bg header
logo_print

Spezzatino di coniglio alle mele, un secondo sfizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

spezzatino di coniglio
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.5/5 (2 Recensioni)

Spezzatini di coniglio alle mele, un secondo diverso dal solito

Oggi cuciniamo lo spezzatino di coniglio alle mele, un secondo diverso dal solito che fornisce una vera e propria esperienza gastronomica. La carne del coniglio incontra la frutta, segnando l’unione tra note più sapide e note più morbide, nonché tra i sapori corposi e agrodolci. Vi consiglio di preparare lo spezzatino di coniglio alle mele quando avete ospiti, li delizierete con un piatto di carne eccellente che non richiede chissà quale impegno. La ricetta, infatti, non è difficile, ma solo un po’ laboriosa.

Si tratta di creare un soffritto di aglio e cipolla, prelevare questi due ingredienti e cuocere a turno la carne e le mele. Poi si prelevano anche questi ultimi due ingredienti e, con il fondo di cottura, si prepara una sorta di intingolo a base di sidro di mele. A questo punto si riammettono gli ingredienti, rifinendo la cottura e lasciando le mele per ultime.

Lo scopo di questo procedimento, che è complesso solo all’apparenza, è di creare una perfetta amalgama di sapori per un secondo ricco e allo stesso tempo armonioso.

Ricetta spezzatino di coniglio

Preparazione spezzatino di coniglio

  • Per preparare lo spezzatino di coniglio alle mele iniziate tagliando a pezzi regolari il coniglio.
  • Lavateli con acqua e aceto, asciugateli con carta assorbente. In una larga casseruola versate 2 cucchiai di olio, unitevi la cipolla affettata e l’aglio.
  • Fateli rosolare e poi estraeteli con un mestolo forato, eliminate l’aglio e tenete da parte la cipolla.
  • Sistemate nella casseruola i pezzi di carne, fateli ben dorare da tutte le parti e quindi estraete anch’essi e teneteli in caldo.
  • Sempre nella stessa casseruola, fate dorare le mele mondate e tagliate a tocchetti, poi toglietele dalla casseruola. Unite un bicchierino di sidro al fondo di cottura e, dopo po­chi minuti, rimettete nella cas­seruola le cipolle e i pezzi di coniglio e mescolate.
  • Salate, pepate, coprite la casseruola e cuocete a fiamma bassa per una decina di minu­ti.
  • Trascorso questo tempo, ag­giungete le mele e la panna, e completate la cottura per altri 10 minuti circa. Infine, regolate di sa­le.
  • Ser­vite il vostro spezzatino di coniglio alle mele ben caldo e gustatelo con soddisfazione!

Ingredienti spezzatino di coniglio

  • un coniglio di circa 1
  • 5 kg.
  • 1 bicchiere di aceto di riso
  • q. b. di olio extravergine d’oliva
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 mele verdi
  • 1 bicchierino di sidro di mele artigianale
  • 200 gr. di panna delattosata
  • q. b. di sale.

Cosa sapere sulla carne di coniglio

Il protagonista indiscusso di questo spezzatino di coniglio è proprio la carne. Il coniglio si caratterizza per un sapore delicato e allo stesso aromatico, che sa vagamente di selvatico. Di base la carne di coniglio necessita di una marinatura, o comunque di una lavorazione con ingredienti grassi e liquidi. In questo caso ho optato per l’acqua e un po’ di aceto.

La carne di coniglio è molto nutriente. A fronte di un apporto di grassi minimo (pari a 3 grammi ogni 100) regala proteine in una misura paragonabile a quella delle altre carni rosse. Stesso discorso per le vitamine del gruppo B, per il ferro e per altri sali minerali. L’apporto calorico, infine, viaggia sulle 170-180 kcal per 100 grammi.

Quali mele utilizzare nello spezzatino di coniglio?

Tra gli ingredienti più importanti di questa ricetta a base di spezzatino di coniglio spiccano le mele. La loro presenza è un’eccezione, in quanto non possono essere considerate un ingrediente da secondo piatto. Per l’occasione vi consiglio di optare per le mele Granny Smith, le mele verdi per eccellenza. Questo tipo di mele si caratterizzano per la polpa croccante e non troppo succosa, ma anche per il sapore che cela una punta di dolcezza e si rivela gradevolmente acidulo. Proprio per queste proprietà le mele Granny Smith generano un perfetto equilibrio agrodolce con la carne.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le Granny Smith si pongono sulla stessa lunghezza d’onda degli altri tipi di mele. Sono moderatamente ipocaloriche, con le loro 50-60 kcal per 100 grammi, inoltre sono ricche di vitamina C e sali minerali. Infine, contengono anche la quercetina, una sostanza che funge da antiossidante ed esercita una funzione antivirale.

Il ruolo del sidro di mele nello spezzatino di coniglio

La lista degli ingredienti dello spezzatino di coniglio comprende anche il sidro di mele. Il suo scopo è quello di formare insieme al fondo di cottura una sorta di intingolo molto liquido, in cui la carne di coniglio possa essere rifinita e ammorbidita. Il sidro di mele è un superalcolico che si ottiene dalla fermentazione del succo di mela. Il sapore è dolce e intenso, mentre la gradazione alcolica è abbastanza bassa e simile a quella delle birre bionde.

Perché proprio il sidro di mele? Semplice, si usa per sostituire il vino con una bevanda che possa fornire note ancora più dolci, meno alcoliche e soprattutto sicura per gli allergici e i sensibili al nichel.

Aglio e cipolle nella stessa ricetta

Concludo con una riflessione sulla prima parte della ricetta dello spezzatino di coniglio, ovvero sulla preparazione del soffritto, ottenuto con cipolle e aglio. Alcuni potrebbero storcere il naso di fronte a questo abbinamento, in quanto i due alimenti vengono considerati alternativi uno all’altro. Tuttavia, questi ingredienti possono coesistere alla perfezione in molte ricette, togliendo l’aglio alla fine. Si ottiene in questo modo una base molto aromatica dal sapore spiccato, ma equilibrata e armonica.

L’aglio trasmette inoltre alcune delle sue sostanze nutritive, tra cui spicca l’allicina, che è molto utile in quanto preserva l’elasticità delle arterie e aiuta a prevenire l’arteriosclerosi. Per quanto concerne la cipolla vi consiglio di utilizzarne una di media intensità, ossia una buona cipolla dorata piuttosto che un’intensa cipolla bianca o la delicata cipolla rossa.

Qualche ricetta con la carne di coniglio

Lo spezzatino di coniglio è solo una delle ricette sfiziose da realizzare con questo tipo di carne, vediamo altre.

Il coniglio in agrodolce, detto anche cunigghiu a’ stampirata, è un secondo piatto della tradizione siciliana, e nello specifico della cittadina di Gela. E’ una pietanza di carne dal sapore forte ma non pungente, che valorizza una delle carni più buone e allo stesso tempo più “difficili” da valorizzare: il coniglio. La carne di coniglio, per quanto l’animale sia di piccole dimensioni, è considerata come rossa, quindi alla stregua del manzo. E’ un’alternativa al coniglio in umido.

La pasta con coniglio all’ischitana è un primo piatto speciale. I motivi sono numerosi. In primo luogo è semplicemente squisita grazie al condimento a base di carne che arricchisce la pasta come pochi altri. Secondariamente rappresentano l’unione di due culture gastronomiche. Il sugo fa riferimento alla tradizione campana, mentre la pasta è piemontese.

I conchiglioni ripieni con ragù di coniglio e zucca sono una splendida idea per un primo ricco di sapore, completo e non troppo pesante. La ricetta, inoltre, è semplice e alla portata di tutti, benché comprenda una “doppia cottura”. I conchiglioni, infatti, vanno prima lessati in acqua salata e successivamente sottoposti ad un passaggio al forno. Passaggio che, a dire il vero, deve essere molto breve, ossia il tempo necessario a far sciogliere il formaggio che viene posto sulla pasta, permettendo al Grana di creare una bella gratinatura.

FAQ sullo spezzatino di coniglio

Come ammorbidire la carne di coniglio?

Se la ricetta non prevede una fase di marinatura potreste ammorbidire il coniglio con alcuni liquidi particolari. A tal proposito è possibile utilizzare l’olio, ma anche l’aceto.

Quanto ci mette a cuocere il coniglio?

Dipende dal metodo di cottura e dal trattamento che si riserva alla carne. Se si opta per il forno dovrebbe bastare un’ora. Se si opta per la cottura in umido, invece, potrebbero bastare 20 minuti.

Cosa sta bene con il coniglio?

Il coniglio produce una carne molto versatile. Nella maggior parte dei casi viene però accompagnato da patate e da altre verdure. In questo caso ho optato per una soluzione suggestiva, ovvero ho usato le mele.

Come si fa a marinare il coniglio?

In questo caso è necessario marinare solo leggermente il coniglio, in quanto viene cotto in umido. Ad ogni modo per la marinatura si suole arricchire il coniglio con il rosmarino, l’aglio e un po’ di vino bianco. Infine, si copre tutto con la pellicola e si ripone in frigo per 12 ore.

Ricette di spezzatino ne abbiamo? Certo che si!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Hamburger di verdure grigliate

Hamburger di verdure grigliate, un’alternativa vegetariana

Quali verdure usare per questo tipo di hamburger? L’hamburger di verdure grigliate si basa proprio su questi ultimi ingredienti per dare vita ad un secondo piatto davvero gustoso. Quali verdure è...

Lumache fritte

Lumache fritte, un finger food per stupire

Una panatura semplice ma efficace E’ proprio la panatura a qualificare come facile questa ricetta con lumache fritte. La impanatura è formata da farina, uova sbattute con sale e pepe,...