Ravioli all’uva zibibbo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 25 voti, media: 4,84 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    50 raviolini
  • Tempo di Preparazione
    1 Ora 30 Minuti
ravioli allo zibibbo

Pasticcini da liquore, il Moscato per eccellenza. Cuore tenero, dolce, profumato di piccole isole bruciate dal sole e scosse dal vento, come Pantelleria…

Pantelleria è nel cuore di ogni siciliano, è aspra e calorosa, selvaggia e sensuale, è ‘nica’ e piena di sorprese… come questi dolcetti, che ho inventato in un momento di lieve nostalgia.

L’esterno è croccante e sottile come le foglie dell’alberello che custodisce un frutto prezioso, lo zibibbo, come preziose sono le perle di rugiada che la sua terra ruba alla notte, per regalarci questi deliziosi scrigni di piacere.

Ingredienti per 50 raviolini

ingredienti per la confettura di uva zibibbo

  • 800 gr. uva zibibbo matura e privata dei semini
  • 200 gr. mele cotogne private del torsolo e tagliate a pezzi
  • 200 gr. zucchero di canna
  • 1 limone solo il succo

ingredienti per la pasta brisé all'olio d'oliva

  • 250 gr. mix di farine senza glutine e senza lattosio
  • 50 gr. acqua minerale
  • 50 gr. olio d'oliva extra vergine
  • 2 uova
  • 3 gr. zucchero
  • 3/4 cucchiai vino bianco secco e ghiacciato
  • 1 pizzico sale
  • q.b. zucchero a velo senza glutine
  • 1 cucchiaio latte di riso

Procedimento

preparazione confettura

  1. Lavate, tagliate a metà e private del torsolo le mele cotogne. Tagliatele a pezzi e versatele in un tegame sufficientemente ampio, cuocendole a fuoco lento sino a completa cottura. Frullatele e riponetele nel tegame.
    Sgranate, lavate, asciugate e tagliate a metà ogni singolo chicco d’uva. Versatelo sopra le mele cotte, aggiungete lo zucchero, il succo del limone e riaccendete il fuoco, mantenendolo molto basso.
    Cuocete sino al raggiungimento della corretta densità (vale la prova del piattino).
    Versatela quindi nei barattoli sterilizzati, tappateli e capovolgeteli, per far uscire l’ossigeno. Quando raffreddano, rigirateli e conservateli in ambiente fresco, asciutto e buio.

preparazione della pasta brisé all'olio evo

  1. Miscelate le farine, il sale e lo zucchero e ponetele dentro la planetaria. Azionate il braccio impastatore alla minima velocità e aggiungete l'acqua, un uovo sbattuto, l'olio e il vino bianco, ghiacciato, il tutto un po' alla volta. Se doveste accorgervi che l'impasto è già pronto (morbidissimo, lavorabile e non appiccicoso) non aggiungete l'ultimo cucchiaio di vino.
    Prelevatelo e lavoratelo qualche secondo con le mani, per formare una palla. Avvolgetela con carta trasparente e fatela riposare mezz'oretta, in frigorifero. Adesso è pronta per essere utilizzata.

preparazione dei ravioli

  1. ravioli allo zibibbo width= Stendete la brisè su di un piano infarinato (farina di mais o riso) sino ad ottenere un foglio sottilissimo (è molto elastica e non si rompe, osate pure!), ricavatene dei dischetti molto piccoli (io ho usato una formina per biscotti col bordo ondulato, del diametro di circa 5 cm). Spennellate i bordi con l’uovo sbattuto, sistemate al centro la puntina di un cucchiaio di confettura e ripiegate.
  2. ravioli allo zibibbo width= Schiacciate bene i bordi per sigillare il ripieno. Spennellate con uovo sbattuto e latte di riso e infornate su carta da forno, a 180° ventilato pre riscaldato, per 12 minuti, più se necessario uno o due minuti di grill.
  3. ravioli alo zibibbo width= Fate raffreddare e poi spolverate con zucchero a velo.

Condividi!

2 commenti a “Ravioli all’uva zibibbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *