bg header
logo_print

Piccalilli, una specialità d’oltralpe in tavola

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Piccalilli
Ricette per intolleranti, Cucina anglosassone, Cucina Americana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: P1DT20 min
cottura
Cottura: 1 or
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.8/5 (4 Recensioni)

I Piccalilli sono la versione inglese e nordamericana dei nostri sottaceti: ne differiscono per la maggior varietà dei prodotti utilizzati e, talvolta, per un più massiccio impiego di spezie e aromi.

Furono uno dei cibi complementari, ma indispensabili, della marina velica, quando occorreva mascherare lo stato più o meno avanzato di frollatura di carni, salumi, verdure conservate, accompagnandole con molti sottaceti.

Ciò avveniva soprattutto sulle rotte dei Paesi caldi, d’Asia e Africa, e questo spiega perché venissero usati non solo elementi della cucina europea, come i cetrioli, i capperi, i peperoni, i pomodorini verdi, le ciliegie, i meloni acerbi tagliati a pezzi, ma anche frutti esotici, come il mango, la papaya e altri, ricavandone delle conserve speciali, come il mango chutney.

La preparazione di questi sottaceti era anche uno dei compiti fondamentali delle massaie anglosassoni: una testimonianza ne sono i vecchi libri di cucina inglesi, che dedicano molte pagine a queste ricette.

Ricetta piccalilli

Preparazione piccalilli

Pulite, lavate e asciugate il cavolfiore, divi telo a piccole cimette eliminando il torsolo parti più dure. Raccogliete i mazzetti in una larga terrina, unite le cipolle affettate, rigirate con delicatezza, cospargete di sale, incoperchiate e lasciate riposare in luogo fresco ventiquattro ore.

In una casseruola mettete l’aceto con lo zucchero e tutte le spezie indicate. Rigirate con un cucchiaio di legno e fate bollire a fuoco medio per cinque minuti.

Trasferite i mazzettini di cavolfiore e le fettine di cipolla nella pirofila a p reti a te: versatevi sopra l’aceto bollente e fate bollire lentamente il composto per altri dieci minuti, sempre a fuoco moderato.

Lasciate intiepidire la preparazione prima travasarla nei vasi di vetro. Chiudete i vasi ermeticamente e lasciate riposare in luogo fresco e buio per tre settimane circa, prima di utilizzare.

Volendo potrete aggiungere all’ultimo momento due cucchiai di salsa Savora o un cucchiaio di senape in polvere, eliminando, in caso, la paprika. Le verdure così preparate costituiscono un ottimo accompagnamento per carni arrosto o bolliti misti.

Poiché si conservano a lungo, è bene preparare i piccalilli in abbondanza.

La buona riuscita della preparazione dipende  in gran parte dall’aceto utilizzato, che deve essere di ottima qualità.

Ingredienti piccalilli

  • 1 cavolfiore di circa 1500 gr
  • 400 g di cipolle sottilmente affettate
  • 2 dl di aceto di vino bianco
  • 200 g di zucchero
  • 2 cucchiai di spezie miste in polvere
  • paprika; pepe di Giamaica
  • macis; semi di sedano
  • cannella in polvere; 1 cucchiaino di pepe
  • 50 g di sale fino.

I piccalilli sono una particolare variante dei pickles: si tratta di una giardiniera di verdure, bollita e messa in barattolo con una salsa molto forte, a base di aceto di malto e di varie spezie. Gli inglesi aggiungono la salsa savora che da noi non si trova facilmente.

Oggi queste preparazioni sono quasi tutte di origine industriale, in gran parte britan­nica. Si trovano comunque in vendita anche da noi, e si usano e si conservano come i sottaceti nostrani.

Piccalilli, una specialità d’oltralpe

In questa ricetta utilizziamo l’aceto di malto. Nell’Europa settentrionale e in Inghilterra gli aceti si ottengono tradizionalmente dalla birra e si chiamano aceti di malto. Il malto ( oppure malto e grano mescolati) viene scaldato insieme all’acqua e quindi lasciato fermentare finché diventa un rozzo tipo di birra detto gyle. A mano a mano che questo liquido alcolico gocciola attraverso i tini coperti con vimini o trucioli di faggio, i batteri cominciano a lavorare.

L’aceto di malto, quando è stato fatto maturare per diversi mesi, contiene il 6 per cento circa di acido, e viene quindi diluito secondo le esigenze del mercato: di solito viene colorato e ha un aroma completamente diverso da quello dell’aceto di vino. È più adatto per determinate ricette, a esempio per i sottaceti inglesi.

Nella cucina internazionale bisogna disporre di vari tipi d’aceto, e usare quello di malto per le ricette inglesi e quello di vino per le ricette dell’Europa meridionale, salvo il caso che si sappia per esperienza personale che scostandosi dalla tradizione si ottiene un migliore risultato. Non si può dire in assoluto che un tipo d’aceto è migliore di un altro; si può dire soltanto che sono diversi.

La preparazione domestica dei piccalilli è a dir poco divertente! Perfetti per guarnire i piatti sono caratterizzati dalla presenza d’ingredienti molto sani. Uno di questi è il pepe di Giamaica. Quali sono le sue proprietà principali? In primo piano quando si parla di pimento – un altro nome con cui è noto il pepe di Giamaica – si trova l’efficacia dal punto di vista digestivo.

Assumerlo rappresenta anche una soluzione per contrastare le coliche addominali. Secondo la tradizione, i soldati russi lo utilizzavano anche per tenere i piedi caldi.

Tutti i benefici del cavolfiore

I piccalilli contengono anche cavolfiore, una delle verdure più sane che ci siano! Appartenente alla famiglia delle verdure crucifere, il cavolfiore, grazie alla presenza del sulforafano, è un vero toccasana per la salute del cuore. Grazie al contenuto di vitamina B rappresenta una valida soluzione per migliorare la salute cerebrale. Da non dimenticare è anche la sua efficacia depurativa, dovuta all’importante presenza di acqua.

Anticancerogeno e amico della digestione, il cavolfiore è un alleato della salute a dir poco speciale! Non resta che apprezzarlo in questa ricetta speciale, che conquisterà i vostri ospiti al primo assaggio.

Ricette salse ne abbiamo? Certo che si!

3.8/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Chutney di semi di melone

Chutney di semi di melone: una ricetta gustosa...

I semi di melone: una gradita sorpresa ricca di nutrienti I semi di melone sono i veri protagonisti di questa chutney, una salsa che prende ispirazione da uno dei più famosi piatti indiani per...

Ragù di pollo

Ragù di pollo, un sugo alternativo per primi...

Cosa sapere sulla carne di pollo E’ utile parlare della carne di pollo, che è il vero elemento distintivo di questo ragù. Si tratta di una carne “nobile”, in quanto è più leggera e...

salsa agrodolce agli azzeruoli

Salsa agrodolce agli azzeruoli, un condimento per la...

Come utilizzare la salsa agrodolce agli azzeruoli Come ho già accennato, la salsa agrodolce agli azzeruoli è molto versatile. Può essere utilizzata sui secondi di carne, sui secondi di pesce e...