Farina di Baobab, un antiossidante naturale

farina di baobab ChiaraZoppei

L’Adansonia Digitata, più comunemente conosciuto come Baobab, è un albero Africano di grandi dimensioni che cresce solitario in zone prevalentemente rocciose e desertiche e dal suo frutto viene ricavata la Farina di Baobab che è naturalmente priva di glutine, lattosio e nichel

Appartenente alla famiglia delle Bombacacee, il Baobab raggiunge un’altezza che va dai dodici ai venti metri, con un importante diametro che può variare dagli otto ai dodici metri. Produce fori bianchi molto grandi che hanno forma di imbuto, e i frutti arrivano a pesare diversi chili.

Questi ultimi offrono una polpa ricca e farinosa dal sapore acidulo e gradevole, che viene spesso utilizzata per la produzione di succhi e bevande. Dai semi si ricava un olio e dalla corteccia le fibre per la produzione di carta e funi.

La vita di un Baobab è di circa quattrocento anni, e il suo nome deriva dall’arabo “Bu-Hibab”che significa “albero dai molti semi”. Nella tradizione Africana viene comunemente chiamato “Gigante buono”, “Albero magico” “Albero della vita”, e da millenni è considerato un’importante fonte di cibo e di medicamenti.

La farina di Baobab si ricava dal frutto, la cui polpa appare naturalmente disidratata giunta ad un determinato punto della maturazione.

Ricchissima di fibre, di vitamine A e C (in quantità sei volte maggiore rispetto alle dosi che contiene solitamente un’arancia), di aminoacidi e sali minerali, ha elevate capacità antiossidanti e l’alto contenuto di fibre è un valido aiuto nei casi in cui sia necessario aiutare la regolarità dell’intestino.

Tra i suoi innumerevoli pregi vi è anche la capacità di mantenere sana e protetta la pelle, e quella di riequilibrare le diverse funzionalità dell’organismo in periodi esposti a stress alimentare, fisico o mentale.

Già nella tradizione africana la polpa del frutto è sempre stata largamente utilizzata come analgesico, come rimedio per abbassare la febbre, in caso di problemi di dissenteria, e nella cura di malattie come morbillo, vaiolo e varicella.

Anche oggi alcune caratteristiche biochimiche di questo frutto vengono sfruttate dall’industria farmaceutica nella composizione di alcuni medicinali molto diffusi (un esempio su tutti sono le comuni compresse di paracetamolo).

Oltre ad una grande quantità di vitamina C che contrasta in maniera significativa la formazione di radicali liberi, nel frutto sono presenti vitamina B1, B2, vitamina PP e B3. Importanti proprietà antimicotiche, antimicrobiche e antivirali vengono attribuite a questo prodotto.

La farina di Baobab (o polvere) è utilizzata soprattutto come integratore alimentare dal valore nutrizionale particolarmente alto.

Ma come si ricava? Una volta che i frutti diventano maturi, l’albero inizia un processo di conservazione dell’acqua nel proprio corpo centrale, ovvero nel tronco che ha una conformazione spugnosa.

E’ proprio per questo motivo che il frutto, a questo punto, si disidrata naturalmente, e riesce a conservare inalterate tutte le sue proprietà anche per anni.

La polpa essiccata viene separata dal seme, dalla buccia e dalle rimanenti fibre mediante una semplice azione meccanica,

A questo punto viene filtrata per ottenere la farina (o polvere) del frutto di baobab che, in cucina, viene prevalentemente utilizzata con  funzione di addensante, come complemento a farine integrali per prodotti da forno (pane e biscotti), o in aggiunta a succhi di frutta, yogurt e tè.

Diverse sono le proprietà benefiche e terapeutiche di questa pianta, in particolare del suo frutto:

  • Antinfiammatorio: febbrifugo
  • Analgesico
  • A livello topico: l’olio o la pasta prodotti dalla polpa vengono applicati localmente come antiallergico, emolliente, rigenerante tonico prevenzione per le smagliature
  • Migliora la digeribilità: riequilibra il PH dello stomaco e protegge le mucose
  • Combatte la stipsi: le fibre aiutano il nostro intestino e il suo “lavoro”
  • Contro diabete e colesterolo
  • Antianemico: grazie all’ elevato contenuto di ferro e all’ aumento della produzione di globuli rossi
  • Antiastenico: amminoacidi e vitamine che migliorano il benessere fisico e psichico
  • Antidiarroico: presenza di fibre
  • Antiossidante: limita lo sviluppo dei radicali liberi (invecchiamento)

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *