Zambia: Cosa si mangia? Lo scoprirete leggendo

Zambia
Commenti: 0 - Stampa

Appena tornata da un viaggio di lavoro in Zambia, ho voluto  condividere con voi un po’ delle meraviglie della cucina locale. Come si mangia in Zambia?? Lo scoprirete leggendo

La cucina tradizionale dello Zambia è prevalentemente a base di polenta ottenuta da farina di mais bianco (Nshima), a volte sostituita dalla farina di cassava (sima ya chikhau or chinangwa), sorgo (ima ya chidomba), o miglio (sima ya kambala), intinta in salse a base di verdure, quasi sempre a base di pomodoro.


Nshima
: il concetto di “nshima” e ciò che rappresenta è la base stessa della vita. Nshima è l’alimento base per i 10 milioni di abitanti dello Zambia e si mangia almeno due volte al giorno per il pranzo e la cena. Nshima è un alimento base mangiato non solo dagli zambiani ma anche in Malawi e molti altri vicini africani.

Quasi tutte le lingue africane indigene in Zambia probabilmente chiamano la nshima con un nome diverso a seconda della lingua della zona specifica e della variazione dialettale: I Chewa , tumbuka e i Ngoni dello Zambia e Malawi Orientale la chiamano ad esempio Sima o nsima, la popolazione Bemba del Nord Zambia la chiamano ubwali, mentre i Tonga dello Zambia meridionale la chiamano Insima e i Lozi dello Zambia Occidentale la chiamano Buhobe.

Farina di mais bianco, proprietà nutrizionali

La farina di mais bianco è senza glutine? Sì. Il mais non contiene glutine, tuttavia chi ha una spiccata celiachia, dovrebbe assicurarsi di acquistare farina a marchio “gluten free” solo per eliminare il rischio di contaminazione. In effetti chi ha un’elevata sensibilità al glutine dovrebbe farlo con qualsiasi alimento acquistato oppure ricorrere all’autoproduzione.

Quante calorie ha la farina di mais bianco?

1oo grammi di prodotto hanno circa 362 kcal date per l’85.8% da carboidrati. I valori nutrizionali riferiti a 100 grammi di prodotto vedono le seguenti proprietà nutrizionali:

  • Grassi – 3,86 g
  • Carboidrati – 76,85 g
  • Fibra alimentare – 7,3 g
  • Proteine – 6,93 g
  • Acqua – 10,9 g
  • Calcio – 7 mg
  • Ferro – 2,38 mg
  • Magnesio – 93 mg
  • Fosforo – 272 mg
  • Potassio – 315 mg
  • Sodio – 5 mg
  • Zinco – 1,73 mg
  • Manganese – 0,46 mg
  • Rame – 0,23 mg
  • Selenio – 15,4 µg
  • Vitamina B1 – 0,246 mg
  • Vitamina PP – 1,9 mg
  • Folati – 25 µg
  • Colina o Vitamina J – 21,6 mg
  • Vitamina E – 0,42 mg

Uno degli aspetti più significativi del pasto di base dello Zambia è che la Nshima è sempre presentata con una pietanza di accompagnamento, “relish”.  Il secondo piatto che è sempre servito con nshima è a base di piccoli pesciolini di fiume essiccati (kapenta), uova, fagioli o a volte anche bruchi (caterpillar) o carne, a volte accompagnato anche da una piccola porzione di verdure selvatiche che semplicemente crescono in giardino come ad esempio le foglie di cavolo, noto come “rape”, foglie di zucca, foglie di pisello, foglie di manioca, foglie di fagioli, foglie di fagiolini, oppure l’okra, o l’impwa o la zucca (piccole melanzane bianche) o il cavolo.

Ricetta Nshima per 3-4 persone

  • 4 tazze di acqua
  • 2 tazze di farina di mais bianco

Preparazione: Versare 4 tazze di acqua in una pentola e riscaldare l’acqua per 3 – 4 minuti o fino a che non diventa tiepida. Versare ¾ della farina di mais nella pentola un cucchiaio per volta, mescolando continuamente con un mestolo di legno. Continuate a mescolare lentamente fino a quando il composto comincia ad addensarsi e a bollire. Abbassare il fuoco, coprire la pentola e lasciare cuocere a fuoco lento per 3 a 5 minuti.

Lentamente, poco per volta, versare nella pentola il quarto di farina avanzata e mescolare fino a che il composto non diventa liscio e denso. Regolare la densità della Nshima a proprio piacimento aggiungendo o più o meno farina. A questo punto spegnere il fuoco e lasciare riposare la Nshima per altri 2 o 3 minuti.

Articolo di Benedetta Raspini

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bangkok Royalpalace

Bangkok, saluti e buone feste dalla Thailandia

A zonzo nel cuore di Bangkok Cari amici, quest’oggi vi scrivo in diretta dalla Thailandia, e più precisamente dalla capitale Bangkok, durante queste vacanze di fine anno, che ormai volgono al...

NATALE

Finalmente Natale! Tanti auguri da Nonnapaperina!

Ed anche oggi penso a voi, buon Natale a tutti! Cari amici sono super elettrizzata e vorrei potervi abbracciare tutti, uno per uno, per augurarvi uno strepitoso Natale e tanta felicità e salute! Vi...

Asakusa

Asakusa ,Tempio di Senso-ji e Gen Yamamoto

Ultimo giorno nella terra del Sol Levante tra cibo, templi e shopping Japan Gourmet: Asakusa ,Tempio di Senso-ji e Gen Yamamoto per finire in bellezza. Oggi è il nostro ultimo giorno in Giappone,...

cultura nipponica

Japan Gourmet: le mille tinte della cultura nipponica

La mia vacanza in Giappone, oltre gli stereotipi Le mille tinte della tradizione millenaria della cultura nipponica. La mia permanenza in Giappone per la Japan Gourmet è davvero agli sgoccioli....

giardini imperiali

Giardini imperiali, Food Hall di Isetan e Golden...

Il ritorno a Tokyo, ancora un giro in città Japan Gourmet: Giardini imperiali, Food Hall di Isetan e Golden Gai. Resta ancora qualche giorno da trascorrere in Giappone per la Japan Gourmet e io ne...

il fascino della geisha

Il fascino della Geisha, meditazione zen e cucina...

Ultimo giorno a Kyoto: tra buddismo e festival Settimo giorno di viaggio in Giappone dedicato alla Geisha, alla meditazione zen e alla cucina Kaiseki. Una nuova giornata a Kyoto sulle tracce del...

02-03-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti