La millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero

millefoglie di mais e cavoletti
Commenti: 0 - Stampa

Un gusto raffinato con la millefoglie di mais e cavoletti

La millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero è un piatto corposo, gustoso e salutare: una morbida sfoglia di mais avvolge i cavoletti insaporiti dal pesto di cavolo nero, quest’ultimo ricco di sali minerali e vitamine. Perfetta come secondo o come contorno sostanzioso, questa delizia autunnale conquisterà i vostri ospiti con la sua leggerezza e il suo sapore raffinato. Si tratta di una ricetta senza glutine e senza lattosio, molto semplice da preparare.

Potrete proporre la millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero persino come uno sfizioso antipasto e, in ogni caso, si rivelerà un successo fatto di gusto e di benessere! Tante sfumature di sapori si uniranno insieme in questa pietanza carica di sostanze nutritive e di proprietà da non sottovalutare…

A tavola con un secondo più che genuino!

Cosa c’è di meglio che cucinare piatti in grado di combinare leggerezza a nutrimento e sapore? La millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero è proprio la risposta ideale: sfrutta in particolare le proprietà benefiche del mais, che si rivela un alimento energetico e leggero, facilmente digeribile e molto saziante. Contiene potassio, selenio e manganese. È un’ottima fonte di vitamina A ed E, benefiche per rinforzare l’organismo, idratare la pelle e nutrirla dall’interno.

I cavoletti e il cavolo nero racchiudono risorse benefiche per la vista e sono dotati di sostanze antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi. Anche questi due ortaggi presenti nella ricetta della millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero sono validi alleati dell’epidermide e aiutano a rallentare il processo di invecchiamento cellulare. Studi approfonditi hanno dimostrato che risultano inoltre dei potenti antitumorali.

Millefoglie di mais e cavoletti alla conquista di ogni palato!

All’interno di questa pietanza, troverete la consistenza, la bontà, il nutrimento e la digeribilità di altri ingredienti. In particolare, per rendere la millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero adatta anche agli intolleranti al lattosio, ho scelto di usare la panna fresca e la ricottina delattosata: alimenti ricchi di tutto ciò che serve per deliziare il palato e nutrire l’organismo, che non mettono in difficoltà chi soffre di intolleranza.

Questi ingredienti, insieme alle uova e al pecorino, aggiungono un ulteriore valore proteico alla millefoglie di mais e cavoletti su pesto di cavolo nero. Che dire di più? Abbiamo a che fare con una ricetta che conquista grandi e piccini: l’originalità della preparazione, l’alta digeribilità dell’alimento e l’estetica di questo piatto lasceranno gli ospiti senza fiato. Nelle fredde sere d’inverno e d’autunno, non c’è proprio niente di meglio!

Ingredienti per 4 persone

  • 16 cavolini di bruxelles,
  • 100 gr.  di Pesto di cavolo nero,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 100 gr Pecorino Kenza consentito grattugiato,
  • 1 ricottina consentita,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. di sale

Per la polentina:

  • 400 gr farina di mais
  • 2 uova
  • Sale e pepe q.b.

Per la crema:

  • 200 gr feta Olympus
  • 3 cucchiai di panna fresca consentita
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Preparate una polentina di mais bella soda, cuocendola per 20 minuti e lasciandola raffreddare in un contenitore rettangolare da plumcake.

Ricavate delle fette di circa 4 mm, disponetele su di un tagliere.

Sbollentate i cavoletti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e fateli ripassare in padella con abbondante olio e lo spicchio di aglio in camicia.

Affettate finemente lo scalogno e fate stufare in due cucchiai di olio. Lasciate rosolare alcuni minuti e poi unite la feta sbriciolata e tre cucchiai di panna e fate sciogliere a fuoco basso. Frullate la salsa e tenete da parte.

Formate una millefoglie con uno strato di polenta, un cucchiaio di fonduta di feta, aggiungete al centro i cavoletti in maniera uniforme, e una spolverata di pecorino in una teglia unta.

Infornate a 200° per 8 minuti.

A parte, frullate il pesto di cavolo nero con due cucchiai di olio e unite 100 gr di ricotta fresca, aggiustate di sale e pepe.

Impiattate, versando sul fondo del piatto la salsa di cavolo nero e adagiate sopra ogni piatto dei quadratini di millefoglie.

5/5 (401 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un contorno tra i più conosciuti ed apprezzati....

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...

verdure ripiene

Verdure ripiene, una risorsa per qualsiasi tipo di...

Perché utilizzare le verdure ripiene? Oggi vi voglio parlare delle verdure ripiene, una classe di ricette che merita considerazione. Alcune cucine locali, principalmente mediterranee, presentano...

Teglia con patate e zucchine

Teglia con patate e zucchine, un contorno corposo

Teglia con patate, zucchine e cipolle al forno La teglia con patate, zucchine e cipolle è un’idea semplice, ma geniale, per un contorno all’insegna del colore e del gusto. E’ un piatto...

Agretti alla moda asiatica

Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-12-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti