Ricetta veloce: Involtini di fesa di tacchino arrosto

Involtini di fesa di tacchino arrosto
Commenti: 0 - Stampa

Involtini di fesa di tacchino arrosto: un piatto che vi aiuterà a stupire

Non avete idea di cosa cucinare per secondo per la vostra prossima cena con gli amici o con la famiglia? Nessun problema! Oggi, infatti, sto per guidarvi alla scoperta di un piatto speciale. Di cosa si tratta? Degli involtini sfiziosi di fesa di tacchino arrosto, una soluzione leggera, gustosa e, soprattutto, perfetta per gli intolleranti al lattosio e anche per i celiaci. Chi dice che vivere queste condizioni e pensa che significhino smettere di mangiare bene non deve affatto preoccuparsi, perché dando spazio alla creatività e impegnandosi a cercare i giusti ingredienti è possibile portare in tavola delle vere e proprie delizie.

Alla scoperta dei benefici del tacchino, tra proteine e vitamina B

Cosa si può dire sui benefici del tacchino? Prima di tutto che stiamo parlando di una carne contraddistinta da un basso contenuto di grassi saturi. Essenziale è anche ricordare la presenza di un’ottima quantità di proteine nobili e di sostanze benefiche come la vitamina B. Il tacchino, inoltre, contiene selenio. Questo minerale è famoso per i vantaggi che può portare alla funzionalità tiroidea. Fondamentale è ricordare anche che il suo apporto contribuisce all’eliminazione dei radicali liberi, il che significa un ottimo lavoro di prevenzione del cancro.

Involtini di fesa di tacchino arrosto

Viva la farina di quinoa, ottima soluzione gluten free

Quando si parla di cucina per celiaci è necessario considerare l’universo delle farine gluten free. Tra queste è possibile chiamare in causa la farina di quinoa. Non si tratta solo di una fantastica soluzione per cucinare dolci e altri piatti per i celiaci, ma anche di un elisir di salute. Per quale motivo? Per numerosi motivi! Il primo è senza dubbio la presenza di flavonoidi, in particolare di quercetina e kaempferol. Queste sostanze aiutano tantissimo a tenere sotto controllo il processo ossidativo delle cellule.

La quinoa, inoltre, è ricchissima di fibre. Questo significa che includerla nella dieta significa perseguire dei benefici dal punto di vista del controllo della stitichezza e, soprattutto, della velocità di assorbimento degli zuccheri nel sangue.

Non c’è che dire: questi Involtini di fesa di tacchino arrosto sono davvero sfiziosi e, soprattutto, molto salutari! A questo punto non resta che correre in cucina a prepararli! Vi assicuro che la ricetta è estremamente semplice e che l’effetto finale non potrà che conquistare tutti i vostri ospiti.

Ingredienti per 4 persone

  • 8 fette rotonde di fesa di tacchino arrosto
  • 2 carote viola
  • 4 cipollotti freschi
  • 1 fetta di formaggio tenero Accadi o Feta Optymus

per le cialdine:

  • 50 gr. di farina di quinoa
  • 50 gr. di farina di riso
  • 25 gr. di farina di grano saraceno
  • 2 gr. xantano
  • q.b. acqua naturale

per condire:

  • Insalatina mista e rucola
  • Salsa maionese e salsa di peperoncini piccanti
  • Olio di semi di arachide, olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione:

Setacciate e mischiate le farine . Versate in una terrina con l’acqua, lo xantano, un filo d’olio ed impastate. Una volta impastato bene riporre in frigorifero per circa un’oretta a compattare.

Mondate le carote e pulite i cipollotti. Affettate tutto sottilmente e saltate per pochi minuti in una padella con olio extravergine Aggiustate di sale. Stendete la pasta molto sottilmente, deve essere quasi trasparente.

Dividete in rettangoli, mettete al centro una fetta di fesa di tacchino arrosto, una generosa dose di carote e cipolle, il formaggio  e chiudete come fossero pacchettini.

Schiacciate al lati con i rebbi di una forchetta in modo da sigillare il tutto. Friggete il tutto in abbondante olio di semi di arachide per  due minuti per lato e scolate su carta assorbente.

Adagiate gli involtini sopra l’insalatina e la rucola e consumare con le salse a piacere.

5/5 (439 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti