bg header
logo_print

Cavoletti o Cavolini di Bruxelles gratinati per contorno

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cavolini di Bruxelles gratinati
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
2.6/5 (5 Recensioni)

Cavoletti o Cavolini di Bruxelles gratinati, concentrato di benessere!

I cavolini di Bruxelles sono spesso l’ortaggio meno considerato quando si pensa a un contorno per arricchire il tavolo da pranzo. Tuttavia, basta un tocco di creatività e una manciata di ingredienti selezionati per trasformarli in una vera e propria stella culinaria. Gratinati al forno, questi piccoli tesori verdi diventano un contorno delizioso e invitante che può elevare qualsiasi pasto.

La gratinatura è un processo che dona ai cibi una crosta dorata e croccante, grazie all’utilizzo di formaggio, pangrattato o entrambi. Nel caso dei cavolini di Bruxelles, questo metodo aggiunge una dimensione extra di sapore e consistenza, facendo dimenticare le loro note amarognole che a volte non sono amate da tutti. Il formaggio fuso in combinazione con la croccantezza del pangrattato crea un contrasto sublime con la morbidezza interna dei cavolini.

I cavolini di Bruxelles gratinati sono incredibilmente versatili e si abbinano perfettamente con una varietà di piatti principali, da carni rosse a pollame e pesce. Sono anche un’ottima opzione per le scene festive, dove possono aggiungere un tocco di colore e sapore alla tavola.

Con i loro sapori intensi e la loro consistenza contrastante, i cavolini di Bruxelles gratinati al forno sono il contorno perfetto per rendere speciali le vostre scene. Facili da preparare e pieni di nutrienti, rappresentano una scelta eccellente per chi vuole unire gusto e salute in un solo piatto.

Ricetta cavolini di bruxelles al forno

Preparazione cavolini di Bruxelles gratinati

Come si cucinano i cavolini di bruxelles freschi? Mondate e lavate bene i cavolini di Bruxelles eliminando le foglie dure. Fate cuocere con poca acqua non salata. Nel frattempo tagliate la pancetta a piccole striscioline e fatela rosolare con il burro.

Quando i cavolini sono cotti ma al dente, scolateli, tagliateli a metà  e metteteli ancora bollenti nella pirofila, unendo la pancetta che avete rosolato prima e spolverizzate con parmigiano grattugiato .

Tagliate a dadini piccoli la scamorza e disponetela quà  e là. Regolate di sale e pepe e mettete la pirofila nel forno già  caldo a 220 gradi. Cuocete per circa 20 minuti , fin quando sopra i cavolini si formerà  una bella crosticina dorata, quindi serviteli ben caldi. Servite i cavolini o cavoletti di Bruxelles gratinati belli caldi.

Ingredienti cavolini di Bruxelles gratinati

  • 1/2 chilo di cavolini di Bruxelles
  • 1 etto di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • 60 gr di pancetta tesa
  • 200 gr scamorza Libera
  • 30 gr. burro chiarificato
  • un pizzico di sale

I cavolini di Bruxelles sono in realtà una varietà del cavolo. Tuttavia, nel corso dei secoli sono andati incontro a un percorso di frammentazione che ha dato vita a numerose sotto-varianti. I cavolini di Bruxelles appartengono alla famiglia del cavolo e esistono diverse varietà che si distinguono per forma, dimensione, sapore e stagione di raccolta. Ecco alcune altre varietà interessanti più o meno conosciute:

  • Mezzo Nano : Questa è la varietà più comune. Produce cavolini di dimensioni medie, circa 2-3 cm di diametro, e si presta a un’ampia gamma di preparazioni culinarie grazie alla sua versatilità.
  • Perfection: Con cavolini grandi, circa 4-5 cm di diametro, questa varietà è molto saporita e di colore chiaro. È ideale per la raccolta in autunno e inverno.
  • Westlandia: Resistente alle malattie, produce cavolini piccoli, circa 1-2 cm di diametro. È la scelta perfetta per chi preferisce i contorni più delicati.
  • Anagor: Una scelta unica, produciamo cavolini viola che sono più dolci e saporiti rispetto ai tradizionali cavolini verdi. Aggiungono un tocco di colore e sapore ai piatti.
  • Fest e Viel : Questa varietà è nota per produrre un gran numero di cavolini di dimensioni medie con un sapore delicato, offrendo un equilibrio ottimale tra quantità e qualità.
  • Ideale di Hild: Con cavolini di grandi dimensioni e di colore verde scuro, questa varietà è perfetta per chi ama i sapori decisi ei contorni robusti.
  • Wilhelmsburger: Un’altra varietà resistente alle malattie, produce cavolini piccoli con un sapore dolce e delicato. È ideale per chi cerca una variazione dal solito, ma senza strafare.
  • Croce di Giada: Molto popolari, producono germogli dalla forma regolare e di dimensioni più grandi. Ha un sapore leggermente dolce ma anche sapido, rendendolo versatile in cucina.
  • Catskill: Una delle varietà più antiche, prevalentemente coltivata negli Stati Uniti. I germogli sono grandi e il sapore è delicato, inoltre è resistente al freddo.
  • Long Island : Questa varietà è nota per i suoi germogli di dimensioni medie e un sapore molto equilibrato. È resistente a diverse condizioni climatiche e tipi di terreno.
  • Red Ball: Caratterizzato dal suo colore rosso-porpora, ha un sapore più dolce e meno amaro rispetto ai cavolini verdi.
  • Churchill : Una varietà precoce che produce germogli compatti con un sapore dolce e leggermente nocciolato.
  • Royal Marvel: Una delle varietà più nuove sul mercato, con germogli grandi e un sapore molto dolce. È resistente a molte malattie comuni nei cavolini di Bruxelles.

Ogni varietà ha le sue particolarità e può essere più adatta a certi tipi di ricette o metodi di cottura. Ad esempio, le varietà più dolci come Churchill o Royal Marvel possono essere eccellenti quando vengono arrostite, mentre varietà più saporite come Perfection potrebbero essere ideali per piatti come il gratin.

La scelta della varietà di cavolini di Bruxelles può fare una grande differenza nel risultato finale, sia che tu li coltivati ​​nel tuo giardino sia che tu li prepari in cucina. Ogni varietà ha qualcosa di unico da offrire, quindi perché non sperimentare e scoprire quale è la tua preferita?

Quali sono le proprietà benefiche di questo alimento?

I  cavolini di bruxelles gratinati al forno sono un concentrato di sostanze benefiche: infatti, sono molte le sostanze nutritive antiossidanti contenute al loro interno, che li rendono preziosi alleati nella prevenzione dai tumori. L’alta percentuale di acqua contenuta in essi, conferisce loro un elevato potere diuretico. Sono inoltre ricchi di sali minerali come il ferro e il fosforo, nonché di vitamine tra cui la K, essenziale per il benessere delle ossa.

Optando per un contorno a base di cavolini bruxelles gratinati, avrete un pasto carico di tiamina e acido folico, due importanti stimolatori dell’attività cerebrale. Questi ortaggi risultano essere ottimi alleati persino nella protezione degli occhi, grazie alla presenza di zeaxantina, ovvero un antiossidante e colorante verde naturale.

Anche coloro che sono alla ricerca di un contorno dietetico possono stare tranquilli: 100 g di cavolini crudi contengono 37 kcal, mentre bolliti 59 kcal. Si tratta di una verdura che, insieme a tutti i suoi parenti, è molto indicata al sesso femminile in quanto, secondo gli studi, aiuta a prevenire i tumori al seno.

Cavolini di Bruxelles gratinati

Cavolini di bruxelles ricetta della nonna

Nel nord Europa i cavolini di Bruxelles vengono consumati come contorno, spesso solo sbollentati e cotti al vapore, magari passati nel burro liquido. Tuttavia, si possono preparare anche ricette con i cavoletti di Bruxelles più elaborate.

La stagione di reperibilità dei cavolini di Bruxelles è l’inverno ma, per chi non ha problemi relativi alla qualità, si trovano tutto l’anno anche surgelati.  Una volta acquistati o raccolti nel vostro orto, potrete pulirli con facilità: basta togliere un paio di foglie esterne e il torsolo, e lavarli sotto l’acqua corrente.

Un consiglio per riuscire a rendere più digeribili anche i cavolini di Bruxelles gratinati è questo: sarebbe meglio scottarli prima in acqua bollente salata.

Non vanno lasciati nella loro acqua di cottura, per cui vanno scolati subito altrimenti diventano amarognoli. Per variare un po’ il contorno dei vostri secondi piatti, io li consiglio, visto che fanno bene anche a chi soffre di ulcera e gastrite.

I cavolini di Bruxelles gratinati sono perfetti ma sono ottimi anche lessati e conditi con solo olio e sale. Puo’ essere difficile trova la Scamorza Libera che è senza lattosio ma se cercate nel banco frigo del supermercato sono certa che troverete una scamorza idonea.

E’ una ricetta senza glutine e senza lattosio! Vi dirò di più. Mio marito, quando avanzano, li fa diventare un primo piatto perchè condisce la pasta. Come cucinare i cavolini di bruxelles gratinati?

Ricette con cavolini ne abbiamo? Certo che si!

2.6/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata esotica con granadilla

Insalata esotica con granadilla, un contorno colorato

Le utili proprietà della granadilla L’insalata esotica che stiamo preparando ci da modo di spendere qualche parola sulla granadilla, un frutto poco comune dalle nostre parti ma molto consumato in...

Insalata di fiori di banano con fagiolini

Insalata di fiori di banano con fagiolini, un...

Parliamo dei fiori di banano Vale la pena parlare dei fiori di banano, che sono i veri protagonisti di questa insalata con fagiolini. Il nome non è creativo, ma molto descrittivo. Stiamo parlando...

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...