Mini crumble di rabarbaro : la merenda perfetta

Mini crumble di rabarbaro

Cos’è il Mini crumble di rabarbaro

Come suggerisce il nome, il Mini crumble di rabarbaro è una versione più piccola del crumble. Quest’ultimo è un dolce di origine anglosassone, molto particolare, almeno per le abitudine italiane. Quello che nella cucina italiana fungerebbe da ripieno, infatti, qui viene utilizzato come base. Il crumble è essenzialmente frutta cotta con “briciole” di impasto poste al di sopra. Può sembrare una preparazione bizzarra, ma funziona ed è anzi molto buona.

Il Mini crumble di rabarbaro che ti propongo oggi, però, differisce dal crumble classico, e non solo per le dimensioni. Sia la base di frutta che il composto sbriciolato sono valorizzati dalla presenza di altri ingredienti, come il rabarbaro e le mandorle. Il risultato ti stupirà!

Un dolce per tutti

Uno dei pregi di questo mini crumble, assente nella ricetta originale, è la versatilità. Può essere infatti consumato da chiunque, anche da chi soffre di celiachia. E’ infatti assente la farina di grano tenero, che contiene glutine, in favore della farina di grano saraceno, che invece ne è del tutto priva.

Una scelta, questa, che va oltre la volontà di rendere questo dolce accessibile ai celiaci. La farina di grano saraceno, infatti, è molto gustosa, e anzi richiama al palato uno squisito sentore di cereale. Certamente, va a nozze con gli altri ingredienti della ricetta!

Mini crumble di rabarbaro

Il cocco rapè

Nell’immaginario collettivo, anche di chi è abituato a questo genere di ingredienti, il cocco rapè non è altro che farina di cocco. In realtà, non sono affatto la stessa cosa. La farina di cocco è infatti molto fine mentre il cocco rapè è decisamente più grossolano. In una preparazione come il mini crumble, che vede come pratagoniste le “briciole”, è una caratteristica preziosa.

Ad ogni modo, il cocco rapè condivide con la farina di cocco le proprietà nutrizionali. Proprietà benefiche, valorizzate da un gusto squisito e in grado di esaltare dolci anche piuttosto complessi come il crumble e il mini crumble.

Ecco la ricetta del Mini crumble di rabarbaro

Ingredienti:

  • 400 gr. di mele mature
  • 200 gr. di rabarbaro
  • 1 cucchiaio di zucchero di cocco
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 30 gr. di zucchero di cocco
  • 30 gr. di farina di mandorle
  • 30 gr. di cocco rapè
  • 20 gr. di farina di riso integrale
  • 20 gr. di farina di grano saraceno
  • 1/2 cucchiaino di spezie miste
  • 5 cucchiaini di olio di cocco in pasta
  • 2 cucchiai di filetti di mandorle

Preparazione:

Mondate le mele, rimuovete i semi e tagliatele a pezzetti molto piccoli. Ponete la mela in una casseruola insieme allo zucchero, al rabarbaro e al succo di limone.

Cuocete a fiamma media e mescolate spesso per almeno due minuti, o almeno fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto. Dopodiché abbassate la fiamma e cuocete mescolando di tanto in tanto per circa 10 minuti, o fino a quando la mela non si sarà ben ammorbidita.

Nel frattempo ponete in una terrina lo zucchero di cocco, il cocco rapè, le spezie e le farine. Versate l’olio di cocco e iniziate a manipolare gli ingredienti fino a quando non avrete ricavato una specie di composto “sbriciolato”, dalla grana simile alla mollica grossolana.

A questo punto aggiungete le mandorle e mescolate. Ponete il composto di mele su degli stampi di circa 8/10 cm di diametro e cospargetelo con l’altro composto. Ponete il tutto in un forno preriscaldato e fate cuocere a 180 gradi per 20-25 minuti. Fate raffreddare

Print Friendly, PDF & Email

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


22-05-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI