Ravioli all’uva zibibbo per i miei ospiti

ravioli allo zibibbo
Stampa

Ravioli all’uva zibibbo per i miei ospiti. Pantelleria è nel cuore di ogni siciliano, è aspra e calorosa, selvaggia e sensuale, è ‘nica’ e piena di sorprese… come questi dolcetti, che ho inventato in un momento di lieve nostalgia.

L’esterno è croccante e sottile come le foglie dell’alberello che custodisce un frutto prezioso, lo zibibbo, come preziose sono le perle di rugiada che la sua terra ruba alla notte, per regalarci questi deliziosi scrigni di piacere.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di La Cucina di Bimba Pimba

Ed ecco la ricetta dei Ravioli all’uva zibibbo

Ingredienti per 50 raviolini

per la confettura di uva zibibbo

  • 800 gr. uva zibibbo matura e privata dei semini
  • 200 gr. mele cotogne private del torsolo e tagliate a pezzi
  • 200 gr. zucchero di canna
  • 1 limone solo il succo

per la pasta brisé all’olio d’oliva

  • 250 gr. mix di farine senza glutine e senza lattosio
  • 50 gr. acqua minerale
  • 50 gr. olio d’oliva extra vergine
  • 2 uova
  • 3 gr. zucchero
  • 3/4 cucchiai vino bianco secco e ghiacciato
  • 1 pizzico sale
  • q.b. zucchero a velo senza glutine
  • 1 cucchiaio latte di riso

Procedimento

confettura

Lavate, tagliate a metà e private del torsolo le mele cotogne. Tagliatele a pezzi e versatele in un tegame sufficientemente ampio, cuocendole a fuoco lento sino a completa cottura. Frullatele e riponetele nel tegame.
Sgranate, lavate, asciugate e tagliate a metà ogni singolo chicco d’uva. Versatelo sopra le mele cotte, aggiungete lo zucchero, il succo del limone e riaccendete il fuoco, mantenendolo molto basso.
Cuocete sino al raggiungimento della corretta densità (vale la prova del piattino).
Versatela quindi nei barattoli sterilizzati, tappateli e capovolgeteli, per far uscire l’ossigeno. Quando raffreddano, rigirateli e conservateli in ambiente fresco, asciutto e buio.

pasta brisé all’olio extravergine

Miscelate le farine, il sale e lo zucchero e ponetele dentro la planetaria. Azionate il braccio impastatore alla minima velocità e aggiungete l’acqua, un uovo sbattuto, l’olio e il vino bianco, ghiacciato, il tutto un po’ alla volta. Se doveste accorgervi che l’impasto è già pronto (morbidissimo, lavorabile e non appiccicoso) non aggiungete l’ultimo cucchiaio di vino.
Prelevatelo e lavoratelo qualche secondo con le mani, per formare una palla. Avvolgetela con carta trasparente e fatela riposare mezz’oretta, in frigorifero. Adesso è pronta per essere utilizzata.

preparazione dei ravioli

Stendete la brisè su di un piano infarinato (farina di mais o riso) sino ad ottenere un foglio sottilissimo (è molto elastica e non si rompe, osate pure!), ricavatene dei dischetti molto piccoli (io ho usato una formina per biscotti col bordo ondulato, del diametro di circa 5 cm). Spennellate i bordi con l’uovo sbattuto, sistemate al centro la puntina di un cucchiaio di confettura e ripiegate.

Schiacciate bene i bordi per sigillare il ripieno. Spennellate con uovo sbattuto e latte di riso e infornate su carta da forno, a 180° ventilato pre riscaldato, per 12 minuti, più se necessario uno o due minuti di grill.

Fate raffreddare e poi spolverate con zucchero a velo.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-11-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela! Mi sono spesso sentita “Don Chisciotte”.

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Cheesecake ai mirtilli

Ricetta dolce: Cheesecake ai mirtilli

Ricetta dolce: Cheesecake ai mirtilli. Con l'inverno che avanza le cene a casa tra amici sono un rito che accomuna tutti e niente è meglio di una fetta di dessert per concludere in bellezza una...

contest

Vincitori del contest “Le intolleranze? Le cuciniamo!”

Eccoci arrivati alla Proclamazione vincitori del contest "Le intolleranze? Le cuciniamo!" . Difficile trovare le parole adatte a descrivere le sensazioni che ci ha regalato la giornata di venerdì 19...

pan brioche

Pan Brioche senza latticini e senza uova

La colazione è il pasto più importante della giornata ma se hai un intolleranza alimentare può trasformarsi nel pasto più noioso... abbasso la noia con questo pan brioche che, oltre a essere...

Ravioli al teff con salmone

Ravioli al teff con salmone, olive nere in...

Questi ravioli al teff con salmone, olive nere in salsa di noci sono primo piatto di pasta fresca, non è un piatto fatto con con farine dietoterapeutiche, ma ho cercato di provare a fare un...

Banana Bread al cioccolato

Banana Bread al cioccolato e tutto cambia gusto!

Banana Bread al cioccolato e le pietanze cambiano gusto! Phyllis Bottome diceva “Ci sono due modi di affrontare le difficoltà. Modificare le difficoltà o modificare te stesso in modo da...

Ciambelline al cocco e caffe

Ciambelline al cocco e caffè senza uova e...

Ciambelline al cocco e caffè senza uova e senza latte.Intolleranze, problemi di salute o scelte etiche possono avvicinarci ad una cucina priva di latte e uova; qualunque sia la motivazione, è certo...

0 commenti su “Ravioli all’uva zibibbo per i miei ospiti

  • Mer 4 Nov 2015 | Mariaelena ha detto:

    Ottima ricetta da provare deve essere buonissima

    • Mar 10 Nov 2015 | rosa maria zito ha detto:

      Grazie Mariaelena! Puoi anche farcirli con altre confetture o con crema alla nocciola!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti