Red Valvet Cake uno dei miei dolci preferito

Red Valvet Cake
Commenti: 0 - Stampa

Red Valvet Cake uno dei miei dolci preferito. Mi ha sempre attirato questa torta morbida, cremosa e soprattutto rossa. Che dire? Che da quando l’ho provata è diventato il mio dolce preferito. E soprattutto non ha nichel, al quale io sono intollerante. Una dolce scoperta.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Paola Falcier

Ed ecco la ricetta dei Red Valvet Cake

Ingredienti per 12 persone

per 2 stampi da 22 cm

250 gr farina “00”
1/2 cucchiaino sale
120 gr yogurt bianco
125 ml latte
1 cucchiaio colorante alimentare rosso in gel
110 gr burro
300 gr zucchero
1 cucchiaino essenza di vaniglia + 1 cucchiaino bicarbonato
2 uova + 2 cucchiaini aceto

farcia e copertura

225 gr formaggio fresco spalmabile
230 gr mascarpone
115 gr zucchero a velo
350 ml panna da montare
30 gr farina di cocco

Preparazione

Per prima cosa preriscaldate il forno a 180° e imburrate ed infarinate i due stampi.
In una terrina mescolate la farina setacciata insieme ad un pizzico di sale e mettere da parte. In un’altra terrina mescolate il latte insieme allo yogurt e al colorante alimentare. Versate in una più grande mettete i burro tagliato a tocchetti con lo zucchero.

Lavorare il burro e lo zucchero fino a renderlo leggero e spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, amalgamando bene l’una prima di aggiungere l’altra.

Infine aggiungere l’estratto di vaniglia e mescolare fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.
Aggiungete in tre volte, in maniera alternata, la farina e il composto rosso alla crema di burro.
In una tazzina unire l’aceto e il bicarbonato e lasciare che la miscela frizzi
Incorporate rapidamente all’impasto della torta e lavorare velocemente.

Dividere l’impasto uniformemente tra le 2 tortiere, livellare il più possibile e infornate.
Cuocere in forno preriscaldato per circa 25 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti inserito nel centro della torta ne esca pulito.

Far intiepidire i dolci quindi capovolgerli su una gratella e farli raffreddare completamente. L’ideale sarebbe preparare la base della torta la sera prima o comunque qualche ora prima e poi assemblarla successivamente.

Prepariamo ora la farcia della Velvet Cake

In una terrina lavorare i formaggi insieme allo zucchero a velo fino ad ottenere una crema liscia.
Incorporare quindi la panna, montata precedentemente, e mescolate delicatamente fino a quando la glassa sarà liscia e omogenea.

Assembliamo ora la red velvet Cake:

Con un coltello seghettato, tagliare orizzontalmente ogni torta a metà. Otterrete quindi quattro strati di torta. Posizionare uno dei livelli della torta su un piatto di portata e stendere uno strato di glassa.
Posizionare un altro strato di torta sopra la glassa e continuare ad alternare uno strato di torta e uno di crema.

Una volta posizionato l’ultimo strato della torta, esercitare una leggera pressione affinché la farcia si distribuisca in maniera omogenea.

Ricoprire la superficie e i lati della Red Velvet Cake con la crema e guarnire.
Io ho sbriciolato un po’ di interno della torta e con quella ho decorato i bordi e ho spolverizzato il resto con la farina di cocco. Lasciar riposare la Red velvet cake in frigo per almeno 2 ore prima di tagliarla a fette e servirla

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cheesecake ai mirtilli

Ricetta dolce: Cheesecake ai mirtilli

Ricetta dolce: Cheesecake ai mirtilli. Con l'inverno che avanza le cene a casa tra amici sono un rito che accomuna tutti e niente è meglio di una fetta di dessert per concludere in bellezza una...

contest

Vincitori del contest “Le intolleranze? Le cuciniamo!”

Eccoci arrivati alla Proclamazione vincitori del contest "Le intolleranze? Le cuciniamo!" . Difficile trovare le parole adatte a descrivere le sensazioni che ci ha regalato la giornata di venerdì 19...

pan brioche

Pan Brioche senza latticini e senza uova

La colazione è il pasto più importante della giornata ma se hai un intolleranza alimentare può trasformarsi nel pasto più noioso... abbasso la noia con questo pan brioche che, oltre a essere...

Ravioli al teff con salmone

Ravioli al teff con salmone, olive nere in...

Questi ravioli al teff con salmone, olive nere in salsa di noci sono primo piatto di pasta fresca, non è un piatto fatto con con farine dietoterapeutiche, ma ho cercato di provare a fare un...

Banana Bread al cioccolato

Banana Bread al cioccolato e tutto cambia gusto!

Banana Bread al cioccolato e le pietanze cambiano gusto! Phyllis Bottome diceva “Ci sono due modi di affrontare le difficoltà. Modificare le difficoltà o modificare te stesso in modo da...

Ciambelline al cocco e caffe

Ciambelline al cocco e caffè senza uova e...

Ciambelline al cocco e caffè senza uova e senza latte.Intolleranze, problemi di salute o scelte etiche possono avvicinarci ad una cucina priva di latte e uova; qualunque sia la motivazione, è certo...

02-11-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti