Gelatina al melone, un antipasto tra dolce e salato

Gelatina al melone
Commenti: 0 - Stampa

Gelatina al melone, un’idea all’insegna del colore e del gusto

La gelatina al melone con fave e chorizo è un antipasto singolare, l’ideale per stupire e deliziare i propri commensali. Può essere considerata come una derivazione del classico prosciutto e melone, in quanto contiene praticamente gli stessi ingredienti, con qualche gradevole aggiunta o sostituzione. Il melone è al suo posto, ma debitamente trattato e addizionato alla gelatina. Il prosciutto è invece sostituito da un altro insaccato, lo spagnolo chorizo. In più, la ricetta che vi propongo oggi contiene le fave, un ortaggio che può dire la sua anche in preparazioni creative come queste. La ricetta è molto semplice da preparare, anche perché contiene solo quattro ingredienti. Di base, l’unico ingrediente che richiede un minimo di trattamento è il melone, che va frullato e arricchito con la gelatina in modo da acquisire una consistenza particolare e gradevole al palato.

Il consiglio è di utilizzare un melone mediamente maturo, in quanto frutti troppo poco maturi produrrebbero una texture irregolare. Per quanto concerne la varietà, non ci sono indicazioni di sorta, potete utilizzare la varietà che più preferite. Io però consiglio quella arancione, che si addice particolarmente al contrasto dolce-salato. Anche perché non è eccessivamente dolce, e presenta un sapore abbastanza corposo. Va detto, comunque, che tutte le varietà si assomigliano se non per gusto almeno per proprietà nutrizionali. Infatti, contengono ottime dosi di vitamina C, fosforo e calcio. Il melone, a prescindere dalla varietà, è anche ricco di fibre dunque ha un buon potere saziante e fa bene all’apparato digerente. L’apporto calorico si aggira sulle 30-40 kcal per 100 grammi.

Cos’è il chorizo e come utilizzarlo

Il chorizo, utilizzato nella gelatina al melone, è poco conosciuto dalle nostre parti. D’altronde, è uno dei più buoni salumi della tradizione iberica, consumato massicciamente tanto in Spagna quanto in Portogallo. Di base, è una specie di salame ben speziato, che contiene dosi rilevanti di grasso, ma anche ingredienti capaci di equilibrare il sapore e aggiungere profondità organolettica, come l’aglio e la paprica. La stagionatura è variabile e, in base alla durata, si ottengono almeno tre varianti di chorizo.

Gelatina al melone

La più famosa delle varianti è il chorizo lungamente stagionato, seguono il chorizo semi-stagionato e il chorizo affumicato. Nel caso di questa ricetta, il consiglio è di utilizzare la variante classica, in quanto consente di creare non solo un bel contrasto tra dolce e salato, ma anche a livello di texture. Il consiglio, comunque, è di non andare oltre le dosi indicate, in quanto c’è il rischio che la componente sapida copra quella dolce, andando a rompere il delicato equilibrio.

Perché abbiamo usato le fave?

L’ingrediente più sui generis di questa gelatina al melone è rappresentato dalle fave. A primo acchito questo ruolo potrebbe essere attribuito al chorizo, d’altronde si tratta di un insaccato in una ricetta a base di gelatina. In realtà, la combinazione tra insaccato e melone non è poi così strana, anzi vanta una lunga tradizione alle spalle. Basti pensare al famoso e al già citato prosciutto e melone. Discorso diverso per le fave, che in genere non compaiono mai in ricette a base di frutta. In questo caso, però, la loro presenza è più che azzeccata. Se il melone è dolce e il chorizo è salato, le fave si pongono a metà strada, dunque contribuiscono da un lato a dare maggior corpo alla preparazione e dall’altro a bilanciarla.

Anche qui, occorre stare molto attenti alle dosi. Nonostante siano presenti in quantità tutto sommato limitate, le fave riescono a conferire alla preparazione non solo un tocco di sapore in più, ma anche nutrienti importanti. Le fave, infatti, vantano proprietà eccellenti, che ne fanno uno degli ortaggi più salutari in assoluto. Il riferimento è in particolare alla vitamina C (in misura quasi uguale agli agrumi) e alle fibre, che rappresentano circa il 3% della loro struttura.

Ecco la ricetta della gelatina al melone con fave e chorizo:

Ingredienti:

  • 800 gr. di melone,
  • 15 gr. di colla di pesce,
  • 400 gr. di fave,
  • 100 gr. di chorizo.

Preparazione:

Per la preparazione della gelatina al melone con fave e chorizo, iniziate ammollando la gelatina in acqua fredda. Intanto, rimuovete la buccia del melone, togliete i semi dalla polpa e frullatelo. Poi unite la colla di pesce, ben scolata e strizzata, dentro mezzo chilo di frullato di melone. Infine mescolate, versate nei bicchierini e lasciate riposare in frigorifero.

Nel frattempo sbucciate le fave, rimuovendo la buccia, e fate il chorizo a pezzi molto piccoli. Quando la gelatina si è rappresa, recuperatela dal frigorifero e guarnite con le fave e il chorizo.

5/5 (405 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti