Piadina liscia e farcita: la golosità pratica

piadina
Commenti: 0 - Stampa

Oggi parliamo della piadina. Pensare a cosa preparare per pranzo e per cena ogni giorno della nostra vita non è semplice.Lo sanno bene le donne, continuamente alle prese con nuove ricette che fungano da deterrente a quella monotonia che, inevitabilmente, viene ad insinuarsi sulle nostre tavole.

A questa comprensibile difficoltà va ad aggiungersi quella di selezionare con cura le ricette giuste tenendo conto altresì degli ingredienti nel caso in cui i soggetti destinatari delle preparazioni siano allergici e/o intolleranti.

Ecco presentata, con l’intento di conciliare tutte queste esigenze, una ricetta molto semplice da preparare, e pur d’effetto, adatta a tutti, anche ai soggetti allergici e/o intolleranti, in quanto realizzata con farina di riso e farina di patate.

Piadina e il primo pensiero corre all’estate e alle vacanze!

Versatile, senza glutine, ricca di magnesio, di vitamine del gruppo B, nonché di calcio e di ferro: tutto questo è la farina di riso, ottenuta dalla lavorazione di uno degli ingredienti più apprezzati e nobili che la nostra cucina conosca e che rappresenta oggi una risorsa tutta da scoprire.

Molti credono che farina di riso e l’amido di riso siano la stessa cosa: in verità non è così.

piadina liscia

Se è vero che la prima, in quanto raffinata, possiede una composizione tendenzialmente amidacea, è altrettanto vero che l’amido di riso è ottenuto mediante un’ulteriore scomposizione della polvere.

La piadina per me è sinonimo di estate e vacanza

La farina di patate rappresenta una scoperta ancora più recente, un vero valore aggiunto sulle nostre tavole, specie di quelle dei celiaci, in quanto in grado di fungere da utile sostituto della farina di grano, ma altresì ottima ed efficace per migliorare la lievitazione, in particolare, di torte e pane.

Fecola che si ricava dai tuberi di una pianta tropicale, la tapioca si rivela particolarmente utile in caso di coliti e problemi all’apparato digerente, risultando essa estremamente facile da digerire.

Il motivo di tale innegabile caratteristica è da imputare alla presenza in essa di pochissime scorie.

Il suo contenuto di cellulose è, infatti, davvero contenuto, essendo pari solo al 2,5%, trascurabile rispetto, per esempio, a quello del grano, che si aggira sul 10%.

Proprio per effetto di tali sue spiccate capacità, la tapioca rappresenta un alimento nutriente che molti medici e specialisti in ambito di nutrizione hanno posto alla base della dieta di bambini e convalescenti.

Ecco riportata di seguito la ricetta utile alla preparazione di questa straordinaria ed originale piadina.

Ingredienti per 4 persone

  • 700 gr farina bianca di riso fine
  • 200 gr di farina di patate
  • 100 gr di tapioca
  • 300-350 gr di acqua
  • 60 gr di olio extravergine d’oliva
  • 15 gr miele di acacia
  • 2 cucchiaini di bicarbonato
  • q.b. sale

Preparazione

Setacciate e miscelate le farine. In una terrina mescolatele con il bicarbonato e il sale, aggiungete quindi l’olio e il miele di acacia e versate parte dell’acqua iniziando a impastare. Proseguite finché l’impasto non sarà risultato morbido e liscio.

Formate delle palline e man mano che le preparate stendetele sopra un piano coperte da una canovaccio

Una volta che avete terminato di dividere l’impasto infarinate la spianatoia e stendetele con l’aiuto di un matterello creando delle sfoglie rotonde.

Cuocetele per qualche minuto su entrambi i lati in una padella antiaderente e proseguite fino alla fine dell’impasto

5/5 (487 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-05-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti