bg header
logo_print

Succo di spinaci e semi di canapa, un drink salutare e gustoso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

succo di spinaci e semi di canapa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Succo di spinaci e semi di canapa, una bevanda rivitalizzante e depurativa

Il succo di spinaci e semi di canapa è una bevanda composta da due ingredienti poco scontati, ma che si sposano benissimo tra loro, sia a livello di gusto che a livello di benefici che offrono al corpo.  Questo succo è infatti composto da due degli alimenti detox per eccellenza, gli spinaci crudi e i semi di canapa.

Questa bevanda biologica si rivela perciò come uno dei rimedi naturali più utili per aiutare l’organismo a depurarsi dalle tossine accumulate e a tenere alla larga i malanni stagionali.  È inoltre a basso indice glicemico e presenta tantissime altre potenzialità. A questo proposito, vediamo nel dettaglio quali sono le proprietà benefiche offerte da questo succo dal gusto particolare.

Ricetta succo di spinaci e semi di canapa

Preparazione succo di spinaci e semi di canapa

Estraete il succo dal sedano, dagli spinaci e dal kiwano. Versate i succhi in un frullatore e aggiungete la polpa della granadilla, il succo di kaffir lime e i semi di canapa.

Frullate fino ad avere un composto omogeneo e filtratelo prima di servire.

Ingredienti succo di spinaci e semi di canapa

  • 200 ml di succo di sedano
  • 50 ml di succo di spinaci
  • 20 ml di succo di kiwano
  • la polpa di 2 frutti della passione
  • il succo di 1 kaffir lime
  • 2 cucchiai di semi di canapa

Succo di spinaci e semi di canapa: un toccasana per fegato e intestino

Come abbiamo detto, una delle più grandi qualità di questa bevanda naturale è quella di aiutare il fegato e l’intestino a disintossicarsi, portando così il corpo a rivitalizzarsi e a raggiungere uno stato di benessere psicofisico. Il fegato è infatti l’organo responsabile di filtrare tutte le sostanze che ingeriamo: distribuisce i nutrienti e trattiene le tossine. Con un sovraccarico di sostanze nocive, questo organo non riesce a lavorare correttamente, causando una diffusa sensazione di malessere.

Essendo capace di stimolare l’espulsione delle tossine dal corpo, il succo di spinaci e semi di canapa supporta l’organismo sotto molti punti di vista e lo aiuta a trovare il suo naturale equilibrio. Tuttavia, è utile sapere che questa bevanda è ottima persino per contrastare la stipsi e vari disturbi del tratto intestinale e dello stomaco. Il succo di spinaci è inoltre in grado di alleviare i problemi ai denti e alle gengive, aiutando così a prevenire la piorrea.

Entrambi gli ingredienti principali sono ricchi di vitamine e minerali. I semi di canapa sono carichi di acidi grassi come l’Omega 3, l’Omega 6 e l’acido gamma-linoleico (indispensabile al corpo per mantenere l’equilibrio ormonale), ma anche di proteine vegetali e di amminoacidi: 3 cucchiai di questi semi contengono circa il 20% del fabbisogno giornaliero proteico di un essere umano adulto.

Un sapore particolare e invitante: succo di spinaci e semi di canapa

Contrariamente a quanto si possa pensare, il sapore del succo di spinaci unito a quello dei semi di canapa dà vita ad una bevanda dal gusto molto gradevole. Infatti, soprattutto se consumati crudi, gli spinaci possono avere un retrogusto piuttosto dolciastro che può essere compensato con l’aggiunta di qualche altro ingrediente dal sapore più dolce oppure da un cucchiaino di miele.

Non a caso, la ricetta del succo di spinaci e semi di canapa che vi proponiamo oggi, prevede infatti l’aggiunta di succo di kiwano, di lime, di sedano e la polpa della granadilla o del frutto della passione, così da conferire alla bevanda un sapore ancor più gradevole e più stuzzicante.

granadilla

Il piccolo frutto dal grande valore: granadilla

La granadilla è un frutto un po’ particolare all’aspetto, che evoca il nostro tipico frutto occidentale a grani: il frutto della passione.

Anche la granadilla presenta al suo interno dei grani, anche se essi non arrivano a rivestirne l’intera superficie interna. Il suo colore esterno è arancio chiaro ed è piuttosto rotondo, con buccia spessa e consistente.

I suoi piccoli semi sono avvolti da una polpa trasparente e mucillaginosa. Trattasi del frutto della Passiflora ligularis, una pianta dal fiore incantevole che siamo soliti ammirare in una sua variante selvaggia sui bordi di alcune nostre strade extra-urbane.

I fiori, solitari e molto grandi rispetto alle dimensioni medie, hanno petali verdi e bianchi, con righe di colore bianco-viola.

Granadilla: una inattesa miniera di proprietà nutritive

I valori nutrizionali della granadilla rendono piena giustizia all’opportunità, per il nostro paese, di provvederne alla importazione a dispetto della distanza che ci separa dal luogo di sua coltivazione e vendita.

Questo piccolo potente frutto si rivela particolarmente efficace in caso di insonnia, grazie alle sue proprietà sedative, ed aiuta a contrastare lo stress. (ndr fatemene un flebo!)

La granadilla gode inoltre di un buon contenuto di ferro, di carotenoidi e di vitamina C, inoltre contrasta la formazione dei radicali liberi, nemici numero uno del buon funzionamento del nostro organismo e della bellezza della nostra pelle.

Come se ciò non bastasse, stando ad alcuni studi condotti in Giappone, questo piccolo frutto per via della buona presenza al suo interno di potenti polifenoli, sarebbe in grado di arrecare ottimi benefici nei confronti delle pareti dei vasi sanguigni con conseguente ottimizzazione della circolazione del sangue lungo tutte le arterie.

Rimaniamo in forma … con la granadilla!

Una delle ragioni più significative che hanno condotto alla “migrazione” di questo frutto dalle Indie a noi è legata alla capacità dello stesso di garantirci una perfetta buona forma fisica.

Il succo del frutto può essere infatti d’aiuto nel processo digestivo e i suoi semi hanno un alto contenuto di fibra.

La granadilla, per via della sua valida presenza di fibre ed in combinazione con la buona quantità di antiossidanti, è in grado di garantire una buona forma fisica anche perché permette di abbassare il tasso di colesterolo cattivo nel sangue, di bruciare i grassi in eccesso, con conseguenti benefici per la salute del cuore, del sistema cardiocircolatorio, ma anche a vantaggio della linea.

Altra prova superata! Si anche questo frutto entrerà nella mia dieta a rotazione per affrontare l’intolleranza al nichel. Meno si mangiano sempre gli stessi alimenti e meno ne risente il nostro organismo!

Tutti questi ingredienti aumentano ulteriormente gli effetti benefici di questa bevanda fatta in casa: un potere antiossidante, depurativo e rivitalizzante vi sta aspettando!

Ricette succhi salutari ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spumone alle fragole

Spumone alle fragole, un cocktail dessert morbido e...

Tutta la bontà delle fragole Le protagoniste di questo spumone sono naturalmente le fragole. Queste vengono semi-congelate e frullate per ottenere una purea molto densa e omogenea. La purea viene...

Ranch Water

Ranch Water, ecco come si fa il famoso...

Uno sguardo sulla tequila Vale la pena parlare della tequila, che è la vera protagonista del Ranch Water. Nello specifico parliamo della tequila bianca. Rispetto agli altri tipi di tequila non è...

Cocktail leggero con azzeruoli

Cocktail leggero con azzeruoli per un aperitivo rinfrescante

Un focus sugli azzeruoli Gli azzeruoli sono frutti molto particolari e sono ideali per un cocktail leggero come questo. Un tempo erano molto consumati, poi caddero nell’oblio durante l’età...