Piccalilli, una specialità d’oltralpe in tavola

Piccalilli
Stampa

I Piccalilli sono la versione inglese e nordamericana dei nostri sottaceti: ne differiscono per la maggior varietà dei prodotti utilizzati e, talvolta, per un più massiccio impiego di spezie e aromi.

Furono uno dei cibi complementari, ma indispensabili, della marina velica, quando occorreva mascherare lo stato più o meno avanzato di frollatura di carni, salumi, verdure conservate, accompagnandole con molti sottaceti.

Ciò avveniva soprattutto sulle rotte dei Paesi caldi, d’Asia e Africa, e questo spiega perché venissero usati non solo elementi della cucina europea, come i cetrioli, i capperi, i peperoni, i pomodorini verdi, le ciliegie, i meloni acerbi tagliati a pezzi, ma anche frutti esotici, come il mango, la papaya e altri, ricavandone delle conserve speciali, come il mango chutney.

La preparazione di questi sottaceti era anche uno dei compiti fondamentali delle massaie anglosassoni: una testimonianza ne sono i vecchi libri di cucina inglesi, che dedicano molte pagine a queste ricette.

I piccalilli sono una particolare variante dei pickles: si tratta di una giardiniera di verdure, bollita e messa in barattolo con una salsa molto forte, a base di aceto e di varie spezie.

Piccalilli

Oggi queste preparazioni sono quasi tutte di origine industriale, in gran parte britan­nica. Si trovano comunque in vendita anche da noi, e si usano e si conservano come i sottaceti nostrani.

Piccalilli, una specialità d’oltralpe

La preparazione domestica dei piccalilli è a dir poco divertente! Perfetti per guarnire i piatti sono caratterizzati dalla presenza d’ingredienti molto sani. Uno di questi è il pepe di Giamaica. Quali sono le sue proprietà principali? In primo piano quando si parla di pimento – un altro nome con cui è noto il pepe di Giamaica – si trova l’efficacia dal punto di vista digestivo.

Assumerlo rappresenta anche una soluzione per contrastare le coliche addominali. Secondo la tradizione, i soldati russi lo utilizzavano anche per tenere i piedi caldi.

Tutti i benefici del cavolfiore

I piccalilli contengono anche cavolfiore, una delle verdure più sane che ci siano! Appartenente alla famiglia delle verdure crucifere, il cavolfiore, grazie alla presenza del sulforafano, è un vero toccasana per la salute del cuore. Grazie al contenuto di vitamina B rappresenta una valida soluzione per migliorare la salute cerebrale. Da non dimenticare è anche la sua efficacia depurativa, dovuta all’importante presenza di acqua.

Anticancerogeno e amico della digestione, il cavolfiore è un alleato della salute a dir poco speciale! Non resta che apprezzarlo in questa ricetta speciale, che conquisterà i vostri ospiti al primo assaggio.

Ingredienti per 1,500 kg circa:

  • 1 cavolfiore di circa 500 g;
  • 400 g di cipolle sottilmente affettate;
  • 2 dl di aceto di vino bianco;
  • 200 g di zucchero;
  • 1 cucchiaino di paprika;
  • 1 cucchiaino di pepe di Giamaica
  • 1 cucchiaino di macis;
  • 1 cucchiaino di semi di sedano;
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere;
  • 1 cucchiaino di spezie varie in polvere;
  • 1 cucchiaino di pepe;
  • 50 g di sale fino.

Preparazione

Pulite, lavate e asciugate il cavolfiore, divi telo a piccole cimette eliminando il torsolo parti più dure. Raccogliete i mazzetti in una larga terrina, unite le cipolle affettate, rigirate con delicatezza, cospargete di sale, incoperchiate e lasciate riposare in luogo fresco ventiquattro ore.

In una casseruola mettete l’aceto con lo zucchero e tutte le spezie indicate. Rigirate con un cucchiaio di legno e fate bollire a fuoco medio per cinque minuti.

Trasferite i mazzettini di cavolfiore e le fettine di cipolla nella pirofila a p reti a te: versatevi sopra l’aceto bollente e fate bollire lentamente il composto per altri dieci minuti, sempre a fuoco moderato.

Lasciate intiepidire la preparazione prima travasarla nei vasi di vetro. Chiudete i vasi ermeticamente e lasciate riposare in luogo fresco e buio per tre settimane circa, prima di utilizzare.

Volendo potrete aggiungere all’ultimo momento due cucchiai di salsa Savora o un cucchiaio di senape in polvere, eliminando, in caso, la paprika. Le verdure così preparate costituiscono un ottimo accompagnamento per carni arrosto o bolliti misti.

Poiché si conservano a lungo, è bene preparare i piccalilli in abbondanza.

La buona riuscita della preparazione dipende  in gran parte dall’aceto utilizzato, che deve essere di ottima qualità.

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo pi riposo: 24 ore (piu 3 settimane)

Tempo di cottura: 1 ora

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


02-11-2011
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti