La senape: alla scoperta di una salsa inconfondibile.

la senape
Commenti: 0 - Stampa

La conosciamo come una semplice salsa, ma in realtà è molto di più

Usiamo la senape per condire e valorizzare il sapore dei nostri piatti, ma molto spesso sottovalutiamo le sue origini e le sue proprietà. Infatti, questo particolare condimento viene prodotto tramite dei piccoli semi che maturano a fine estate. La pianta che li produce si chiama Brassica Species, un vegetale che cresce spontaneamente in molte zone d’Europa e che appartiene alla famiglia delle Crocifere.

Grazie a questa pianta possiamo produrre una delle salse più famose e amate al mondo. Ma andiamo a conoscere nel dettaglio anche tutte le proprietà e le importanti caratteristiche di questi semi che inconsapevolmente portiamo spesso sulle nostre tavole.

La pianta della senape: diversi colori e innumerevoli caratteristiche

La Brassica Species è originaria dell’Asia e la sua storia inizia circa 3mila anni prima della nascita di Cristo. Questa pianta nasce in quattro varietà differenti: gialla, selvaggia, nera e bruna.

I semi della senape contengono elevate quantità di proteine, grassi e fibre vegetali, ma anche una serie di minerali come il fosforo, il calcio, il potassio, il selenio, lo zinco, il rame e il magnesio. Possono vantare anche di buone dosi di vitamina A, B1, B2, B3, C, E, K e J, di aminoacidi essenziali per il nostro benessere e di omega3. Grazie a tutte queste sostanze nutritive, i frutti della pianta della senape presentano proprietà lassative, antiossidanti e disintossicanti.

la senape

Tuttavia, grazie ad alcuni studi, è stato riscontrato anche che l’uso dei semi della Brassica Species può comportare un miglioramento della psoriasi e aiutare proteggere il cuore, a ridurre i livelli di colesterolo cattivo, ad abbassare la glicemia e a depurare il corpo. Molti di questi benefici sono maggiormente apprezzabili tramite all’utilizzo dell’olio ricavato dai semi di questa pianta, ma anche assaporando la salsa potremo comunque goderne.

Senape in cucina: usi, calorie e controindicazione

Grazie alla pungente gustosità di questi semi, siamo riusciti a creare una salsa di grande successo, che entra nelle nostre cucine e in quelle dei ristoranti per condire e insaporire panini, carne, pesce insalata e molti altri alimenti. Anche i semi a crudo possono essere usati in cucina per preparare numerosi e particolari piatti, dotati di un valore aggiunto unico e speciale.

Nonostante questo è opportuno considerare anche le calorie della senape e le controindicazioni relative al consumo di questa salsa. I nutrizionisti ci consigliano di non esagerare con le quantità, per evitare il rischio di un aumento di peso. Infatti, per ogni 100 grammo di semi di senape possiamo assimilare ben 580 calorie.

Un’altra controindicazione deriva da una delle capacità di questo alimento: stimolare notevolmente l’apparato gastrointestinale. Per questo motivo, non è consigliata a coloro che soffrono di ulcera e gastrite. Ovviamente, utilizzando solo una spennellata di senape, che come ben sapete contiene anche altri ingredienti, possiamo eliminare questo problema e godere solo del gusto e dei benefici di questo condimento.

Ingredienti per 2 vasetti

  • 200 gr. di senape in grani
  • 150 ml di aceto di mele
  • 70 ml di acqua naturale
  • 40 ml olio extravergine di oliva
  • 80 gr. di zucchero di canna
  • q.b. sale

Preparazione

In una ciotola capiente versate i semi di senape e aggiungete l’aceto. Lasciate in ammollo per tutta la notte. Scolate accuratamente dal liquido.

Versate nel frullatore i semi,  il sale e lo zucchero e azionate fino a otterrete una crema liscia e omogenea.

5/5 (367 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Mazzancolle su crema di piselli

Mazzancolle su crema di piselli, un piatto raffinato

Mazzancolle su crema di piselli, un piatto pensato per deliziare Le mazzancolle su crema di piselli sono una pietanza dall’elevato valore nutrizionale, semplice da realizzare e apprezzabile da...

pate

Il patè, una preparazione che valorizza gli antipasti

Un po’ di storia sul patè Il patè è una preparazione che fa parta integrante di molte tradizioni culinarie. Non ultima, quella italiana, sebbene offra il meglio di sé nella cucina francese. Il...

Colcannon

Colcannon, il piatto tipico della festa di San...

Colcannon, una zuppa dallo spirito irish Oggi vi presento il colcannon, una pietanza tradizionale, generalmente preparata per celebrare al meglio il St. Patrick’s day. Per affrontare la stagione...

Salsa pebre

Salsa pebre, un condimento dai colori sgargianti

Salsa pebre, il condimento dei barbecue cileni La salsa pebre è un condimento all’apparenza strano, infatti è considerata una salsa, ma allo stesso tempo si caratterizza per una grana...

Salsa chipotle

Salsa chipotle, un condimento cileno per carne e...

Salsa chipotle, un condimento che racchiude molti sapori La salsa chipotle è uno degli orgogli della cucina cilena. Incarna perfettamente i principi della tradizione locale, che consistono in...

Salsa merken

Salsa merken, condimento cileno molto apprezzato

Salsa merken, piccante ma non solo La salsa merken, proprio come suggerisce il nome, è realizzata con il merken. Quest’ultimo è un condimento a base di peperoncini, sale e spezie, tra i più...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti