Estate: riposo e divertimento all’insegna del benessere

estate
Stampa

L’estate è finita, ma ci sono alcune cose che dovremo sapere e ricordare…

Molte volte, arriva l’estate e siamo distrutti. Non vedevamo l’ora che arrivasse e facciamo il conto alla rovescia per le vacanze. Poi, ci stressiamo ancora di più per organizzare il viaggio nel dettaglio… Ci dimentichiamo di quelle abitudini che dovrebbero essere protagoniste della stagione estiva: riposarsi, rilassarsi, divertirsi e prendersi cura del proprio benessere. Queste abitudini dovrebbero diventare regole d’oro per ogni nostra vacanza, ma anche per la nostra normale quotidianità! Non siete d’accordo?

Proprio per questi motivi, ho fatto una piccola ricerca: quali sono i consigli che ci danno gli esperti? Per rendere l’estate una vacanza all’insegna del benessere, del relax e del divertimento, penso che siano molto utili le regole redatte da WAidid (World Association for Infectious Diseases and Immunological Disorders). Si parte dall’alimentazione e si finisce con altri piccoli suggerimenti che aiutano a promuovere la nostra salute e a passar bene le nostre vacanze. Di cosa si tratta? Scopriamolo insieme!

Acqua, colazioni abbondanti e pasti nutrienti…: 4 consigli da non sottovalutare

  1. Soprattutto in estate, l’acqua che beviamo non è mai troppa: ne servirebbe un litro per i più piccoli, un litro e mezzo per chi pesa tra 10 e 20 kg, e oltre 2 litri per coloro che pesano dai 30 kg in su.
  2. La colazione è il pasto più importante della giornata! Non smetterò mai di ripeterlo… Dovrebbe contenere alimenti di qualità e/o fatti in casa, nonché cibi preziosi a livello nutrizionale, come yogurt, latte, frutta e cereali integrali.
  3. Mangiare fuori orario è la scelta sbagliata, anche in estate o quando siamo in vacanza. L’organismo deve mantenere le sue abitudini, onde evitare la necessità di snack fuori pasto, che spesso risulterebbero ricchi di zuccheri, sale, grassi e riempitivi inutili, piuttosto che di carboidrati sani, proteine, minerali e vitamine.
  4. In ogni giorno delle vacanze dovremmo mangiare tanta frutta e verdura di stagione, limitando il consumo di cibi confezionati o precotti, e prediligendo quelli più freschi e nutrienti. Generalmente, in una settimana bisognerebbe portare in tavola almeno 3-4 volte il pesce, la carne e i legumi, e una o due volte alla settimana i formaggi, le uova e gli affettati.

estate

Quello che abbiamo appena visto è un piccolo decalogo da tenere in mente per le prossime vacanze, sia in estate che durante altri periodi dell’anno, senza dimenticare che si tratta di abitudini importanti per ogni nostra giornata. Ad ogni modo, secondo gli esperti, dovremo anche calcolare bene la quantità dei cibi consumati e lavare accuratamente la frutta e la verdura (evitando così problemi come la salmonellosi e altre intossicazioni alimentari che comportano dolori addominali, nausea, diarrea, vomito e spesso la febbre).

Gli esperti ci suggeriscono inoltre di:

  • prestare molta attenzione al pesce e ai molluschi crudi, che possono contenere parassiti nocivi e in grado di provocare problemi gastrointestinali e/o reazioni allergiche;
  • evitare di riscaldare più volte i cibi o di conservarli troppo;
  • non mangiare sotto il sole nelle ore più calde;
  • prediligere i locali di ristorazione con una buona reputazione;
  • fare molto sport!

Insomma, l’estate (e ogni vacanza) è fatta di queste piccole cose e molto altro… non dobbiamo di certo rovinarla. Non dimenticatevelo per la prossima e iniziate subito a mettere in pratica questi consigli!

E quando si torna? E’ meglio seguire una dieta

Ecco a voi qualche consiglio per superare indenni il cambio di stagione. Come ben sappiamo ogni stagione ha la sua dieta consigliata e ogni periodo dell’anno le sue prelibatezze da gustare.

Cosa succede però quando una stagione splendida come l’estate volge al termine? I cambiamenti del clima incidono sul nostro organismo che con gradualità deve adattarsi a nuove condizioni.

La fase di transizione tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno è una di quelle più critiche per molti aspetti.

mirtilli

Dieta di fine estate: difficile il recupero?

Anzitutto, come ci spiegano gli esperti, va considerato che con l’avanzare dell’autunno diminuiscono progressivamente le ore di sole e ciò induce il cervello a sviluppare maggiormente la melatonina, la quale può determinare una maggiore sonnolenza.

Secondo alcuni studi la stessa melatonina spinge in qualche misura l’organismo a pretendere dolci e carboidrati, con il risultato che dopo la bella stagione potremmo andare incontro a una fase in cui ci si nutre in maniera sregolata.

A quel punto chi se ne intende consiglia di provare una dieta disintossicante, facendo per esempio spazio agli agrumi che sono portatori di vitamina C in modo da mantenere un alto livello di difesa immunitaria. Poi sempre nell’ottica “detox” sarebbe auspicabile introdurre nella dieta le verdure cotte come per esempio erbette, coste, spinaci, broccoli e broccoletti.

Oltre a bere la giusta quantità di acqua, consiglio questo che vale per ogni stagione, per attraversare al meglio la transizione tra estate e autunno ci si può nutrire di alimenti antiossidanti come i mirtilli.

Semi di Lino

Un valido aiuto può arrivare anche dai semi di lino che notoriamente sono ricchi di fibre e forniscono un contributo nella depurazione dell’organismo e in particolare del tratto gastrointestinale.

Infine recenti studi hanno evidenziato le benefiche proprietà di una spezia eccezionale come la curcuma, capace di aiutare l’organismo nei processi digestivi.

Insomma passare indenni il periodo che va dalla fine delle vacanze, dove spesso subentra la cosiddetta depressione post-ferie, fino all’autunno propriamente detto non è facile. Ma qualche accorgimento a tavola certamente può essere utile!

CONDIVIDI SU
16-09-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti