bg header
logo_print

Piccoli sformati di cavolini di Bruxelles senza lattosio

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

sformatini di cavolini di Bruxelles
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.3/5 (4 Recensioni)

La preparazione degli sformatini è sorprendentemente semplice, rendendoli accessibili anche a chi si avvicina per la prima volta alla cucina gourmet. Dopo una breve cottura dei cavolini, questi vengono uniti a un composto cremoso di uova, panna e formaggio, per poi essere cotti al forno fino a doratura. Il risultato è un antipasto che si presenta elegante, con una texture morbida e un gusto ricco e avvolgente.

Che sia inverno o estate, un evento speciale o un semplice incontro tra amici, gli sformatini di cavolini di Bruxelles si adattano perfettamente a ogni contesto. La loro versatilità li rende ideali per essere serviti come antipasto caldo nelle serate invernali o come sfizioso finger food in occasioni più informali.

Gli sformatini di cavolini di Bruxelles sono la scelta perfetta per chi desidera portare in tavola un piatto che coniuga gusto, salute e raffinatezza. Facili da preparare, questi piccoli stuzzichini sono destinati a diventare un must nelle vostre cene e pranzi, garantendo successo e apprezzamenti da parte di tutti i vostri ospiti.

Ricetta sformatini di cavolini di Bruxelles

Preparazione sformatini di cavolini di Bruxelles

Lessiamo le patate e riduciamole a purea. Mondiamo e laviamo i cavolini di Bruxelles, facciamoli cuocere al vapore spolverizzandoli con dell’origano secco, per 15 minuti; passiamoli nel mixer e mescoliamoli in una ciotola con la purea di patate e 50 gr. di burro.

Uniamo al composto ottenuto la panna vegetale, il Parmigiano, i tuorli, regoliamo di sale e pepe e mescoliamo bene per amalgamare il tutto.

Montiamo a neve ferma gli albumi, incorporiamoli delicatamente e poco per volta all’impasto, utilizzando una spatola e con un movimento dal basso verso l’alto per mantenerla leggerezza che gli albumi montati danno alla preparazione.

Scaldiamo il forno a 200°C; imburriamo con il burro rimasto gli stampini, versiamo dentro il composto di cavolini e Inforniamo per 15-20 minuti o fino a che gli sformatini avranno la superficie ben dorata. Sfornate e servite.

Ingredienti sformatini di cavolini di Bruxelles

  • 800 gr. di cavolini di Bruxelles
  • 300 gr. di patate
  • 60 gr. di burro chiarificato
  • 150 gr. di panna consentita
  • 4 uova
  • 40 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • 1 cucchiaino di origano secco
  • q.b. sale e pepe 

Oggi in tavola gli sformatini di cavolini di Bruxelles

Per gli appassionati della buona cucina e per chi ama deliziare gli ospiti con antipasti raffinati e stuzzicanti, gli sformatini di cavolini di Bruxelles rappresentano una scelta eccellente. Questa pietanza, perfetta per ogni occasione, dalle cene più formali ai pranzi informali, conquista tutti per il suo sapore unico e il suo elevato valore nutrizionale.

La ricetta degli sformatini di cavolini di Bruxelles si basa su ingredienti semplici ma genuini. I cavolini di Bruxelles, noti per le loro proprietà benefiche e il loro sapore intenso, sono gli indiscussi protagonisti di questo piatto. Abbinati a ingredienti classici e di qualità come uova, parmigiano, panna e spezie, si trasformano in un antipasto che delizia il palato e nutre il corpo.

Parliamo di un alimento molto speciale…

I cavolini di Bruxelles crescono da un lungo un fusto, ma in commercio si trovano staccati, come piccoli cavoli compatti. Se le rosette sono aperte o se le foglie esterne sono molli, i cavolini sono vecchi, hanno scarso aroma e un ridotto apporto vitaminico. Se scelti con cura, selezionando i più freschi, questi alimenti si rivelano particolarmente dolci e di facile digestione, in particolare dopo che sono stati esposti al primo gelo (ciò del resto è vero per diversi altri tipi di cavolo, per esempio la verza).

Ogni pianta (biennale) rende 1 kg di cavolini. È resistente, ma ha bisogno di terreno compatto e a volte di un sostegno. Si trovano da maggio a settembre e, per questo, bisogna piantare prima della metà dell’estate perché giunga a maturazione… soprattutto se volete preparare gli sformatini di cavoletti di Bruxelles con un prodotto del vostro orto (scelta molto saggia)!

I cavolini di Bruxelles sono germogli tondi e compatti, formati da foglie strettamente avvolte tra loro. Crescono alle ascelle delle foglie, lungo steli alti 75 cm circa. Sono di colore verde, a volte con riflessi rossi. Ma adesso vediamo come sceglierli correttamente al fine di riuscire a preparare degli sformati deliziosi!

Piccoli sformati di cavolini di Bruxelles

Il prodotto giusto per la preparazione degli sformatini di cavolini di Bruxelles

Scegliete possibilmente cavolini piccoli: anche se la mondatura è più laboriosa, sono più teneri e saporiti. Si possono mangiare anche le foglie che sono in cima alla pianta, che formano un ciuffo simile a un piccolo cavolo (a volte si trovano in vendita con il nome di ‘cime di germogli’). Sappiate che si possono consumare anche crudi. Perciò, se vi avanzassero, saprete cosa farne.

La cottura dev’essere in generale molto veloce e a calore moderato, altrimenti i cavolini ingialliscono, diventano molli e, soprattutto, il sapore diviene sgradevole. Sono tra le verdure a foglie più nutrienti. È importante l’apporto proteico, di vitamina C e di carotene. Ricchi di fibra, gli sformatini di cavolini di Bruxelles favoriscono il transito intestinale e, tra le sostanze anticancerogene che contengono, è presente l’indolo-Lcarbinolo, utile per prevenire tumori del seno, del colon e della prostata. Prepariamoli…

Sfizioso antipasto per tutti: Sformatini di Cavolini di Bruxelles senza lattosio

Amare la cucina significa anche saper adattare le proprie ricette per accogliere le esigenze di tutti, inclusi coloro che hanno intolleranze alimentari. Gli sformatini di cavolini di Bruxelles, un antipasto classico e delizioso, possono essere facilmente trasformati in una versione senza lattosio, perfetta per chi segue una dieta specifica.

Per rendere questa ricetta adatta anche agli intolleranti al lattosio, è importante scegliere con attenzione gli ingredienti. Utilizzando panna e formaggio senza lattosio, si può facilmente mantenere la cremosità e il sapore ricco degli sformatini, senza compromettere la salute di chi non tollera il lattosio. Inoltre, la scelta di ingredienti di alta qualità, come i cavolini di Bruxelles freschi e le uova, rimane fondamentale per garantire un risultato gustoso e salutare.

La preparazione degli sformatini di cavolini di Bruxelles senza lattosio segue lo stesso procedimento della ricetta classica, con l’unico adattamento nella scelta dei prodotti lattiero-caseari. Il composto di uova, panna senza lattosio e formaggio senza lattosio, unito ai cavolini di Bruxelles, viene cotto al forno fino a raggiungere la perfetta doratura. Il risultato è un antipasto che mantiene tutte le caratteristiche di sapore e texture dell’originale, ma che è al tempo stesso adatto a chi segue una dieta priva di lattosio.

Questa versione degli sformatini di cavolini di Bruxelles dimostra come la cucina possa essere inclusiva e attenta alle esigenze di tutti. Questo piatto può essere servito in ogni stagione e per ogni tipo di occasione, garantendo a tutti di godere di un antipasto sfizioso e salutare, indipendentemente dalle proprie restrizioni alimentari.

Adattare le ricette per renderle adatte a chi ha intolleranze alimentari è un gesto di accoglienza e cura. Gli sformatini di cavolini di Bruxelles senza lattosio sono un esempio perfetto di come si possa coniugare gusto e inclusività, offrendo un antipasto che tutti possono apprezzare e condividere.

Ricette con cavolini ne abbiamo? Certo che si!

4.3/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

1 commento su “Piccoli sformati di cavolini di Bruxelles senza lattosio

  • Gio 27 Set 2012 | Ely ha detto:

    Ho proprio voglia di provare questo souffle cara! :D Deve essere buonissimo e non me lo lascio scappare! Un bacione!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata esotica con granadilla

Insalata esotica con granadilla, un contorno colorato

Le utili proprietà della granadilla L’insalata esotica che stiamo preparando ci da modo di spendere qualche parola sulla granadilla, un frutto poco comune dalle nostre parti ma molto consumato in...

Insalata di fiori di banano con fagiolini

Insalata di fiori di banano con fagiolini, un...

Parliamo dei fiori di banano Vale la pena parlare dei fiori di banano, che sono i veri protagonisti di questa insalata con fagiolini. Il nome non è creativo, ma molto descrittivo. Stiamo parlando...

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...