Dalla cucina indiana il pollo tikka masala

pollo tikka masala
Commenti: 0 - Stampa

Con il pollo tikka masala, i sapori si gustano fino in fondo!

Oggi desideravo proporvi una ricetta capace di trasportarci letteralmente nel mondo delle spezie, dove numerosi profumi, colori incredibili e sapori unici si uniscono alla perfezione. Perciò, pensandoci bene, mi sono detta: “Perché non proporre il pollo tikka masala?” Infatti, è una pietanza fantastica sotto diversi punti di vista, che ci porta in un viaggio sensoriale alla scoperta della cucina indiana.

Tanti sapori unici e un’incredibile mix di nutrienti, rendono questa ricetta ideale per qualunque stagione e, in particolare, per le occasioni speciali. Perciò, se non avete mai assaggiato il pollo tikka masala, direi che è arrivato il momento di farlo: questi bocconcini di pollo marinato con spezie e yogurt (pollo tikka), immersi in una cremosa salsa valorizzata ancora una volta da una miscela di spezie (masala) dalla colorazione rosso-aranciato, conquisteranno tutti i vostri ospiti!

Le curiosità che accompagnano questo secondo piatto molto speciale…

Per tradizione, il pollo tikka masala viene cotto nel tandoori, un tipico forno che consente di cuocere ii cibi ad una temperatura molto alta. Tuttavia, ciò non significa che usando il forno di casa vostra… non verrà bene! Anzi, avrete comunque la possibilità di assaporare un piatto delizioso e il merito va soprattutto agli ingredienti principali e alle spezie: la paprika, lo zenzero, il cumino, il peperoncino fresco e la curcuma potranno valorizzare il vostro pasto in ogni suo boccone!

Secondo alcune fonti, sembra che questa pietanza indiana sia in realtà nata nel Regno Unito e, non a caso, è proprio in questi luoghi che risiede, al di fuori dell’India stessa, la comunità indiana più grande. Per questi motivi, il pollo tikka masala viene spesso definito “il vero piatto nazionale britannico”. Tuttavia, che sia indiano o inglese, poco importa: questo secondo è molto apprezzato per il suo intenso sapore, che accompagna alla perfezione la morbida consistenza della carne di pollo.

pollo tikka masala

Le straordinarie proprietà del pollo tikka masala

Con questa ricetta, potrete portare in tavola un piatto dotato di ottimi livelli di proteine dall’elevato valore biologico, di vitamine del gruppo B e di sali minerali molto importanti per il nostro corpo. Inoltre, non possiamo sottovalutare il potere delle spezie presenti in un buon piatto di pollo: amiche del cuore e del metabolismo, e nemiche dei batteri, dell’invecchiamento e del colesterolo!

Se amate i sapori speziati, certamente non potrete fare a meno di apprezzare questa pietanza, che vi consiglio di servire con del riso pilaf oppure con del pane chapati, entrambi perfetti per creare un pasto in stile orientale. La preparazione di questa ricetta si divide in due fasi: una dedicata al pollo e una alla salsa, che alla fine si uniranno insieme… in un connubio perfetto! Si dice che il pollo tikka masala sia il piatto preferito degli inglesi e degli irlandesi… e chissà se diventerà anche uno dei vostri piatti preferiti!

Ed ecco la ricetta del Pollo tikka masala

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr. di petto di pollo

Per la marinatura:

  • 250 gr di yogurt greco
  • un pezzetto di zenzero fresco di circa 2 cm
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiaini di Garam Masala
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaio di paprika
  • il succo di 1/2 lime
  • q.b. sale

Per la salsa:

  • 250 ml di passata di pomodoro
  • 50 gr di yogurt greco consentito
  • un piccolo scalogno
  • uno spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di paprika
  • 1 cucchiaio di peperoncino essiccato
  • 2 cucchiaini di cumino
  • 1 cucchiaio di curcuma in polvere
  • 1/2 cucchiaino di coriandolo
  • 20 gr di zucchero di canna
  • 20 gr di burro chiarificato
  • q.b. sale

Preparazione

Tagliate il petto di pollo a cubetti. Preparate la marinatura mettendo in una ciotola tutti gli ingredienti elencati per la marinatura, tranne l’aglio, mescolate bene e aggiungete i cubetti di pollo. Schiacciate gli spicchi di aglio e mescolate bene ricoprendo tutta la carne. Coprite la ciotola con una pellicola di plastica e mettetela in frigorifero almeno per 6 ore o, se potete, tutta la notte sarebbe meglio.

Trascorso il tempo della marinatura, togliete il pollo dal frigorifero e lasciate che torni a temperatura ambiente; poi mettetelo in una teglia e cuocetelo in forno ventilato e preriscaldato a 220° gradi, fino a quando non sarà dorato (per circa 20 minuti).

Nel frattempo, preparate la salsa: tritate lo scalogno e l’aglio. In una padella larga, aggiungete il burro chiarificato e fate soffriggere l’aglio, la cipolla e il peperoncino per un paio di minuti. Poi aggiungete il cumino, la paprika e la curcuma, fate tostare le spezie per un minuto a fuoco vivace; aggiungete la salsa di pomodoro, lo zucchero di canna e un pizzico di sale, coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti.

Dopo circa 8 minuti, aggiungete lo yogurt e mescolate bene. Il pollo nel forno, nel frattempo, si sarà dorato. Quindi, toglietelo dal forno e aggiungetelo nella padella con la salsa mescolate bene, e unite il coriandolo fresco a piacere.

Servite ben caldo.

5/5 (498 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti