Pasta fredda con salmone affumicato e avocado

insalata di pasta con salmone, avocado e pomodorini
Commenti: 0 - Stampa

Una ricetta per la bella stagione

Le materie prime dell’insalata di pasta con salmone, avocado e pomodorini hanno una serie di benefici per la nostra salute. Fra questi, troviamo quelli che riguardano la vista, uno dei sensi più importanti durante le nostre giornate. Collaboro, infatti, da diverso tempo con Clinica Baviera, l’istituto oftalmico europeo che si occupa, attraverso la chirurgia, di correggere diversi difetti visivi, come la miopia, la cataratta o l’ipermetropia. Gli ingredienti utilizzati permettono di fare il pieno di energie senza mettere a rischio la propria dieta e di avere in pochi minuti un piatto pieno di nutrienti.

Il salmone e i suoi benefici per la vista

Il salmone è un alimento che dovrebbe essere consumato spesso. I benefici per la nostra salute, infatti, sono innumerevoli, grazie alla presenza della vitamina D e degli omega 3. Non contiene né lattosio né glutine ed è un ingrediente estremamente versatile che può adattarsi a quasi tutti i regimi dietetici. Amato da moltissime persone, il salmone può essere utilizzato in moltissimi piatti e cotture, come nella nostra insalata di pasta con salmone, avocado e pomodorini.

Il salmone è’ uno dei pesci più amati, sia per le sue proprietà organolettiche che per la sua versatilità. Vale la pena, però, menzionare anche le proprietà nutrizionali, che sono davvero notevoli. Il riferimento è all’abbondanza di proteine, che non hanno nulla da invidiare a quelle delle carni rosse, ma anche ai sali minerali (fosforo in testa). Il salmone contiene anche grassi, ma si tratta di grassi buoni in grado di giovare all’organismo. Il riferimento, in questo caso, è agli acidi grassi omega tre e sei, che impattano positivamente sulla salute del cuore e sull’apparato cardiocircolatorio. Per quanto concerne l’apporto calorico non siamo su livelli eccessivi, infatti un etto di salmone apporta circa 200 kcal.

insalata di pasta con salmone, avocado e pomodorini

Si è scoperto che la presenza all’interno del salmone di alte quantità del cosiddetto acido docosaesaenoico (DHA) aiuta a rallentare il processo di invecchiamento della vista, soprattutto di alcune zone della retina. Consumare salmone almeno un paio di volte alla settimana, dunque, ci aiuterebbe a mantenere in salute non solo il cuore ma anche il benessere dei nostri occhi.

L’avocado protegge la vista

Uno degli ingredienti principali della nostra insalata di pasta con salmone, avocado e pomodorini è proprio l’avocado. Si tratta di un frutto tropicale, dalla consistenza simile a quella del burro, che viene sempre più usato in Italia grazie alle sue proprietà e alla sua versatilità. In sostituzione di altri ingredienti, può aiutare a proteggere il benessere del nostro cuore.

L’avocado non è un frutto come gli altri. Anzi, se paragonato alla frutta cui l’Europa è sempre stata abituata, è abbastanza strano. I motivo sono due, in primis un sapore non dolce, che lo rende un ingrediente adatto anche alle preparazioni salate, un utilizzo giustificato anche dalla polpa pastosa e cremosa. In secondo luogo, è un frutto grasso, per quanto questa espressione possa sembrare un ossimoro. Approfondirò l’argomento nel prossimo paragrafo, in questo vorrei soffermarmi un attimo sulle caratteristiche “botaniche” del frutto.

L’avocado cresce nelle zone tropicali e subtropicali, e infatti è originario del centro e sud America. In Italia fa fatica a prosperare, sebbene esistano alcune coltivazioni in Calabria, Sicilia e Sardegna. La pianta, ovvero l’albero di avocado, è medio-alto e dal gradevole visivo grazie alle sue foglie molto grandi e alla forma semplice. L’avocado inizia a fare i frutti in estate, ma questi sono disponibili fino ad autunno inoltrato.

La presenza della luteina, un potente antiossidante, e della vitamina A, trasforma l’avocado in un ottimo alleato per proteggere la vista. Il consumo di questo frutto tropicale, infatti, ci aiuta a ridurre il rischio di degenerazione visiva, soprattutto prevenendo disturbi oculari che colpiscono la retina, ad esempio la cataratta.

Ed ecco la ricetta dell’ Insalata di pasta con salmone , avocado e pomodorini

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr. di penne di pasta di riso integrale
  • 1 e 1/2 avocado
  • il succo di 1 limone bio
  • 20 pomodorini piccoli
  • 200 gr. di salmone affumicato
  • 20 olive nere snocciolate
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Pelate e denocciolate l’avocado prima tagliarli a dadini. Lavate e tagliate i pomodorini.

Mettete a lessare la pasta in abbondante acqua leggermente salata, scolatela al dente, passatela sotto l’acqua corrente fredda, scolatela bene e mettetela in una terrina.

Unite la polpa di avocado a tocchetti spruzzati con succo di limone, i pomodorini, le olive e il salmone a filetti, olio, sale e mescolate bene.

Servite quindi in tavola.

3.7/5 (3 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Clinica Baviera

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti