Piadina liscia e farcita: la golosità pratica tutta gluten free

Tempo di preparazione:

Oggi parliamo della piadina. Pensare a cosa preparare per pranzo e per cena ogni giorno della nostra vita non è semplice.Lo sanno bene le donne, continuamente alle prese con nuove ricette che fungano da deterrente a quella monotonia che, inevitabilmente, viene ad insinuarsi sulle nostre tavole.

A questa comprensibile difficoltà va ad aggiungersi quella di selezionare con cura le ricette giuste tenendo conto altresì degli ingredienti nel caso in cui i soggetti destinatari delle preparazioni siano allergici e/o intolleranti.

Ecco presentata, con l’intento di conciliare tutte queste esigenze, una ricetta molto semplice da preparare, e pur d’effetto, adatta a tutti, anche ai soggetti allergici e/o intolleranti, in quanto realizzata con farina di riso e farina di patate.

Piadina e il primo pensiero corre all’estate e alle vacanze!

Versatile, senza glutine, ricca di magnesio, di vitamine del gruppo B, nonché di calcio e di ferro: tutto questo è la farina di riso, ottenuta dalla lavorazione di uno degli ingredienti più apprezzati e nobili che la nostra cucina conosca e che rappresenta oggi una risorsa tutta da scoprire.

Molti credono che farina di riso e l’amido di riso siano la stessa cosa: in verità non è così.

PIADINA GLUTEN FREE ver 683x1024 Piadina liscia e farcita: la golosità pratica tutta gluten free

Se è vero che la prima, in quanto raffinata, possiede una composizione tendenzialmente amidacea, è altrettanto vero che l’amido di riso è ottenuto mediante un’ulteriore scomposizione della polvere.

La piadina per me è sinonimo di estate e vacanza

La farina di patate rappresenta una scoperta ancora più recente, un vero valore aggiunto sulle nostre tavole, specie di quelle dei celiaci, in quanto in grado di fungere da utile sostituto della farina di grano, ma altresì ottima ed efficace per migliorare la lievitazione, in particolare, di torte e pane.

Fecola che si ricava dai tuberi di una pianta tropicale, la tapioca si rivela particolarmente utile in caso di coliti e problemi all’apparato digerente, risultando essa estremamente facile da digerire.

Il motivo di tale innegabile caratteristica è da imputare alla presenza in essa di pochissime scorie.

Il suo contenuto di cellulose è, infatti, davvero contenuto, essendo pari solo al 2,5%, trascurabile rispetto, per esempio, a quello del grano, che si aggira sul 10%.

Proprio per effetto di tali sue spiccate capacità, la tapioca rappresenta un alimento nutriente che molti medici e specialisti in ambito di nutrizione hanno posto alla base della dieta di bambini e convalescenti.

Ecco riportata di seguito la ricetta utile alla preparazione di questa straordinaria ed originale piadina.

Ingredienti per 4 persone

  • 700 gr farina bianca di riso fine
  • 200 gr di farina di patate
  • 100 gr di tapioca
  • 300-350 gr di acqua
  • 60 gr di olio extravergine d’oliva
  • 15 gr miele di acacia
  • 2 cucchiaini di bicarbonato
  • q.b. sale

Preparazione

Setacciate e miscelate le farine. In una terrina mescolatele con il bicarbonato e il sale, aggiungete quindi l’olio e il miele di acacia e versate parte dell’acqua iniziando a impastare. Proseguite finché l’impasto non sarà risultato morbido e liscio.

Formate delle palline e man mano che le preparate stendetele sopra un piano coperte da una canovaccio

Una volta che avete terminato di dividere l’impasto infarinate la spianatoia e stendetele con l’aiuto di un matterello creando delle sfoglie rotonde.

Cuocetele per qualche minuto su entrambi i lati in una padella antiaderente e proseguite fino alla fine dell’impasto

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

printfriendly pdf button nobg md Piadina liscia e farcita: la golosità pratica tutta gluten free