Niente ragù! Lasagne con scarola e prosciutto cotto

Lasagne con scarola e prosciutto
Commenti: 1 - Stampa

Lasagne con scarola: per intolleranti al lattosio, al glutine e al nichel (e non solo).

Niente ragù! Lasagne con scarola e prosciutto cotto. Oggi vi propongo il secondo esperimento di lasagne per intolleranti al lattosio, al glutine e al nichel, dove ho provato a sostituire la classica besciamella con una versione leggera e inserendo la mozzarella con la scarola. E poi… chi l’ha detto che gli intolleranti devono privarsi di alcune prelibatezze? Provare per credere! Le lasagne con scarola sono risultate ottime!

Oddio, se proprio vogliamo vedere grandi aiuti per l’intolleranza al nichel, non ne trovo molti in giro e penso sempre di più che è una di quelle che vengono bistrattate da tutti perché difficili da gestire… Devo mettermi d’impegno, farmi aiutare e mettere insieme i dati e realizzare il progetto che ho in mente da anni. Che ne dite? Vorrei tanto vedere che ne pensate…

Qualche curiosità!

La storia vuole che la lasagna fosse nata per soddisfare il palato di un re e il suo indiscusso successo ha fatto sì che la ricetta subisse modifiche e perfezionamenti al fine di adattarsi a ogni regione… fino a divenire uno dei piatti per eccellenza da servire in famiglia! Preparare questa ricetta in modo corretto significa creare un piatto capace di richiamare ed esaltare i sapori della nostra terra e di lasciare i commensali piacevolmente sorpresi: in questo caso, il connubio creato dalla besciamella “light” e dalla scarola è indimenticabile.

Se vi piace sperimentare ricette da gourmet, le lasagne con scarola fanno proprio al caso vostro, ma prima di iniziare con la preparazione, scopriamo insieme quali sono i valori nutrizionali dei suoi ingredienti… Oltre che per il gusto straordinariamente equilibrato, questa ricetta si contraddistingue per il suo apporto nutrizionale.

La scarola, infatti, è una fonte di acqua, di fibra alimentare e di potassio, tutti elementi molto utili al corpo umano, in quanto modulano la peristalsi intestinale e prevengono la stitichezza. In aggiunta, possiede una buona capacità saziante, che la rende ideale nelle alimentazioni ipocaloriche. Le fibre che propone, unite al potassio e alle vitamine, fanno in modo di aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari e ad alleviare l’ipertensione.lasagne con scarola

Lasagne con scarola e prosciutto cotto: una ricetta per tutti i gusti!

Le uova presenti nella pasta, forniscono una buona dose di proteine, di ferro e di vitamina A, che consente alla pietanza di presentarsi come un alimento completo. Grazie al sapore di questo piatto, possiamo affermare che questa ricetta è genuina, originale e capace di conquistare chiunque, dagli adulti perennemente a dieta, fino a quelli che amano i sapori intensi. È perfetta persino per i bambini, perché la verdura è incorporata in un piatto dall’aspetto familiare e piacevole.

Per tutte queste ragioni, le lasagne con scarola si presentano come il primo ideale per far colpo su amici e parenti con qualcosa di unico e buono. Se siete curiosi di scoprirne il sapore, continuate a leggere qui di seguito! Sono ideali anche per le persone intolleranti al nichel e non è poco!

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di lasagne di riso Le Celizie
  • 250 g di mozzarella di bufala consentita
  • 250 g di besciamella leggera consentita
  • 500 gr. di scarola
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 g parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 150 g prosciutto cotto a fette
  • 1 uovo
  • 4 cucchiai di  olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Prelessate per qualche minuto le lasagne di riso.Lavate la scarola, eliminate le foglie rovinate e tagliatela a listarelle.

Affettate l’aglio e fatelo scaldare in una padella antiaderente l’olio, aggiungete la scarola e fatela stufare con il coperchio, finché il volume non si riduce a meno della metà e salate.

Togliete dal fuoco e lasciatela intiepidire. In una ciotola mescolate la scarola, la mozzarella tritata, l’uovo e il sale. Nel frattempo preparate la besciamella.

Disponete in una pirofila un primo strato di besciamella, poi una sfoglia di pasta e cominciate a formare gli strati con il composto di formaggio e scarola, le fette di prosciutto cotto e una spolverata di parmigiano reggiano e fra uno strato e l’altro mettete sempre un po’ di besciamella.

Termina con uno strato del composto e il parmigiano reggiano. Cuocete in forno già caldo a 200° per 25 minuti e gli ulteriori 5 minuti sotto il grill per fare in modo che si formi la crosticina.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Niente ragù! Lasagne con scarola e prosciutto cotto

  • Gio 3 Gen 2013 | Elisa Caimi ha detto:

    Grandeee! <3 Le lasagne 'accessibili'! :D Che idea gustosa e simpatica! Un abbraccio grande.. da un po' non prendo la scarola, che voglia! <3

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-01-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti