Purè di pastinaca: l’antenata della carota

purè di pastinaca
Stampa

Purè di pastinaca: l’antenata della carota

Un ortaggio ancestrale, antenato della carota, amatissimo dagli antichi Romani. La pastinaca è stata quasi completamente abbandonata dopo la scoperta della carota; oggi, però, vive una rinascita.

Molti chef, infatti, la stanno rivalutando e sempre più spesso è inserita in molte preparazioni.

Oltre ad avere un sapore molto buono, simile alla patata, al sedano e alla carota, ma più dolce, vanta un’ampia varietà di nutrienti.

Il nome scientifico è Pastinaca Sativa, appartiene alla famiglia delle Umbelliferae (Apiaceae), di cui fanno parte anche carote, sedano, cumino, aneto e prezzemolo.

Come per la carota, della pastinaca si consumano le radici. L’aspetto è del tutto simile alla cugina carota, si contraddistingue al primo sguardo per il colore, dalle varie sfumature di beige. Le foglie della pastinaca sono molto simili, invece, al prezzemolo.

È una pianta originaria dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Nel Basso Salento, per fare un esempio, si coltiva da sempre ed è associata alla festa patronale di Sant’Ippazzio, a gennaio.

I benefici di questa radice

Dal punto di vista nutrizionale, la pastinaca, non ha niente a che invidiare alla cugina carota, forse, un po’ più bella da vedere, ma più povera di proprietà nutritive.

Di seguito elenco i principali benefici per la salute che la pastinaca regala al nostro corpo:

  • il gusto incredibilmente dolce della pastinaca si paga in calorie. Non è, infatti, tra gli ortaggi più light che esistono, in 100 g. ci sono circa 75 calorie, è come mangiare una banana o una porzione di uva. Questa dolce e succosa radice è però ricca di salutari fitonutrienti: vitamine, fibre e Sali minerali. Giudicate quindi voi se vale la pena inserirla nella vostra dieta.
  • La pastinaca è una fonte incredibile di fibre, 100 g. di pastinaca forniscono il 13% del fabbisogno giornaliero. Un giusto apporto di fibre nella dieta, aiuta a combattere il colesterolo, l’obesità e la stitichezza.
  • Come per gli altri membri della famiglia delle Apiaceae, la pastinaca contiene diversi antiossidanti (poliacetilene), come falcarinolo, falcarindiol, panaxydiol, e metil-falcarindiol. Gli antiossidanti sono essenziali per il buon funzionamento dell’organismo e ci aiutano a prevenire l’insorgere di alcune malattie. In particolare, una ricerca condotta dall’Università di Newcastle, ha dimostrato che gli antiossidanti contenuti nella pastinaca sono anti- infiammatori e svolgono un’importante azione contro l’insorgere del cancro al colon e della leucemia linfoblastica acuta.
  • La pastinaca è ricchissima (più della carota) di vitamina C e alcune vitamine del gruppo B, soprattutto acido folico, ma anche vitamina B6 e, poi, contiene vitamina K e vitamina E.
  • Tra i minerali troviamo alti livelli di ferro, calcio, rame, potassio, manganese e fosforo. Il potassio è un componente importante delle cellule, aiuta il controllo della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna e contrasta gli effetti dannosi del sodio.

Pastinaca

Con la pastinaca si possono fare davvero tante buone ricette come i pancakes oppure delle zuppe. Ma si puo’ preparare anche il purè o i muffins.

Ed ecco la ricetta del Purè di pastinaca

Ingredienti

  • 300 gr. di pastinaca,
  • 250 ml di latte intero consentito,
  • 400 ml di acqua,
  • 40 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi,
  • sale q.b.

Preparazione

Pelate la pastinaca, lavatela e tagliatela a pezzettoni. Mettete in una pentola e coprite con il latte e l’acqua. Aggiungete il sale e lasciate cuocere fino a che non si sfalda. Scolate e frullate con l’aiuto di un frullatore ad immersione ottenendo una purea. Aggiungete il parmigiano. Aggiustate di sale se necessario.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

1 commento su “Purè di pastinaca: l’antenata della carota

  • Gio 24 Ott 2019 | Francesco Onnis ha detto:

    Mare nostrum …pastinaca nostra,buttiamoci dei prodotti di casa nostra.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti