bg header
logo_print

Red Velvet Cake uno dei miei dolci preferito

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Red Velvet Cake
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (5 Recensioni)

Perché ho scelto la Red Velvet Cake?

Red Velvet Cake uno dei miei dolci preferito. Mi ha sempre attirato questa torta morbida, cremosa e soprattutto rossa.

Che dire? Che da quando l’ho provata è diventato il mio dolce preferito. E soprattutto non ha nichel, al quale io sono intollerante. Una dolce scoperta.

Ricetta Red Velvet Cake

Preparazione Red Velvet Cake

Per prima cosa preriscaldate il forno a 180° e imburrate ed infarinate i due stampi.In una terrina mescolate la farina setacciata insieme ad un pizzico di sale e mettere da parte.

In un’altra terrina mescolate il latte insieme allo yogurt e al colorante alimentare. Versate in una più grande mettete i burro tagliato a tocchetti con lo zucchero.Lavorare il burro e lo zucchero fino a renderlo leggero e spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, amalgamando bene l’una prima di aggiungere l’altra.

Infine aggiungere l’estratto di vaniglia e mescolare fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.Aggiungete in tre volte, in maniera alternata, la farina e il composto rosso alla crema di burro.In una tazzina unire l’aceto e il bicarbonato e lasciare che la miscela frizzi.

Incorporate rapidamente all’impasto della torta e lavorare velocemente. Dividere l’impasto uniformemente tra le 2 tortiere, livellare il più possibile e infornate.Cuocere in forno preriscaldato per circa 25 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti inserito nel centro della torta ne esca pulito.

Far intiepidire i dolci quindi capovolgerli su una gratella e farli raffreddare completamente. L’ideale sarebbe preparare la base della torta la sera prima o comunque qualche ora prima e poi assemblarla successivamente.

In una terrina lavorare i formaggi insieme allo zucchero a velo fino ad ottenere una crema liscia.Incorporare quindi la panna, montata precedentemente, e mescolate delicatamente fino a quando la glassa sarà liscia e omogenea.

Con un coltello seghettato, tagliare orizzontalmente ogni torta a metà. Otterrete quindi quattro strati di torta. Posizionare uno dei livelli della torta su un piatto di portata e stendere uno strato di glassa.Posizionare un altro strato di torta sopra la glassa e continuare ad alternare uno strato di torta e uno di crema.

Una volta posizionato l’ultimo strato della torta, esercitare una leggera pressione affinché la farcia si distribuisca in maniera omogenea.Ricoprire la superficie e i lati della Red Velvet Cake con la crema e guarnire.
Io ho sbriciolato un po’ di interno della torta e con quella ho decorato i bordi e ho spolverizzato il resto con la farina di cocco. Lasciar riposare la Red velvet cake in frigo per almeno 2 ore prima di tagliarla a fette e servirla

Ingredienti Red Velvet Cake

  • per 2 stampi da 22 cm
  • 250 gr. di farina “00”
  • 1/2 cucchiaino sale
  • 120 gr. di yogurt bianco
  • 125 ml. di latte
  • 1 cucchiaio colorante alimentare rosso in gel
  • 110 gr. di burro
  • 300 gr. di zucchero
  • 1 cucchiaino essenza di vaniglia + 1 cucchiaino bicarbonato
  • 2 uova + 2 cucchiaini aceto
  • Per la farcia e copertura
  • 225 gr. di formaggio fresco spalmabile
  • 230 gr. di mascarpone
  • 115 gr. di zucchero a velo
  • 350 ml. di panna da montare
  • 30 gr. di farina di cocco.

Red Velvet Cake, un’ottima torta dall’aspetto vivace

Oggi vi presento la Red Velvet Cake, una torta di origine anglosassone. Per la precisione, la versione pensata da Paola Falcier, che partecipa proprio con questa ricetta al contest “Le intolleranze? Le cuciniamo”.

Ho organizzato questo contest per dimostrare che le intolleranze alimentari possono essere gestite, e il miglior modo per farlo è a tavola, esplorando nuove preparazioni e ingredienti diversi dal solito. E’ un contest vero e proprio, con vincitori e premi, sicché auguro a Paola e alle altre partecipanti di fare del loro meglio.

Tornando alla ricetta, questa Red Velvet Cake ha ovviamente molto in comune con l’originale. Per esempio, alterna un impasto dai toni vivaci, tendenti al rosso, con il bianco della farcitura. In origine il colore rosso era frutto dell’interazione tra il cacao in polvere e un latticino, mentre attualmente si utilizza del semplice colorante alimentare.

La Red Velvet Cake di Paola spicca però per una guarnizione più complessa, sempre a base di derivati del latte, ma capace di offrire un sapore decisamente spiccato e vario.

Qualche alternativa per i celiaci

Di base, la Red Velvet Cake ideata da Paola andrebbe realizzata con la farina doppio zero, che è ricca di glutine e dunque off limits per i celiaci. E’ possibile pensare a qualche alternativa gluten-free? Ovviamente sì. Potete fare riferimento alla farina di riso e alla farina di mais, che insieme formano un ottimo surrogato della farina comune.

Tra l’altro, sono anche mediamente più leggere e rimineralizzanti. La farina di riso spicca per la quasi totale assenza di grassi, nonché per una buona quantità di amido, molto utile per preparare gli impasti.

Se invece puntate a sentori più rustici, che in qualche modo contrastino con la morbidezza della farcitura, potete utilizzare la farina di grano saraceno, piuttosto che la farina di fonio o la farina di teff. Quest’ultima, va detto, propone anche un sentore di nocciola che può tornare utile per rendere più complessa e varia la Red Velvet Cake.

Infine, se desiderate sentori esotici, affidatevi alle farine di quinoa e di amaranto. Per inciso, queste due farine appartengono a una famiglia vicina a quella dei legumi.

Una farcitura complessa ma gradevole

La farcitura della Red Velvet Cake di Paola Falcier è realizzata non solo con il formaggio spalmabile, come accade per la ricetta originale, ma anche con il mascarpone e con la panna montata. Il formaggio spalmabile conferisce il suo tipico sentore acidulo, mentre il mascarpone aggiunge morbidezza e una nota che ricorda gli agrumi. La panna, infine, rende la texture più soffice.

Il procedimento per la farcitura è molto semplice. Basta mescolare il formaggio con il mascarpone e lo zucchero, per poi incorporare la panna montata con estrema gradualità.

Se soffrite di intolleranza al lattosio abbiate cura di scegliere uno spalmabile e un tipo di  panna delattosata. Il processo di delattosamento è naturale in quanto consiste nell’integrazione dell’enzima lattasi, che scinde il lattosio in due zuccheri semplici e facilmente digeribili. Il sapore non dovrebbe subire modifiche, sebbene di tanto in tanto possano comparire delle note leggermente più dolci.

Come comporre la Red Velvet Cake?

La ricetta di questa Red Velvet Cake non è complessa, ma solo un po’ laboriosa. Il riferimento è in particolare all’impasto, che è frutto di tre composti differenti: uno a base di uova, burro e zucchero; un altro a base di farina e sale; un altro ancora a base di latte e colorante alimentare.

I tre composti vengono mescolati e arricchiti con l’aceto e con il bicarbonato. In questo modo si ricava un impasto morbido e fluido, da cuocere al forno preriscaldato per 25 minuti circa. Per verificare la cottura vi consiglio di procedere con la prova dello stecchino: infilzatelo nell’impasto, se risulta asciutto allora la cottura è al punto giusto.

Per quanto concerne la composizione vera e propria, non dovrete fare altro che tagliare l’impasto per lungo in modo da ricavare più strati. Poi si farcisce con la crema ai formaggi, infine si guarnisce con la medesima crema e con un po’ di farina di cocco. Prima di essere consumata, la Red Velvet Cake va raffreddata in frigo per almeno due ore.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Paola Falcier

Red Valvet Cake

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...