bg header
logo_print

Aloo paratha, la focaccia alle patate della cucina indiana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Aloo paratha
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina indiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Aloo Paratha, una focaccia morbida e speziata

Oggi cuciniamo l’aloo paratha, una ricetta tipica dell’India. Questo piatto fornisce l’occasione per esplorare le tradizioni indiane, approcciandosi con curiosità ad una cultura culinaria molto diversa dalla nostra. Reputo che sia importante sperimentare in cucina, provando qualcosa di nuovo legato a tradizioni lontane. E’ un’esperienza che arricchisce e che lascia spesso ricordi positivi, soprattutto se si parla di ricette squisite come quella dell’aloo paratha.

Cos’è nello specifico? A rivelarlo è l’etimologia del nome: in hindi “aloo” significa patata, mentre “paratha” indica una focaccia piatta e non lievitata, in genere cotta su pietra o in padella. Non è un caso che nel mondo anglosassone, molto legato a quello indiano per ragioni storiche, sia conosciuta anche come potato paratha.

Dunque siamo di fronte a una focaccina alla patata, che interviene sotto forma di fecola e schiacciata, dopo essere stata lessata. Un’altra peculiarità dell’aloo paratha è l’abbondanza di spezie, come da tradizione per le ricette indiane. In questo caso si utilizzano quantità significative di spezie, che rendono la focaccina più saporita e stuzzicante.

Ricetta aloo paratha

Preparazione aloo paratha

  • Per preparare l’aloo paratha procedete in questo modo. In una ciotola versate le farine, il sale, lo zucchero, il psyllium e i semi di nigella. Poi mescolate accuratamente il tutto.
  • Ora aggiungete le patate (già bollite e schiacciate), la cipolla, l’aglio, il garam masala, il cumino e il pepe nero. Mescolate ancora in modo da ottenere un impasto uniforme e liscio.
  • Ricavate dall’impasto otto pezzi uguali e formate una pallina da ciascuno di essi.
  • Poi stendete ciascuna pallina fino ad ottenere una sfoglia con diametro di 20 cm.
  • Ora ungete il fondo di una padella antiaderente con un po’ di olio.
  • Infine, arrotolale le sfoglie formando dei cilindri e tagliando ciacun cilindro in due parti.
  • Cuocete a fiamma media per 2-3 minuti per lato, fino a completa doratura. Ora servite e buon appetito.

Ingredienti aloo paratha

  • 250 gr. di farina di riso
  • 125 gr. di farina di tapioca
  • 15 gr. di buccia di Psyllium in polvere
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 200 gr. di patate lesse e schiacciate
  • mezza cipolla
  • tritata finemente
  • uno spicchio d’aglio
  • tritato finemente
  • 1 cucchiaio di garam masala
  • 1 cucchiaino di cumino in polvere
  • mezzo cucchiaino di pepe nero
  • 1 cucchiaino di semi di nigella
  • q. b. di olio vegetale

Quali farine usare?

In genere l’aloo paratha viene realizzata con farine bianche e raffinate. In questa ricetta ho però apportato qualche modifica per rendere la preparazione compatibile con i celiaci. Nella lista degli ingredienti troverete quindi la farina di riso e la farina di tapioca, delle farine delicate e dal sapore quasi impalpabile, adatte per questo tipo di focaccia. Inoltre, le farine utilizzate lasciano ampio spazio alle patate e alle spezie, trasformando questa focaccina in una vero e proprio ricettacolo di sapori.

La farina di riso è uno dei protagonisti dell’alimentazione celiaca. Vanta una discreta resa, soprattutto in assenza di lievitazione, dunque può essere considerata più di un surrogato. E’ anche valida dal punto di vista nutrizionale vista l’abbondanza di vitamine e sali minerali, oltre alla quasi totale assenza di grassi.

Il ruolo del garam masala

La lista degli ingredienti della aloo paratha comprende anche il garam masala. Si tratta di una vecchia conoscenza per gli amanti della cucina indiana, mentre per tutti gli altri si rivela una gradita sorpresa. Il garam masala è un mix di spezie che spicca non solo per la varietà, ma anche per l’armonia e per l’equilibrio.

Questo mix comprende nella maggior parte dei casi i semi di cumino, il cardamomo, il coriandolo, i chiodi di garofano, la cannella, il pepe nero e la curcuma. Si apprezza quindi un’alternanza molto evidente tra note dolci e pungenti, tra sentori aromatici e sentori più ordinari. In occasione di questa ricetta il garam masala va semplicemente aggiunto alle farine, quindi concorre direttamente alla formazione dell’impasto.

Il garam masala è anche molto versatile. Può essere aggiunto alle preparazioni poco prima del servizio, in modo da fungere da condimento vero e proprio. Inoltre, viene aggiunto spesso prima della cottura, come avviene nella ricetta dell’aloo paratha.

Aloo paratha

Come accompagnare l’aloo paratha?

L’aloo paratha non è altro che un tipo di pane molto aromatizzato e saporito, dunque si accompagna ad una vasta gamma di companatici. Chi vuole attenersi alla tradizione indiana può usare il paratha per valorizzare i piatti di carne macinata, come il keema matar, che tra le altre cose vede come protagonista anche ortaggi e verdure (in particolare i piselli). Stesso discorso per il pollo al curry, che condivide con il paratha buona parte della composizione aromatica, con esplicito riferimento alla curcuma.

Allo stesso tempo si può trattare l’aloo paratha come qualsiasi altra focaccia, condendola con alimenti nostrani. E’ perfetta con i pomodorini (che impreziosiscono senza rubare troppo la scena), con le olive verdi, con un formaggio poco stagionato e con un affettato. Insomma le soluzioni sono numerose, l’unico limite è dato dalla fantasia e dalla capacità degli ingredienti di interagire tra di loro.

Le differenti varianti

L’aloo paratha appartiene ad una categoria interessante in quanto varia e capace di proporre soluzioni diverse, alcune delle quali risultano persino sorprendenti. A seconda dell’ingrediente principale dell’impasto, la focaccia assume una denominazione differente. Abbiamo quindi il gobi paratha quando la patata è sostituita dal cavolfiore, e il keema paratha quando è presente l’agnello tritato finemente. Si apprezzano anche varianti con lattughe, ravanelli, formaggi, anche se sono decisamente meno diffuse.

Le focacce si differenziano anche per la consistenza, a tal proposito esistono le paratha “a strati”. In buona sostanza le sfoglie di paratha vengono montate una sull’altra e separate da uno strato sottile di burro. La loro consistenza risulta così più morbida e accentua, trasformando la paratha in una sorta di focaccia alta. Il consumo è in genere associato a companatici di rilievo.

FAQ sull’aloo paratha

L’aloo paratha fa ingrassare?

Di base l’aloo paratha non fa ingrassare, almeno non più di qualsiasi altro impasto cerealicolo. Ovviamente l’apporto calorico dipende dalle porzioni e dai companatici utilizzati.

Com’è fatto l’aloo paratha?

L’aloo paratha è una sorta di crepe realizzata senza uova, con le farine e le spezie. E’ morbida come una focaccia sottile, ma propone un sapore tutt’altro che neutro.

Quali patate sono buone per l’aloo paratha?

Le patate migliori per l’aloo paratha sono le patate bianche farinose. Questo tipo di patate si cuoce più in fretta ed è più facile da ridurre in purea, inoltre sono delle patate molto delicate in termine di sapore. Ciò non toglie che possano essere utilizzate anche le patate a pasta gialla, sebbene siano un po’ più coriacee.

Da dove viene l’aloo paratha?

L’aloo paratha è una ricetta della cucina indiana molto diffusa in tutta l’Asia meridionale. In particolare è presente con nomi leggermente diversi in Bangladesh, in Nepal, in Pakistan e nello Sri Lanka.

Ricette di focacce ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE