Fonduta al tartufo, una miniera di proteine

Fonduta al tartufo
Commenti: 2 - Stampa

Fonduta al tartufo, una miniera di proteine. Squisito, profumato, nobile e ricercato: stiamo parlando del tartufo. Sbagliano tutti coloro che ne sminuiscono le caratteristiche nutrizionali, che si rivelano invece, a dispetto del comune modo di pensare, decisamente apprezzabili.

Complice il suo sapore forte ed il suo profumo singolare ed intenso, il tartufo oggi viene utilizzato quasi come una spezia.

Non è frequente, infatti, consumare piatti che lo vedono quale ingrediente principale: il tartufo è un frutto che la terra ci offre con parsimonia. Probabilmente è proprio questo a rendere i cibi che lo vedono protagonista straordinari, così come straordinari appaiono i suoi effetti a carico del nostro organismo. 

Una carica di proteine tutta naturale con la fonduta al tartufo

Una buona notizia per tutti i vegetariani e per coloro che non amano la carne: il tartufo può rappresentare un valida alternativa a quest’ultima.

E’ sufficiente pensare che il tartufo contiene una percentuale di proteine pari quasi al 30%.

Esso dunque rappresenta un valido aiuto per la nostra muscolatura: le proteine rappresentano infatti i mattoni del nostro corpo.

In effetti, un buon apporto di proteine è imprescindibile per il benessere del nostro organismo, infatti sono proprio esse a governare tutto il nostro sistema ormonale ed immunitario.

Fonduta al tartufo

Chi non ha poi sentito parlare di massa magra e massa grassa trovandosi in uno studio medico o all’interno di una palestra?

Ebbene si, le proteine sono le principali deputate, all’interno del nostro organismo, al mantenimento dei giusti livelli di massa magra la cui presenza, se inferiore a quella grassa, rende il nostro fisico asciutto e ben tonico.

Il trattamento anti-età … al sapore di tartufo

Il tartufo non è solo una vera e propria miniera di proteine: esso si rivela altresì ricchissimo di sostanze antiossidanti utili a combattere i radicali liberi, schiarire la pelle, favorirne luminosità, lucentezza ed assenza di macchie. Un autentico trattamento anti-età naturale, insomma.

Dai numerosi test, effettuati su un campione di consumatori di tartufi, risulta che essi sono portatori di  proprietà lenitive strategiche per la cura dell’acne e, più in generale, per la rigenerazione della pelle, anche di quella precedentemente sottoposta a cure farmacologiche piuttosto aggressive.

Di tutto rispetto anche l’apporto di minerali e di fibre garantito dal consumo di questi preziosi frutti della terra, che stupiscono sempre di più dunque, non solo in quanto a sapore, ma anche per le loro proprietà e per i nutrienti favolosi in essi celati.

Conosciamo ingredienti e preparazione di una fantastica e semplice ricetta che li vede protagonisti: la fonduta al tartufo.

Ingredienti per 4 persone per la fonduta al tartufo

  • 2 dl latte fresco intero
  • 1 tartufo nero
  • 400 gr fontina valdostana senza crosta
  • 4 uova intere
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 30 gr burro chiarificato
  • q.b. pepe
  • q.b. crostini di pane senza glutine

Preparazione

Tagliate il formaggio a fettine sottili e mettetele a bagno nel latte. Lasciatele macerare per almeno quattro ore. Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi e raccogliete ciascun tuorlo in quattro piattini.

Trascorso il tempo di macerazione della fontina, scolatela. Mettete a scaldare a bagnomaria il recipiente in cui verrà preparata la fonduta. Unite il burro e lasciatelo sciogliere completamente.

Quando il burro è sciolto, aggiungete la fontina con tre cucchiai del suo latte di infusione e mescolate in continuazione fino a quando il formaggio risulterà completamente fuso.

Aggiungete quindi un primo tuorlo e mescolate fino a quando si è incorporato del tutto. Unite un successivo uovo e così via, aspettando sempre che il tuorlo precedente si sia ben incorporato prima di aggiungere il successivo. Se non bastassero i quattro tuorli, potrete aggiungerne un altro. Pepate e servite la fonduta con il tartufo a lamelle e con crostini di pane caldi.

5/5 (456 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Fonduta al tartufo, una miniera di proteine

  • Ven 14 Dic 2018 | Enrico ha detto:

    Fonduta al tartufo. ….nella ricerca è indicator il tartufo come ingrediente; ma non le modalità del suo utilizzo.

    • Dom 16 Dic 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ha ragione! Grazie per la segnalazione. Ho aggiornato il post

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti