bg header
logo_print

Tartufi al cacao, dei dolcetti gustosi e facili da preparare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

tartufi al cacao
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

I tartufi al cacao, dei dolci deliziosi adatti in ogni momento

I tartufi al cacao sono un dolce di pasticceria classica molto semplici da fare, davvero imperdibili e adatti a qualsiasi momento, specialmente nei casi in cui si celebra qualche festa o ricorrenza.

C’è chi evita la cioccolata poiché pensa che non sia salutare. Certo, molti prodotti che la contengono sono poco sani e pieni di calorie perché viene aggiunto zucchero e quasi niente cacao.

Ricetta tartufi al cacao

Preparazione tartufi al cacao

  • Per preparare i dolci tartufi al cacao setacciate le farine, il lievito e versate in una ciotola.
  • Impastate la farina di riso con quella di mandorle e grano saraceno, la maizena, lo zucchero, il lievito, l’olio e il latte sufficiente ad ottenere un composto morbido e liscio.­
  • Stendetelo delicatamente allo spessore di 3-4 mm fra due fogli di carta da forno o pellicola.
  • Formate dei piccoli biscotti rettangolari, metteteli in una teglia rivestita di carta da forno e cuoceteli a 160°C per 10 minuti abbondanti.­­
  • Scaldate la panna e, prima che arrivi ad ebollizione, spegnete il fornello.
  • Poi aggiungete le gocce di cioccolato, mescolando continuamente con un cucchiaio fino a farle sciogliere completamente.
  • Lasciate raffreddare mescolando di tanto in tanto.
  • Unite il burro tenuto molto morbido e, continuando a mescolare, amalgamatelo al composto.
  • Poi completate con i biscotti frullati finemente e il liquore.
  • Lasciate riposare il composto in frigorifero per il tempo necessario a farlo leggermente indurire (almeno un’ora).­­
  • Bagnandosi le mani con poco olio di riso prelevate piccole parti della crema e modellatele fino ad ottenere delle palline.
  • Poi rotolatele nel cacao e adagiatele in un vassoio o dentro dei pirottini di carta per pasticcini.
  • Infine, conservate in frigorifero per almeno un’ora prima di servire.

Nota: i tartufi al cacao si conservano in frigorifero per qualche giorno in un contenitore ben chiuso.

Ingredienti tartufi al cacao

  • 60 gr. di farina di riso
  • 25 gr. di farina di mandorle + 25 g di maizena
  • 15 gr. di farina di grano saraceno
  • 50 gr. di zucchero
  • 2 cucchiai di olio di riso
  • 5 gr. di lievito per dolci
  • 75 ml. di panna da cucina densa consentita
  • 250 gr. di gocce di cioccolato fondente
  • 100 gr. di burro chiarificato
  • 30 ml. di liquore all’arancia o brandy
  • 50 gr. di cacao amaro
  • q. b. di latte consentito.

Tartufi al cacao, dei dolcetti adatti ad ogni occasione

Oggi prepariamo i tartufi al cacao, dei dolcetti deliziosi, facili da preparare e belli da vedere. Sono l’ideale per una merenda diversa dal solito all’insegna del gusto e dell’eleganza. Sono perfetti anche per essere serviti ai parenti e agli amici in visita, specie se si vuole fare bella figura. Soprattutto sono dei dolcetti anti-intolleranze alimentari, in quanto privi sia di glutine che di lattosio. Tuttavia, andrebbero evitati da chi soffre di allergia o sensibilità al nichel in quanto il cacao e il cioccolato abbondando di questa sostanza.

Come preparare i tartufi al cacao? Il procedimento è semplice ma richiede un po’ di tempo, anche perché richiede alcuni passaggi in frigorifero. Si tratta di preparare dei biscotti morbidi con farina, olio, amido, zucchero e lievito. La cottura avviene al forno per un breve periodo di tempo in modo che rimangano abbastanza morbidi. In seguito, i biscotti vanno frullati e uniti a un composto cremoso di panna (riscaldata), gocce di cioccolato e burro.

Poi si formano delle palline da questo nuovo imposto e le si lascia riposare in frigo per almeno un’ora. L’ultima fase consiste nell’applicazione della copertura di cacao amaro in polvere ed in un’ultima fase di riposo in frigo, necessaria a stabilizzare gli ingredienti.

Le speciali farine dei tartufi al cacao

Come ho già specificato, i tartufini al cacao sono accessibili sia agli intolleranti al lattosio che ai celiaci. Ai primi è richiesto solo un piccolo accorgimento, ovvero sostituire la panna normale con quella delattosata. Le differenze sul gusto sono davvero minime, se si esclude un’ulteriore note dolce che non stona affatto.

I celiaci, invece, possono andare sul sicuro grazie alla presenza di farine alternative, ovvero la farina di riso, di mandorle e di grano saraceno.

La farina di riso spicca per la sua delicatezza. E’ un tipo di farina che valorizza gli altri ingredienti, pur conservando una sua precisa identità. Inoltre, è ricca di amido che è molto utile per realizzare gli impasti.

La farina di mandorle è nota per la sua dolcezza e per la sua corposità. Dà il meglio di sé quando interagisce con determinati ingredienti, come il cacao, il latte e la panna.

Infine, la farina di grano saraceno si fa apprezzare per il sapore rustico, determinato da una quantità di fibre superiori alla media.

Tutte e tre le farine vantano una buona resa, soprattutto se lo scopo è quello di preparare dolci da forno. Sono anche valide dal punto di vista nutrizionale, in quanto sono ricche di vitamine, sali minerali e grassi benefici antiossidanti.

Il cacao, un alimento amato da tutti

Il vero protagonista di questi tartufini è ovviamente il cacao, che funge da copertura ed impatta in modo radicale sull’aspetto e sul gusto. La ricetta suggerisce dosi abbondanti di cacao, pari a 50 grammi. Il cacao non necessita di presentazioni, ma vale la pena sottolineare alcune proprietà davvero interessanti.

Per esempio si segnala un ottimo apporto di antiossidanti, che giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione del cancro, oltre a rallentare l’invecchiamento e rigenerare le cellule. Il cacao, poi, è ricco di sali minerali come il magnesio, che sostiene i livelli di energia e ottimizza il metabolismo.

Inoltre, il cacao fa bene all’umore, una credenza radicata nell’immaginario collettivo che trova una forte verità scientifica in base a studi recenti. In certi casi il cacao, e quindi anche il cioccolato, possono fungere da antidepressivi naturali.

Quale burro utilizzare nei tartufi al cacao?

La ricetta dei tartufi al cacao suggerisce anche l’utilizzo del burro. Nello specifico va aggiunto alla soluzione di panna calda e cacao, in modo da formare una specie di ganache. Questa però non funge da copertura, bensì da ingrediente dell’impasto assieme ai biscotti frullati.

La domanda a questo punto sorge spontanea: quale tipo di burro utilizzare? La scelta è tra burro standard e burro chiarificato. Ebbene, vi consiglio è di utilizzare il burro chiarificato essendo privo di caseine. Proprio per questo il burro chiarificato propone un sapore delicato, che non copre ma valorizza gli altri ingredienti. Un dettaglio non di poco conto se si considera che gli altri ingredienti sono la panna e il cioccolato.

Inoltre, il burro chiarificato è privo di lattosio, sebbene il burro standard ne contenga solo piccole quantità. L’unico difetto del burro chiarificato è l’apporto calorico, che è importante e si avvicina a quello dell’olio. Un difetto che va ridimensionato visto che se ne utilizza davvero poco: un etto per tutti i biscotti.

Alcune interessanti proprietà sul cacao

Il cacao in polvere, quello originale, è davvero nutriente. Vediamo i suoi benefici e poi la ricetta dei tartufi al cacao. Il cacao presenta numerose proprietà nutritive, e la storia è costellata di riconoscenze a questo prezioso ingrediente della natura che in esso contiene qualità che lo fanno essere un vero e proprio toccasana, sia per il corpo che per lo spirito.

Nel particolare, basti pensare che, 2 cucchiai di cacao contengono solo 25 calorie e 1,5 g di grassi, oltre a 3,6 g di fibre, vale a dire il 14% della quantità giornaliera raccomandata. In più, hanno l’8% di ferro e il 14% di magnesio. Il cacao è un buon antidepressivo naturale perché migliora l’umore stimolando i neurotrasmettitori e la produzione di endorfine. Contiene inoltre antiossidanti che aiutano a combattere il cancro, le malattie cardiache e l’invecchiamento.

tartufi al cacao

Non esagerate con i Tartufi al cacao

Attenzione però: quasi tutto il cacao che si trova in commercio purtroppo non ha tutte le sostanze nutritive che ci servono, quindi è meglio comprare quello in polvere crudo. In aggiunta a questi preziosi benefici, il cacao abbassa il colesterolo LDL e quindi il rischio che si formino coaguli nel sangue, migliorando la salute delle arterie e la pressione sanguigna.

Come per tutte le cose, ovviamente c’è un però: il cacao contiene caffeina che può avere effetti negativi come l’insonnia in chi è sensibile a questa sostanza. In più ha ossalati che, se assunti in maniera esagerata, possono contribuire alla formazione di calcoli renali, quindi se soffrite di questo problema è meglio non mangiare cacao e cioccolata.

In conclusione, il cacao è ricco di proprietà e basta non abusarne per non avere problemi in caso di condizioni particolari. Provate questi tartufi al cacao per coccolarvi un po’: ogni tanto ci vuole proprio! Di ricette ce ne sono davvero tante ma ecco la mia personale ricetta per fare dei buonissimi dolcetti al cacao senza cottura. Vediamo ora gli ingredienti necessari e come prepararli.

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittelle di ricotta e farina di patate

Frittelle di ricotta e farina di patate per...

Di cosa sa la farina di patate? Tra i protagonisti della ricetta delle frittelle di ricotta spicca la farina di patate. E’ una farina particolare e non troppo conosciuta nemmeno tra i celiaci, ma...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...