Un bicchierino di liquore alla liquirizia

liquore alla liquirizia
Commenti: 1 - Stampa

Un bicchierino di liquore alla liquirizia. Se state cercando una bevanda speciale, il liquore alla liquirizia è la scelta ideale. Dopo cena o dopo pranzo, per allietare e riscaldare i pranzi in famiglia e le occasioni speciali, il liquore alla liquirizia si rivela un drink da non sottovalutare.

Delizioso e curativo allo stesso tempo, è un toccasana per l’organismo da una parte e una soddisfazione per il palato dall’altra. Naturalmente, dobbiamo berlo in quantità moderata, ma se optiamo per la porzione giusta, questa bevanda sostituisce i classici digestivi con classe e stupisce ogni nostro ospite.

Possiamo preparare questo liquore in casa e completare ogni pasto, offrirlo in qualunque periodo dell’anno e portarlo in tavola per le feste. In ogni caso, sarà un successo e potrà portare benefici all’apparato respiratorio e non solo. Chi ama la liquirizia, non potrà fare a meno di apprezzare ogni sorso di questo liquore. Con questo presupposto, andiamo a scoprire nel dettaglio le caratteristiche di questo drink, la lista degli ingredienti e le modalità di preparazione.

Liquore alla liquirizia: ecco la radice che dona sostanza e sapore a questa ricetta

Per saperne di più, dobbiamo tornare indietro di decine di secoli: la liquirizia è una radice speciale, da sempre usata a scopo curativo dai medici dell’antica Cina. Parlò di questo vegetale anche Ippocrate e disse subito che la liquirizia era in grado di curare la tosse. Da millenni si parla delle sue caratteristiche, delle sue proprietà e del suo gusto unico, e si ritiene che venisse utilizzata anche dagli antichi romani, dagli egiziani e dagli indiani.

Pertanto, questa radice ha decisamente una buona reputazione e tanti aneddoti tutti da scoprire. Tutto questo significa che, preparando il liquore alla liquirizia, possiamo portare in tavola un pezzo di storia, tanto gusto e tante proprietà terapeutiche interessanti. Infatti, con il tempo, è stata confermata la sua capacità di alleviare la tosse, nonché le sue ottime azioni antitumorali, protettive, antinfiammatorie, antibatteriche, espettoranti, antispasmodiche e antidepressive.

Questa radice è una valida alleata dell’apparato respiratorio, cardiocircolatorio, digestivo, della pelle, dei capelli e dei denti. Quindi, è ovvio che non combatte solo la tosse, ma è l’ideale per il raffreddore e l’influenza, può apportare benefici alle ulcere che colpiscono lo stomaco, può alleviare i crampi premestruali e abbassare i livelli di colesterolo cattivo. Insomma, si tratta di un ingrediente perfetto per un liquore: un toccasana per l’organismo che si presenta con un sapore inconfondibile!

liquore alla liquirizia

Semplicità e leggerezza

Leggendo le caratteristiche dell’ingrediente principale, certamente vi sarete fatti una buona opinione di questo liquore. Tuttavia, preparandolo a casa con le vostre mani, è ovvio che potrete avvalervi di un drink di qualità, più semplice e più leggero di quelli che potreste trovare in molti supermercati. Infatti, la ricetta che vi proponiamo comprende tanta semplicità e pochi alimenti che rendono questa bevanda davvero perfetta per ogni occasione.

Utile per digerire e per finire ogni pasto in bellezza, il liquore di liquirizia può essere preparato con lo zucchero di canna, l’acqua, l’alcol e, ovviamente, la polvere di questa famosa radice essiccata. Portarlo in tavola non sarà difficile e potrete gustarlo con estrema soddisfazione!

La liquirizia è fra i contenuti ad alto contenuto di nichel

Ed ecco la ricetta del liquore alla liquirizia

Ingredienti

  • 100 g di polvere di liquirizia;
  • 500 g di zucchero di canna;
  • 500 g di acqua;
  • ½ litro di alcool a 95°.

Preparazione

Versate lo zucchero di canna in un tegame insieme all’acqua e portate ad ebollizione a fiamma moderata, fino a che lo zucchero si sarà completamente sciolto. Abbassate il fuoco al minimo e aggiungete la polvere di liquirizia, mescolando con una frusta fino a completo scioglimento (ci vorranno pochi minuti). Eliminate gli eventuali grumi, possibilmente frullando il composto.

Filtrate il preparato in una ciotola e lasciatelo raffreddare completamente. Dopodiché, unite l’alcool e incorporatelo usando la frusta. Schiumate il composto, in modo da ottenere un liquore lucido. Imbottigliate

5/5 (487 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Un bicchierino di liquore alla liquirizia

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti