bg header
logo_print

Torta alla ricotta e amaretti, una ricetta facile e gustosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta alla ricotta e amaretti
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 40 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
3/5 (1 Recensione)

Torta alla ricotta e amaretti, il dolce che piace a tutti

La torta alla ricotta e amaretti è il dolce perfetto quando la voglia di buono è tanta e il tempo a disposizione è poco. La ricetta richiede infatti una manciata di ingredienti, e per giunta tutti molto reperibili. Inoltre, è frutto di un procedimento molto semplice a prova di principiante e richiede solo una quarantina di minuti di cottura al forno a 180 gradi.

La torta alla ricotta e amaretti piace per la capacità di far emergere in maniera distinta e bilanciata sia la dolcezza del latticino che il sentore gradevolmente (e leggermente amaro) dei biscotti. Stupisce poi per la capacità di alternare morbidezza e croccantezza, quest’ultima viene garantita proprio dagli amaretti, che vengono sbriciolati e inseriti nell’impasto.

La torta ricotta e amaretti può essere preparata per la colazione, per la merenda di tutti i giorni, oppure per le occasioni speciali. E’ la torta ideale per il fine pasto come anche per gli aperitivi dolci.

Ricetta torta alla ricotta e amaretti

Preparazione torta alla ricotta e amaretti

  • Per preparare questa torta potrete iniziare semplicemente sbriciolando i Nocciolini.
  • In seguito, lavorate i tuorli insieme allo zucchero, poi incorporate la ricotta, la farina e l’olio e continuate a lavorare l’impasto fino a che non diventerà omogeneo.
  • Dopodiché, potrete unire gli amaretti sbriciolati (conservandone una piccola parte) e anche gli albumi montati a neve.
  • L’ultima cosa da fare sarà cospargere la teglia con amaretti sbriciolati, poi versate l’impasto e infornate a 180°C per 40 minuti.
  • A fine cottura potrete servire e gustare un dolce perfetto, che avrà la capacità di saziarvi e conquistarvi.

Ingredienti torta alla ricotta e amaretti

  • 250 gr. di ricotta consentita
  • 3 uova
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 2 cucchiai di farina di riso
  • 40 circa Nocciolini di Chivasso (o amaretti piccoli consentiti)
  • 50 gr. di olio extravergine di oliva.

Come si preparano gli amaretti?

Gli amaretti, come suggerisce il nome, sono tra gli ingredienti principali di questa torta alla ricotta. Formano l’impasto, in quanto vengono inseriti subito dopo la farina e le uova. Vengono utilizzati anche per preparare la torta alla cottura, in quanto vengono posti dentro la teglia prima di versare il composto.

Potete acquistare gli amaretti al supermercato, scegliendo magari prodotti di qualità e dal grande valore gastronomico. Tuttavia, potete anche prepararli in casa. Il procedimento non è difficile e ne trarrete una maggiore soddisfazione. Qui trovate la ricetta di un particolare tipo di amaretti, ovvero i nocciolini di Chivasso, che si rivelano perfetti per questo tipo di torta.

Sono ottimi anche gli amaretti sardi, che si distinguono per l’impiego di una varietà più amara e più aromatica di mandorle.

Torta alla ricotta e amaretti

Cosa sapere sulla ricotta

Anche la ricotta gioca un ruolo fondamentale per l’impasto di questa torta alla ricotta e amaretti. La ricotta conferisce un sapore dolce e allo stesso tempo di latte, inoltre dona stabilità in virtù di una grana all’apparenza granulosa, ma anche consistente e molto cremosa in seguito alla sua lavorazione.

Attorno alla ricotta gravitano alcuni falsi pregiudizi, come quello secondo cui sarebbe grassa. In realtà contiene solo 13 grammi di grassi ogni 100, il ché determina un apporto calorico molto ridotto, pari a circa 180-200 kcal per 100 grammi.

Per il resto la ricotta è ricca dei nutrienti tipici del latte: proteine, calcio e vitamina D, che fa bene al sistema immunitario. Se potete utilizzate la ricotta artigianale, rispetto a quella industriale è più cremosa e sa più di latte.

La torta alla ricotta e amaretti è adatta per chi soffre di intolleranze alimentari?

Giunti a questo punto vale la pena chiedersi: la torta alla ricotta e amaretti è sicura per chi soffre di intolleranze alimentari e disturbi simili? Dipende ovviamente dal tipo di intolleranza.

I celiaci possono dormire sonni tranquilli, infatti l’impasto è realizzato con la ricotta e con gli amaretti, che non contengono glutine. In realtà si utilizza un po’ di farina, ma si tratta di farina di riso, che è naturalmente gluten-free.

Discorso diverso per gli intolleranti al lattosio. Di norma la ricotta contiene questa sostanza, tuttavia nessuno vi vieta di utilizzare una ricotta delattosata, che è abbastanza reperibile nei supermercati. Il sapore della ricotta delattosata è quasi identico alla “ricotta originale”, risulta solo un po’ più dolce.

E per quanto concerne gli allergici e i sensibili al nichel? Purtroppo per loro questa ricetta è off-limits. Gli amaretti sono realizzati con le mandorle, un frutto che di norma contiene molto nichel. Al momento non si segnalano agricoltori che producono mandorle nichel-free, come accade per i pomodori e per il basilico.

Come accompagnare la torta alla ricotta e amaretti?

La torta alla ricotta e amaretti spicca per il sapore particolare in virtù della presenza di ingredienti, che la contraddistinguono rispetto alle classiche torte senza farcitura (ad esempio il ciambellone). Allo stesso tempo, però, spicca per la sua versatilità che la rende compatibile con un gran numero di abbinamenti.

Se consumate la torta alla ricotta a colazione, potete accompagnarla con un classico caffè o – perché no – anche con del latte. In linea di massima, e in virtù di una dolcezza spiccata, potete optare anche per un succo di frutta zuccherino.

La torta alla ricotta e amaretti è perfetta anche per gli aperitivi dolci. In questo caso vi consiglio di servirla con un vino bianco dolce e frizzante, o piuttosto con uno champagne. Al limite può essere accompagnata anche da cocktail particolarmente fruttati e non troppo pesanti.

Qualche variante della torta alla ricotta e amaretti

La torta alla ricotta e amaretti è semplice e veloce, inoltre è talmente versatile da prestarsi a molte varianti. Le più interessanti sostituiscono gli amaretti con qualsiasi altro biscotto “sbricioloso”. Avete solo l’imbarazzo della scelta. Tuttavia, se desiderate che il sapore dei biscotti lasci spazio a quello della ricotta, optate per i digestive, che sono tendenzialmente più neutri.

Anche la ricotta può essere sostituita. Il candidato più interessante da questo punto di vista è il mascarpone, magari unito all’albume per ottenere la celebre crema. In questo caso la torta assumerà un sapore simile a quello del tiramisù.

Infine, potete inserire una guarnizione o una farcitura. In entrambi i casi vi consiglio di andare sul classico e procedere con una “ordinaria” ganache al cioccolato e alla panna. Questi due ingredienti, infatti, si sposano alla perfezione tanto con la ricotta quanto con gli amaretti.

In linea di massima avete quindi ampio margine di discrezione. L’importante è operare con cognizione di causa, ovvero avendo ben chiaro l’impatto che gli ingredienti eserciteranno sul risultato finale.

FAQ sulla torta alla ricotta e amaretti

Che torta si può fare con la ricotta?

La ricotta, proprio in virtù della sua consistenza morbida e cremosa, può essere inserita in molti impasti. In questo caso ho optato per la farina, l’uovo e gli amaretti sbriciolati.

Che gusto ha la ricotta?

La ricotta artigianale è molto più cremosa e sa più di latte. La ricotta industriale, invece, ha un sapore più simile al formaggio ed è un po’ più densa.

Come usare la ricotta in un dolce?

La ricotta può fungere da ingrediente per l’impasto grazie alla sua cremosità, ma può anche fungere da ripieno, magari unita con altri ingredienti della medesima consistenza. In questo caso si parla di crema di ricotta e si può usare su molti tipi di torte.

Dove si conserva la torta di ricotta?

La torta di ricotta non contiene alcun ripieno, dunque può essere conservata a temperatura ambiente. Per l’occasione vi consiglio di utilizzare la classica cupola per dolci, che permette di conservare la torta per un giorno o due.

Perché la ricotta si chiama così?

Il nome deriva dal processo di produzione, che prevede due cotture. La prima cottura coinvolge il latte e consente di ottenere un formaggio, la seconda cottura coinvolge il siero e consente di ottenere la ricotta propriamente detta.

Ricette torte ne abbiamo? Certo che si!

3/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

1 commento su “Torta alla ricotta e amaretti, una ricetta facile e gustosa

  • Mar 11 Dic 2012 | Elisa Caimi ha detto:

    Ma che tenera che sei. Veramente. :) E questa torta deve essere deliziosa!! :D Un abbraccio grande grande amica!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta fredda ai biscotti

Torta fredda ai biscotti: a metà tra torta...

Una base che ricorda le cheesecake Tra i punti di forza di questa torta fredda ai biscotti c’è la capacità di attingere a piene mani dalla tradizione. Lo si nota dalla base, che riprende quella...

Granita al tamarindo

Granita al tamarindo, la ricetta ottima per la...

Un focus sul tamarindo Il tamarindo, usato per preparare questa deliziosa granita, è un frutto esotico originario delle zone tropicali dell’Africa Orientale e dell’Asia. Dalle nostre parti non...

Torta di anguria

Torta di anguria, un dessert alla frutta fresco...

Un dessert ricco di frutta Più che una torta di anguria questa è una torta di frutta, infatti oltre all’anguria troviamo frutti esotici come l'ananas e il kiwi, che spiccano per le tonalità...