bg header
logo_print

Purè di pastinaca, un contorno delizioso e alternativo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

pure di pastinaca
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3/5 (3 Recensioni)

Purè di pastinaca, una gradevole alternativa al purè tradizionale

Oggi vi presento il purè di pastinaca, un contorno dal sapore spiccato, dalla texture morbida, dall’aspetto gradevole. Il procedimento ricorda quello dei classici purè di patate, dunque è alla portata di tutti. Può essere usato anche per preparazione gourmet, se non altro per la relativa diffusione dell’ingrediente principale: la pastinaca. Sia chiaro, la pastinaca è rara solo dalle nostre parti, mentre nel mondo anglosassone è un must per contorni e insalate. Si tratta di un tubero con una certa parentela con le patate. L’aspetto ricorda però quello di una gigantesca carota di colore bianco – beige. Il sapore è peculiare in quanto si trova a metà strada tra la carota, il prezzemolo e il sedano rapa. Allo stesso tempo è dolce, aromatica e delicata.

La pastinaca può essere consumata cruda o cotta. Nel primo caso vanno scelti solo gli esemplari più precoci, che vengono sbucciati, tagliati a listarelle e utilizzati per le insalate. Nel secondo caso la pastinaca viene cotta più o meno come le patate. La pastinaca è eccellente da bollire, mentre da fritta rischia di sfaldarsi. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, la pastinaca si pone a metà strada tra le patate e le carote. E’ ricca di vitamina C, vitamina B6, potassio e magnesio, che giovano alla pressione del sangue e al metabolismo energetico. Stesso discorso per le fibre, a tal punto da essere considerata digestiva. In occasione di questa ricetta la pastinaca va bollita nel latte e nell’acqua, per poi essere frullata e arricchita con alcuni aromi.

Ricetta purè di pastinaca

Preparazione purè di pastinaca

Sbucciate la pastinaca, lavatela e tagliatela a pezzettoni. Mettete in una pentola e coprite con il latte e l’acqua. Aggiungete il sale e lasciate cuocere fino a che non si sfalda.

Scolate e frullate con l’aiuto di un frullatore ad immersione ottenendo una purea. Aggiungete il parmigiano. Aggiustate di sale se necessario e servite.

Ingredienti purè di pastinaca

  • 300 gr. di pastinaca
  • 250 ml di latte intero consentito
  • 400 ml di acqua
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi
  • q. b. di sale.

Quale latte utilizzare nel purè di pastinaca?

Il latte è tra gli ingredienti più importanti del purè di pastinaca. Il suo ruolo è duplice: da un lato insaporisce la preparazione, conferendo note più dolci e delicate. Dall’altro lato garantisce una texture più morbida, che la pastinaca cotta da sola non riuscirebbe a fornire. Ci si potrebbe chiedere quale tipo di latte utilizzare, visto che la scelta di solito è tra latte intero e parzialmente scremato. A tal proposito vi consiglio il latte intero, in quanto è più saporito. E’ però più grasso, a tal punto da apportare 65 kcal per 100 grammi, contro le 45 del parzialmente scremato.

Se soffrite di intolleranza al lattosio non temete, avete la soluzione a portata di mano. Basterà sostituire il latte con una versione delattosata, che si trova con relativa facilità. Di norma non avvertirete la differenza in termini di texture, e men che meno dal punto di vista nutrizionale. D’altronde per delattosare il latte è sufficiente integrare l’enzima lattasi, che manca o scarseggia nell’intestino di chi soffre di intolleranza.

Il sublime tocco del Parmigiano Reggiano

Anche il Parmigiano Reggiano gioca un ruolo importante nella ricetta del purè di pastinaca. Nello specifico aggiunge un sapore sapido, oltre ad una nota più pungente e corposa. Inoltre addensa e rende più uniforme la texture del purè, che potrebbe risultare un po’ troppo liquida a seguito della cottura nel latte e del passaggio in frullatore. Il Parmigiano va inserito grattugiato a fine procedimento, poco prima di impiattare.

Si fa presto a dire Parmigiano, infatti ne esistono di diversi tipi che differiscono principalmente per il tempo di stagionatura. Visto l’uso che se ne fa, vi consiglio un Parmigiano a lunga stagionatura, magari intorno ai 36 mesi. A prescindere dalla stagionatura, il Parmigiano offre tanto a livello nutrizionale, infatti è ricco di proteine come pochi altri cibi al mondo. Stesso discorso per il calcio e per la vitamina D, che giova al sistema immunitario.

Come abbinare il purè di pastinaca?

Il purè di pastinaca è una preparazione versatile, che può essere consumata in una vasta gamma di situazioni e in abbinamento a molti piatti. Può essere consumato anche in solitaria, e in questo caso funge da primo leggero. Inoltre può fungere da contorno a secondi vegetali e di carne. Un abbinamento classico, molto diffuso nei paesi del nord, è quello con la pastinaca al forno. In questo caso il tubero può fungere da portata principale, in maniera simile a quanto accade con le patate. Per questo piatto è bene utilizzare pastinache molto “cresciute”, che sono più ricche di sapore benché più coriacee.

Il purè di pastinaca valorizza anche gli arrosti, in quanto contrasta con le sue note delicate quelle più corpose della carne. Stesso discorso per i contorni di ortaggi, magari complessi e che possono “passare” per secondi. Questo tipo di purè non è molto indicato, invece, con il pesce.

Ricette pastinaca ne abbiamo? Certo che si!

3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

1 commento su “Purè di pastinaca, un contorno delizioso e alternativo

  • Gio 24 Ott 2019 | Francesco Onnis ha detto:

    Mare nostrum …pastinaca nostra,buttiamoci dei prodotti di casa nostra.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di makhane

Insalata di makhane: contorno esotico della cucina indiana

Makhane o noci di loto: sapore, proprietà nutrizionali e usi in cucina Ma cosa sono di preciso le makhane presenti in questa insalata? Di base sono i semi del loto, una pianta carica di simbolismi...

Carpaccio di patate viola

Carpaccio di patate viola, il contorno che non...

Le patate viola, un concentrato di gusto e colore Vale la pena spendere qualche parola sulle patate viola, che sono gli ingredienti principali di questo delizioso carpaccio. Tanto per cominciare il...

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...