena diversa in famiglia o con gli amici.

In questa ricetta vi propongo l’utilizzo della carne di manzo, anche se questo tipo di fondue può essere elaborata anche con altri tipi di carne a vostra scelta, come il maiale o il tacchino. Per quanto riguarda le salse, invece, ve ne consiglio tre: maionese, senape, salsa cocktail e salsa allo zenzero. Anche in questo caso, se lo preferite, anche in base al tipo di carne scelta, potrete personalizzare le vostre salse. Fate attenzione anche alle intolleranze alimentari, scegliendo eventualmente ingredienti che non contengano né lattosio né glutine.

Una pietanza da condividere con gli ospiti

La fondue bourguignonne è chiaramente un piatto conviviale dove ognuno può cucinare e condire la carne a proprio piacimento. Nel tegame apposito con sotto il fornelletto acceso, infatti, verrà versato dell’olio d’oliva fino a riempire per metà l’intero recipiente, non di più o potrebbe schizzare fuori. Ovviamente, potete scegliere anche l’olio extra vergine d’oliva o l’olio di semi di arachidi, a voi la scelta!

Quando l’olio è caldo, ogni commensale potrà prendere dal piatto principale la carne, precedentemente tagliata a cubetti di dimensioni uguali, e inserirla con una lunga forchetta nel tegame. In questo modo, ognuno potrà scegliere i tempi di cottura. Il risultato sarà un cubetto di carne croccante fuori e tenero dentro. L’ultimo step è quello di aggiungere una delle salse che si preferisce e poi ripetere questo procedimento per i seguenti cubetti di carne. Facile e delizioso, no?

Fondue bourguignonne

Le salse, il tocco magico della fondue bourguignonne

La fondue bourguignonne, come abbiamo visto, non richiede una grande preparazione agli anfitrioni. Basta scegliere una carne di qualità e preparare tutti gli utensili adatti da utilizzare durante il pasto. Nel caso del condimento, invece, dovrete impiegare un po’ del vostro tempo se non avete voglia di comprare delle salse industriali già pronte e preferite elaborare in casa. Innanzitutto, scegliete bene quali salse preparare, in base ai gusti e alle eventuali intolleranze alimentari degli invitati.

Non siete sicuri di saper preparare una maionese o una salsa rosa? Niente paura, sul sito di Nonna Paperina potete trovare tantissime idee e ricette per elaborare in casa delle ottime salse, sia tradizionali che innovative. Qualche esempio? Vi consiglio di scoprire i segreti per preparare una perfetta maionese, la ricetta perfetta per elaborare la senape o perché non osare con una salsa chili? Mio genero aggiunge sempre tra le salse il bagnet verd (quella che solitamente si usa per accompagnare il bollito misto) e il bagnet ross.

Ed ecco la ricetta della Fondue bourguignonne

Ingredienti per 4 persone

Preparazione

Togliete la carne dal frigorifero almeno un’ora prima. Prendete il filetto e tagliate fette di circa 2 cm l’una. Incidete la singola fetta con due tagli diagonali così da creare dei bocconcini di carne della stessa dimensione. Lasciate riposare la carne.

La cottura della carne è un procedimento importante e delicato. Posizionate un fornelletto al centro del tavolo per la cottura della carne. Io mi sono attrezzata con un centrotavola girevole.

Versate nella pentolina olio d’oliva fino a riempire per metà l’intero recipiente. Lasciate scaldare l’olio e, una volta che è bollente, immergete i pezzetti di carne che avrete preparato su uno stecchino o sull’apposito attrezzo.

Dopo qualche secondo scolate la carne ed immergeteli nelle varie salse scelte per accompagnare il piatto.

Salse classiche e non ne trovate per tutti i gusti e intolleranze percui lasciate andare la fantasia

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-02-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti