bg header
logo_print

Christmas pudding, un dolce che accontenta tutti!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Christmas pudding
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
5/5 (4 Recensioni)

Christmas pudding, un dessert che fa atmosfera

Il Christmas pudding è un dessert pensato per il Natale. Con il suo colore acceso, che fa la spola tra il bianco e rosso, contribuisce a impostare una gradevole atmosfera. Il dessert può essere offerto come fine pasto elegante, oppure come una sorta di aperitivo dolce, magari per accogliere amici e parenti. La ricetta è particolare, in quanto fa uso di ingredienti poco utilizzati dalla cucina italiana, o combinati in modo sorprendente. Il riferimento è soprattutto alle perle di tapioca e all’anice stellato.

Al netto di tutto ciò, preparare il Christmas pudding non è molto difficile. Si tratta infatti di “cuocere” le perle in una soluzione di acqua, latte di cocco e zucchero, fino a quando non diventano trasparenti e quindi edibili. Dopodiché si versa questa soluzione in un composto realizzato con succo di arance e pompelmo, debitamente cotti insieme al miele, allo zucchero e all’anice stellato. Questa seconda soluzione deve essere gestita come un infuso, in quanto va arricchita con le fettine di arancia, da immergere per un certo periodo di tempo. Specifico che la ricetta non è mia, ma è stata pensata da Giovanna Hoang per il contest sulle intolleranze alimentari. Una gara interessante e un’occasione per condividere le proprie creazioni.

Ricetta Christmas Pudding

Preparazione Christmas Pudding

Portate a bollore l’acqua in un pentolino. Versate le perle di tapioca, abbassate la fiamma e cuocetele per 10 minuti mescolando di tanto in tanto. Poi, aggiungete lo zucchero e il latte di cocco. Mescolate e continuate la cottura per altri 7-10 minuti fino a quando le perle di tapioca non saranno diventate completamente trasparenti.

Spremete il pompelmo e tenete da parte il succo.Pelate a vivo le arance con un coltello ben affilato.
Tagliate le estremità dell’arancia, poi seguendo la naturale forma del frutto eliminate tutta la buccia tagliando via anche la parte bianca. Fate delle incisioni a “V” tra una membrana e l’altra per ricavare delle fettine di arancia pulite e senza pellicina.

Spremete il succo di quel che rimane del frutto e unitelo al succo di pompelmo.

Versate in un pentolino il succo di pompelmo e quello delle arance recuperato durante la lavorazione. Aggiungete lo zucchero, il miele, l’anice stellato e fate sobbollire fino a quando il liquido non si sarà ridotto della metà. Togliete il pentolino dal fuoco, aggiungete le fettine di arancia e lasciatele in infusione per 15 minuti.

Distribuite le fettine di arancia sul fondo dei bicchieri con un po’ di sciroppo, poi ricopriteli con un abbondante strato di perle di tapioca e latte di cocco.

Servite il dessert tiepido o freddo a piacimento.

  • 400 gr latte di cocco
  • 400 gr acqua
  • 80 gr perle di tapioca
  • 100 gr zucchero

Per le arance in sciroppo

  • 4 pezzi arance
  • 1 pezzo pompelmo rosa
  • 1 pezzo anice stellato (un fiore intero)
  • 100 gr zucchero
  • 1 cucchiaio miele di acacia

Le perle di tapioca in cucina

L’ingrediente più suggestivo del Christmas pudding è senz’altro la tapioca, qui presente sotto forma di perle. Le perle di tapioca presentano un sapore neutro, ma che ricorda vagamente la farina. La loro funzione riguarda soprattutto la texture, visto che fungono da addensante oltre a sorprendere con la loro grana, morbida e consistente allo stesso tempo. Le perle di tapioca vengono cotte in un’abbondante soluzione, garantendo a quest’ultima una certa compattezza. Tale soluzione fungerà poi da strato superiore del dessert. A tal proposito vi consiglio di utilizzare un bicchiere trasparente, che rivelerà una gradevole alternanza di tonalità rosse e bianche.

Nonostante il sapore neutro, le perle di tapioca vantano un peculiare profilo nutrizionale. L’apporto calorico è consistente, pari a 350 kcal per 100 grammi, ma in genere si utilizzano dosi davvero minime. In questo caso bastano 80 grammi ogni 4 etti di latte di cocco e 4 etti di acqua. Le perle di tapioca, poi, contengono sostanze che favoriscono la digestione, in particolare degli zuccheri complessi, come quelli presenti nel latte. Inoltre rafforzano le difese immunitarie e agiscono come blando antinfiammatorio.

Arancia e pompelmo, un’accoppiata vincente

Le arance e il pompelmo giocano un ruolo di primo piano nella ricetta del Christmas pudding, un dolce natalizio con i fiocchi. Sono questi ingredienti a conferire al dessert una tonalità tendente al rosso, che si abbina al meglio con il bianco della soluzione al cocco ed esprime un azzeccato richiamo alla simbologia del Natale. Nello specifico il succo di arancia e il succo di pompelmo vengono uniti al miele di acacia e allo zucchero. Infine questo composto viene trasformato in infuso con l’aggiunta di fettine di arancia. Mi raccomando, queste ultime devono essere completamente pulite, ovvero prive di semi e dell’albedo (la parte bianca dell’arancia).

Anche così trattati, l’arancia e il pompelmo esprimono al cento per cento le proprie potenzialità in termini nutrizionali. Sono ricchi di vitamina C, come tutti gli agrumi del resto. La vitamina C non si limita a rafforza il sistema immunitario, ma favorisce anche l’assorbimento del ferro. Arance e pompelmo contengono anche tanto potassio, che regolarizza la pressione del sangue. Infine, abbondano di acido citrico, che fa bene all’apparato digerente e non solo.

Il ruolo del latte di cocco nel christmas pudding

Anche il latte di cocco gioca un ruolo importante per questa ricetta. Di base forma il primo strato del dessert, che viene arricchito con le perle di tapioca e con lo zucchero. Il latte di cocco è di per sé dolce, ma ha anche lo scopo di creare un dessert molto corposo in termini di sapore. Cosa dire sul latte di cocco? Tanto per cominciare che è un buon sostituto del latte classico per chi è intollerante al lattosio, quindi può essere consumato senza alcun problema.

Il profilo nutrizionale del latte di cocco è comunque diverso rispetto agli altri tipi di latte, in quanto apporta le stesse sostanze nutritive che troviamo nella polpa del frutto. Proprio per questo è ricco di vitamina C e potassio, ma anche di grassi benefici per il cuore e per la circolazione. Purtroppo è anche molto calorico, poiché apporta ben 200 kcal per 100 grammi.

Come dolcificare il christmas pudding?

Il Christmas pudding viene dolcificato per mezzo di tanti ingredienti. Di base troviamo il latte di cocco, che è naturalmente dolce, a cui va associato anche lo zucchero. A tal proposito vi consiglio di utilizzare lo zucchero bianco semolato, in quanto si amalgama meglio e non interferisce sul sapore, a differenza dello zucchero bruno o grezzo.

In questo senso anche il miele fa la sua parte in quanto dolcifica e agisce sull’aspetto, ovvero dona un leggero colore rossiccio che fa da base al dessert. Anche in questo caso fate attenzione a quale tipo di miele scegliere. Il miele da utilizzare in questa ricetta dovrebbe essere leggero e capace di aromatizzare, ma senza coprire gli altri ingredienti. Per questo motivo il classico Millefiori potrebbe non essere così indicato. Vi consiglio, invece, di usare il miele di acacia, che è molto leggero, dolcifica e insaporisce senza esagerare.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Giovanna Hoang

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...