Kuro-tamago, le uova nere delle terme giapponesi

Kuro tamago
Commenti: 0 - Stampa

Uova nere giapponesi: le Kuro-tamago sono davvero speciali!

Forse avrete sentito parlare delle uova nere del Giappone o delle Kuro-tamago. Sono strane e particolari, e per questo hanno attirato la mia attenzione e ho deciso di parlarvene…

In primo luogo, sveliamo un “mistero”: perché sono nere? Per darvi una risposta ben precisa, è utile considerare che sono uova sode reperibili nelle acque termali di Owakudani. Quest’ultima è una valle vulcanica che si è formata circa 3.000 anni fa, dopo una potente eruzione ad opera del Monte Hakone.

Owakudani vanta di numerose pozze di acqua bollente, ovviamente cariche di fumi vulcanici, principalmente a base di anidride solforosa e idrogeno solforato, e di zolfo. Pertanto, come spesso capita quando si vanno a visitare i soffioni boraciferi, la zona è invasa dall’odore dell’uovo sodo… e, grazie ai Kuro-tamago, le uova sode ci sono davvero. Secondo le credenze della popolazione del luogo, mangiare le uova nere giapponesi può allungarci la vita di ben sette anni! Ecco i dettagli da non sottovalutare…

Queste uova possono allungarci la vita… oppure no?

Se state pensando di avere a che fare con uova di chissà quali animali sacri, sappiate che la verità è tutt’altra cosa. Infatti, si tratta di normali uova di gallina, che diventano nere in quanto, una volta immerse nell’acqua termale vulcanica, lo zolfo le colora. Niente di magico insomma. Tuttavia, di certo non possiamo sottovalutare le potenzialità delle Kuro-tamago: le uova nere del Giappone saranno pure “semplici” uova, ma si rivelano comunque un alimento da non sottovalutare!

Kuro tamago

In pratica, di certo non sono poi così miracolose, ma propongono lo stesso valide dosi di vitamine del gruppo B, vitamina D e di minerali molto importanti per l’organismo. Purtroppo, con la bollitura nelle acque termali, perdono una parte di questi micronutrienti. Ad ogni modo, le Kuro-tamago si presentano comunque come un’ottima fonte di proteine e aminoacidi essenziali. Sono sazianti, energizzanti e, perché no, probabilmente anche buone!

Tutti pazzi per le uova nere del Giappone!

Che si tratti di una trovata pubblicitaria oppure no, sicuramente le Kuro-tamago hanno conquistato tutti. Infatti, ne parlano sul web (in molte lingue) e in particolare sui social network, e sono tantissimi i turisti che vanno a visitare le zone termali di Owakudani con il solo scopo di mettere le mani su quelle miracolose uova nere… per poi mangiarsele! Fortunatamente, non c’è rischio che a qualcuno non tocchi il suo uovo: mettono a “bollire” tantissime uova ogni giorno.

Il segreto delle Kuro-tamago è stato perciò svelato ma, nonostante questo, la speranza non manca e la voglia di poter dire “anche io ho mangiato le uova nere del Giappone per allungarmi la vita!” conquista turisti provenienti da ogni parte del mondo. In fondo, non c’è niente di male! Vi è per caso venuta voglia di fare un bel viaggio per andare a prendere un po’ di queste uova? Se è così, fatemi sapere!!

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova di coturnice

Uova di coturnice : per chi soffre di...

Le uova di coturnice: ecco che arrivano delle uova speciali Come ho detto più volte, non esistono solo le uova di gallina! Tra le uova che abbiamo a disposizione troviamo quelle di moltissime razze...

uova di mericanel

La bontà delle uova di Mericanel della Brianza

Oggi andiamo a conoscere le uova di Mericanel della Brianza Spesso non ce ne rendiamo conto, ma non esiste soltanto una razza di gallina: soprattutto quelle prettamente ovaiole sono a dir poco...

Uova di gallina Orpington

Conosci le uova di gallina Orpington?

Avete mai provato le uova di gallina Orpington? In questo caso, non parlo di uova molto diverse da quelle che siamo abituati solitamente a portare in tavola. Tuttavia, secondo me, anche le uova di...

Uova di gallina Wyandotte

In cucina con le uova di gallina Wyandotte

Oggi parliamo delle uova di gallina Wyandotte Esistono tantissime razze di galline ovaiole e una di queste è senz’altro la Wyandotte. Si tratta di un’ottima chiocca, in grado di deporre circa...

Uova alla coque

Amate le uova? Provate le uova di gallina...

Non solo uova “comuni” Amate le uova? Allora provate le uova di gallina Australorp! Tante razze avicole, tante uova diverse. Con questo presupposto, vi chiedo: perché non provarle tutte… o...

uova di marans

Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

Le principali peculiarità delle uova di Marans Le uova di Marans sono le uova di una gallina ovaiola, la cui razza di origine francese prende appunto il nome “Marans”. Con un guscio di un...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti