Plumcake di banane : dolce ideale per la colazione

Plumcake di banane
Commenti: 0 - Stampa

Partiamo dall’origine per arrivare al plumcake di banane.Forse non lo sapete, ma il plumcake è semplicemente il modo in cui noi chiamiamo i dolci dalla forma rettangolare. Al momento, non è un dolce specifico. Infatti, la parola inglese “plum” significa “prugna”, mentre “cake”, come ben sapete, vuol dire torta. Perciò, a meno che non desideriate preparare una torta rettangolare alla prugna, il nome ci porta proprio fuori strada!

Tuttavia, si tratta comunque di un dolce che preparano gli inglesi, molto simile ai nostri, a base di farina, zucchero, uova e burro, con frutta candita o secca, oppure con qualche spezia o liquore. Si chiama plumcake perché, tanto tempo fa, lo preparavano appunto con le prugne secche. Attualmente, è difficile che venga usato questo ingrediente, ma il nome è rimasto sempre lo stesso e tendiamo ad usarlo per tutte quelle torte alte, strette e rettangolari.

Tanti ingredienti genuini e semplici, e tanto nutrimento

Come vi ho già accennato, si tratta di un dolce decisamente semplice, sia per quanto riguarda la preparazione che per la sua composizione. Gli ingredienti di base ci regalano carboidrati, proteine e nutrienti in quantità, energia e calorie. Pertanto, il plumcake è un dolce molto adatto alla colazione. Lo possiamo accompagnare al tè come fanno gli inglesi, ma anche alla cioccolata calda, al latte e alle bevande vegetali come ad esempio quella alla soia.

Possiamo prepararlo con ingredienti adatti agli intolleranti, come ad esempio le farine senza glutine, come quella di chufa e quella di nocciole, e con latticini a basso contenuto di lattosio (come il burro chiarificato) o con i sostituti vegetali. In generale, possiamo mettere l’impasto di qualunque tipologia di torta nella teglia per plumcake e possiamo dargli un tocco di originalità e gusto aggiungendo la frutta secca, pezzetti di cioccolato e/o cacao in polvere.

Le ricette per la preparazione di golosi plumcake

Adesso che avete un’idea generale di come preparare questo dolce e personalizzarlo, è il momento di darvi qualche direttiva più concreta. Pronti per qualche ricetta per la preparazione del plumcake? Vi suggerisco di provare quello alle banane e quello alla ricotta e grano saraceno. Quando possiamo assaporarli? Nel Regno Unito portano in tavola questo dolce alla famosa ora del tè e anche noi ci facciamo la merenda e la colazione… ma nessuno ci vieta di proporlo come un dolce dessert del dopo cena!

Inoltre, per rendere la colazione e la merenda più sfiziosa, è possibile preparare un pane briosciato, usando la ricetta del pan brioche senza latticini e senza uova e quella del pan brioche alla polvere di limone senza glutine. Infine, vorrei chiedervi una cosa: sapete che il plumcake può essere anche salato? Ci sono tantissime ricette da seguire e una che vi consiglio di non perdere è decisamente quella con le zucchine… Potrebbe rivelarsi un ottimo antipasto, capace di conquistare anche i bambini!

Plumcake di banane

Plumcake di banane: il dolcetto tutto salute ideale per la colazione. Alzarsi al mattino, ammettiamolo, non è impresa facile. Per fortuna la nostra dieta ci viene in soccorso con una piccola consolazione: la colazione mattutina. Emblema della ripresa immediata ed efficace, ideale anche per la merenda!

Ma non sempre quello che ci piace ci fa anche bene: allora quello che risulta imprescindibile è optare per qualcosa che sia appagante al gusto si, ma anche genuino e salubre. Allo scopo, cosa c’è di meglio che un buon plumcake fatto in casa, con ingredienti genuini e, possibilmente, con l’aggiunta di frutta?

Tra tutti i frutti sicuramente uno dei più indicati per la preparazione di dolci golosi è la banana, il frutto più consumato al mondo, il più amato da bambini ed anziani.

Banana: energia e vitalità per i momenti più difficili

Secondo alcuni recenti studi, la banana risulterebbe il frutto da privilegiare in tutti i momenti in cui il nostro corpo e la nostra mente è sottoposta a stress. Il merito è da conferire alla sostanza in essa contenuta, iltriptofano, che l’organismo è in grado, in maniera del tutto naturale e spontanea, di trasformare in serotonina. Il risultato è un sensibile miglioramento dell’umore e dell’intero equilibrio nervoso.

Tale innata, apprezzabilissima capacità è da ricondurre altresì alla buona quantità di vitamine del gruppo B, presenti appunto nella banana, conosciute per il loro effetto calmante sull’intero nostro organismo.

Una sola banana al giorno sarebbe in grado di garantire un prezioso e valido aiuto per tutti coloro che sono sottoposti ad un eccessivo carico di stress o che si vedano interessati da un sovraccarico di lavoro.

Plumcake di banane : una golosità perfetta indicata per tutti

Il plumcake non è solo gradevole al gusto e all’aspetto: se preparato con ingredienti giusti, può ritenersi adatto a fare la sua bella presenza sulle tavole proprio di tutti, anche dei soggetti celiaci.

Quello in questa sede presentato non è un comune dolcetto, trattandosi piuttosto di un dolce prelibato preparato con ingredienti genuini ed adatti anche per i soggetti intolleranti o allergici al glutine.

sostituiscono in maniera eccellente la comune farina di grano ed anzi, sono in grado di conferire una leggerezza ed una morbidezza davvero unica ai dolci nella cui preparazione vengono utilizzate. Fonte naturale di vitamine del gruppo B e di vitamina E, la farina di riso risulta particolarmente indicata non solo per i soggetti celiaci, ma anche per tutti coloro che hanno necessità di disintossicare il proprio organismo.

Analoghe proprietà sono reperibili nella farina di grano saraceno, una delle più nobili che si possano gustare, autentico toccasana per coloro che hanno carenze di magnesio, uno dei sali minerali più preziosi che la nostra alimentazione conosca. Essa si rivela altresì salvifica per tutti coloro che soffrono di glicemia, una delle malattie oggi più largamente diffuse.

Tale proprietà curativa trova la sua ragion d’essere nell’indice glicemico del grano saraceno, in grado di abbassare gli zuccheri nel sangue.

Ecco di seguito ingredienti e preparazione di questo dolcetto così morbido e delicato.

Ed ecco la ricetta del Plumcake di banane

Ingredienti per 4/6 persone

  • 150 gr farina di riso
  • 155 gr farina di grano saraceno
  • 80 gr zucchero di cocco
  • 2 uova
  • 100 gr burro chiarificato
  • 2 cucchiaini bicarbonato
  • 3 banane
  • q.b. buccia grattugiata di 1 mandarino, 1 limone e 1/2 arancio
  • q.b. sale fino

Preparazione

Preriscaldate il forno a 170°. Sbucciate le banane e tagliatele a fette. Fate ammorbidire il burro a pezzetti. Setacciate le farine.
In una terrina unite il burro e lo zucchero, sbattete con uno sbattitore elettrico sin quando non si sia creata una schiuma morbida, aggiungetevi uova, fettine di banane e bucce grattugiate. Per ultimo aggiungete le farine, il bicarbonato e il sale.
Imburrate ed infarinate uno stampo e rovesciatevi il composto. Infornate per circa 25 minuti e fate la prova dello stuzzicadenti per vedere se è pronto.

5/5 (423 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barrette con frutta secca e miele

Barrette con frutta secca e miele, ottime a...

Barrette con frutta secca e miele, un break leggero e nutriente Le barrette con frutta secca e miele sono una splendida idea per la colazione o per un break gustoso. Un’idea che coniuga gusto,...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Skyr con ananas e ribes

Skyr con ananas e ribes, una colazione nutriente

Skyr con ananas e ribes, una colazione diversa dal solito Lo Skyr con ananas e ribes è un’idea spettacolare per una colazione diversa dal solito, che presenta tutte le caratteristiche del...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-11-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti